GATTI&MISFATTI. PRIMOZ E SUPERBRAVO

GIRO D'ITALIA | 14/05/2019 | 18:52
di Cristiano Gatti

 

Quando la maglia rosa guadagna su tutti gli avversari di classifica grazie a una caduta assassina in mezzo al gruppo, io mi pongo sempre una domanda: bravo o fortunato? Per Roglic ho questa riposta: dieci per cento fortuna, novanta bravura. Fortunato a non uscirne devastato come Dumoulin, ma superbravo a correre comunque nel posto giusto, con gli occhi ben aperti, sveglio e prontissimo poi a cogliere l’occasione d’oro (parere personale: avesse fatto lo sprint sul serio, avrebbe pure vinto la tappa).

Chi segua attentamente lo sloveno nelle fasi tesissime del finale non può non notare la facilità con cui il leader sfrutta la situazione. Spettacolo. Talmente agile da sembrare senza catena. E alla fine, la mietitura: secondi di vantaggio su tutti.

Certo dire così di Roglic può sembrare una vera cattiveria contro Dumoulin, agli antipodi del ragionamento, con ferite profonde e Giro compromesso. Cosa significa, che lui è più tordo di Roglic? Ovviamente no: per l’olandese invertirei semplicemente la proporzione, dieci per cento errore di posizione e novanta per cento sfortuna.

Risultato complessivo: vale più una caduta per leggerezza di Puccio in un tratto liscio come l’olio (anche se poi al Processo vanno avanti mezz’ora con pistolotti sull’idiozia del pubblico), che quattro tapponi alpini. Però piano con la sorpresa e l’indignazione: le cadute, anche le più stupide, sono parte essenziale del Giro. Di qualunque grande corsa. Tanto per ricordare solo l’ultimo esempio: Nibali si gioca il Tour dell’anno scorso per un tifoso mentecatto che l’aggancia con la fotocamera.

E’ in fondo per questo che ogni pronostico diventa sempre un po’ ridicolo. Alla fine delle tre settimane, il più forte deve risultare anche fortunato. Basta il dieci per cento, giusto il minimo sindacale per evitare raffreddori e cadute letali. Proprio la percentuale di Roglic a Frascati. Più di un indizio. Una vera minaccia.

Ps: nota di servizio per la Rai. Apprezzabile, ma non risolutivo, l’intervento dell’arredatore sul palco del Processo, dove all’inizio gli opinionisti sembravano inquilini in attesa dei mobili. Adesso, messi a file, sembrano in aereo: Garzelli e Conti davanti in Business, Giggggetto Sgarbozza e lo scrittore Genovesi dietro in Economy. Comunque non si decolla mai.

Copyright © TBW
COMMENTI
Franzelli stonato
14 maggio 2019 19:14 marcodlda
Più che l'arredamento lo stonato è il povero Franzelli: è fuori dal contesto del ciclismo come un piguino nel Sahara. Ma chi ce l'ha messo? La Zia non la rimpiango, ma almeno sapeva distinguere una bici da un paracarro... Rai specialista nel farsi del male.... (la mancanza di Martinello è veramente di un autolesionismo colossale!)

Solo Franzelli?
14 maggio 2019 22:40 a01500
D'accordo su Franzelli: non capisce mai di cosa si stia parlando. Ma anche riesumare Sgarbozza è un atto autolesionistico. Le cadute negli ultimi km stanno diventando un grosso problema: 6 squadre per gli uomini di classifica e 6 squadre x quelli di tappa che menano in testa al gruppo fisicamente non ci stanno. Secondo me va studiata in alcune tappe una neutralizzazione parziale a 10 km dall'arrivo x gli uomini di classifica.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Pascal Ackerman firma il bis alla Clasica de Almeria ripetendo il successo conquistato lo scorso anno. Il tedescod ella Bora Hansgrohe è stato il primo a lanciare una volata lunghissima e ha saputo contenere molto bene il tentativo di rimonta...


Giulio Ciccone, superbo vincitore del 57° Trofeo Laigueglia, dopo le infinite premiazioni si concede ai taccuini e microfoni e racconta la sua giornata: «Sono molto soddisfatto, questa gara l’ho già fatta diverse volte e mi trasmette ogni anno una grande...


E’ stato Diego Rosa, capitano del Team Arkea Samsic, a far saltare il banco della 57a edizione del Trofeo Laigueglia. E’ stato lui ad accendere la miccia nella seconda delle quattro ascese finali al Colla Micheri. Però l’ottima azione, e...


Ancora una fuga vincente sulle strade dela Provenza. L'ultima tappa del Tour ha visto infatti il sucesso del britannico Owain Doull che ha regalato la prima gioia di stagione al Team Ineos. Doull ha preceduto i compagni di fuga Brandle...


Un lampo azzurro a Laigueglia, in una giornata dal cielo bigio: Giulio Ciccone, abruzzese della Trek Segafredo oggi in gara con la maglia azzurra, ha dominato il Trofeo Laigueglia firmando un'azione bellissima sull'ultimo passaggio a Colla Micheri. La corsa esplode...


L'iridata Ceylin Del Carmen Alvarado conquista anche l'ultima prova dell'Ethias Cross che oggi si è disputata ad Hulst, in Olanda. La campionessa del mondo, portacolori della Alpecin Fenix, si impone allo sprint superando la rivale di sempre Annemarie Worts. Completa...


Prova di forza di Eli Iserbyt nell'Ethias Cross di Hulst, in Olanda. Il belga della Pauwels Sauzen domina la prova dal primo all'ultimo metro trionfando nettamente davanti all'inglese Tom Pidcock (Trinity) e al connazionale Toon Aerts (Telenet Baloise).


Uno dei papabili alla vittoria è il trevigiano Andrea Vendrame. Subito dopo il foglio di firma il portacolori della AG2R La Mondiale non ha nascosto il suo obiettivo. “La condizione è buona, arrivo da un bel periodo in Australia dove...


Andrea Piccolo, il milanese classe 2001, è uno dei più attesi corridori della corazzata Team Colpack Ballan. Anche per lui la prima stagionale è tra i professionisti sulle strade della Riviera di Ponente. “Tanta emozione essere qui al via di...


Una squadra solida forte di 16 atleti in grado di imporsi su qualsiasi traguardo, due direttori sportivi abili ed esperti, un team manager di comprovata serietà e professionalità, sponsor appassionati, entusiasti e che amano il ciclismo. Non manca veramente nulla...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155