I VOTI DI STAGI. LO SCATTISTA CHE NON STECCA

GIRO D'ITALIA | 18/05/2019 | 18:53
di Pier Augusto Stagi

Caleb EWAN. 10. Vuole la tappa, e lo fa capire chiaramente ai suoi e a tutti. In volata non si nasconde neanche tanto, anzi, contrariamente alle sue abitudini si piazza bene in terza ruota, alle spalle degli uomini Bora, e attende il suo momento. È quello che interpreta meglio la volata. Una curva a pochi metri dal traguardo è l’ideale per uno scattista come il piccolo velocista australiano e quando decide di aprire il gas non ce n’è per nessuno. 

Elia VIVIANI. 6. Niente da dire, soprattutto niente da fare: Ewan è stato il più forte. Il campione d’Italia non si può rimproverare di nulla, perché in una tappa così, la più lunga e tanto complicata, arriva a disputare una volata per la vittoria. Non si deve rimproverare nulla, se non una cosa: provare ad anticipare la volata. Con una curva così vicina al traguardo è dura poi recuperare. L’impressione è chiara: Elia è meno scattista di Ewan, ma più potente. Però da quell’ultima curva e il traguardo c’è davvero poco spazio: anche per i sogni.

Pascal ACKERMANN. 5. I suoi lavorano benissimo e lo portano lì, ad un passo dal traguardo. Lui si alza sui pedali, ma capisce subito che non è giornata.

Manuel BELLETTI. 6. Sente aria di casa, e prova a buttarsi nella mischia: trova troppo traffico.

Arnaud DEMARE. 5. Lavorano tanto i suoi Groupama, ma lui in questo Giro fatica a trovare il varco giusto. 

Davide CIMOLAI. 6. Resta con la nobiltà del velocismo “rosa” e si porta a casa un buon settimo posto, che gli vale la sufficienza.

Marco CANOLA. 6. Tappa più che positiva per lui che per la sua Nippo, che onora tutta la frazione più lunga del Giro. Arriva allo sprint, e non è cosa così scontata.

Giacomo NIZZOLO. 5,5. È chiaro che gli manchi qualcosa, gli manca un po’ di tenuta e di velocità, ma per il milanese è solo questione di tempo.

Eros CAPECCHI. 7. Nel finale si scatena e si carica sulle spalle il compito e la responsabilità di pilotare come meglio non potrebbe Viviani e compagni verso il traguardo di Pesaro. In discesa mena le danze come pochi, pennellando le curve come un artista di strada. Ha classe da vendere, e non si compra.

Marco FRAPPORTI. 8. È un accumulatore seriale di chilometri. Sin da bambino la mamma fatica a tenerlo fermo, lui scappa di continuo. Adesso che non è più un bimbo, non ha però perso l’abitudine e se prima la mamma metteva il muso, adesso Gianni Savio gongola. È l’uomo delle fughe, un infaticabile “rouleur”, un regolarista fenomenale, che porta in giro per l’Italia la maglia dell’Androni Giocattoli. Fa fare bella figura a tutti, senza fare figure.

Damiano CIMA. 8. Sale sul “treno” Frapporti e scende solo in prossimità del traguardo. Una tappa tutta in fuga, con il vento che accarezza i capelli e la pioggia che di tanto in tanto rinfresca i pensieri. Damiano è tra i più attivi e continui in questo inizio di Giro. Valentino Sciotti, il signor Vini Farnese, ringrazia per la visibilità che questo ragazzo bresciano ha saputo garantire al proprio team in oltre 200 chilometri di fuga, che altro non sono che visibilità. Anche per questo si corre; anche per questo s’investe.

Nicola BAGIOLI 7. Ci sono tanti modi di avvicinarsi al Giro, lui ha scelto in modo peggiore: finendo contro un’autovettura che procedeva in senso contrario. Venti giorni prima della “corsa rosa”, il 24enne valtellinese della Nippo Vini Fantini è stato investito mentre era in allenamento. Nessuna frattura, ma grande lo spavento e diverse le botte e le escoriazioni riportate. Dopo il Tour of The Alps, corso in condizioni precarie, si è presentato al via da Bologna con una condizione approssimativa. È difficile che il ragazzo diretto da Mario Manzoni possa inseguire una vittoria di tappa, ma statene pur certi, non si darà per vinto. 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Ciliegina sulla torta per la Riccione dello sport, il miglior epilogo di un 2019 da incorniciare: il percorso rosa della tappa a cronometro Riccione – San Marino si tinge di azzurro al passaggio della squadra nazionale dei cronomen, guidati dai...


Il varesino Alessandro Covi del Team Colpack, protagonista ieri nella lunga fuga di giornata tra i professionisti alla Coppa Bernocchi di Legnano, è tra i 10 atleti convocati dal CT azzurro degli Under 23 Marino Amadori  dai quali, tra qualche giorno, sceglierà i sei titolari per la...


Nel nome di Gimondi. Il Lombardia NamedSport, vinto due volte dal Campione di Sedrina nel 1966 e nel 1973, gli renderà omaggio sabato 12 ottobre sul percorso che partirà da Bergamo per chiudersi sul Lungolago di Como. Al vincitore verrà...


Un mese e due giorni dopo Matteo Spreafico è tornato a pedalare sulla sua bici. Il figlio d'arte (papà Maurizio ha corso tra i professionisti dal 1987 al 1989 nelle squadre di Ivano Fanini, ndr), caduto nel corso della prima tappa...


C'è la firma del figlio d'arte Lorenzo Giordani sul 5°G.P. Montespertoli, riservato alla categoria Allievi, al quale hanno preso 95 atleti provenienti dalla Toscana e dalle regioni limitrofe. Il percorso prevedeva un circuito ondulato con la salita di Montagnana da...


Vincere tra favorito è sempre meno scontato di quanto potrebbe sembrare ma il russo Artem Ovechkin (TSG) non si è scomposto e ha centrato il bottino pieno tappa e maglia nel cronoprologo di poco più di cinque chilometri che ha...


Il supervisore delle Squadre Nazionali italiane, Davide Cassani, e il ct degli stradisti azzurri under 23, Marino Amadori, hanno scelto i titolari per le gare Giro della Toscana (18 settembre) e Gran Premio di Peccioli Coppa Sabatini (19 settembre). Al...


Strada e pista, le ragazze di Giovanni Fidanza sempre protagoniste. Una buona serie di risultati ha caratterizzato l'ultimo week end del team Eurotarget Bianchi Vittoria squadra femminile UCI. In primis il secondo posto di Debora Silvestri al Lake Garda Classic...


Non si vive di sola palestra e allora CR7, dopo il pareggio con la Fiorentina, deve aver pensato che era meglio passare una giornata all'aria aperta con tutta la famiglia. Tra i tanti sport da lui praticati, ecco che compare...


Primoz ROGLIC. 10. La crono gli spiana la strada, poi lui con calma olimpica, risponde a tutti colpo su colpo tanto da spianare anche le montagne. È il Primoz sloveno a vincere un Grande Giro, completa l’anno delle prime volte...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy