L'ORA DEL PASTO. L'UOMO CHE RIFIDANZA L'ITALIA AL GIRO

LIBRI | 30/04/2019 | 07:55
di Marco Pastonesi

E’ l’Atlante del Touring club italiano in anima e corpo. E’ il Google Maps in carne e ossa. E’ il Garmin del Novecento. Conosce provinciali e frequenta statali, nel senso delle strade. Bazzica bar, trattorie e osterie, tant’è che è amico di baristi, cuochi e osti, e ne apprezza specialità, originalità e unicità della casa. Il suo data-base è, un patrimonio di nomi e cognomi, parentele e indirizzi, numeri civici e telefonici, carriere ciclistiche e virtuosismi professionali, e tutto abita nella sua prodigiosa memoria, più qualche provvidenziale agendina di supporto. Se fosse una casa editrice, sarebbe la De Agostini. Se fosse un catalogo, il Bolaffi. Se fosse un umanista, Pico della Mirandola. Se fosse un eroe, Garibaldi.


Giuseppe Figini è l’autore del “Tv Roadbook” del Giro d’Italia. Uno sguardo dall’alto dei cieli, una guida dal ventre della terra. L’arte di coniugare Leonardo con Vinci e Livio Trapè con Montefiascone, il Titano con San Marino (il santo esentasse) e il Croce d’Aune con Tullio Campagnolo (anche lui santo dopo aver inventato il cambio), Dorando Pietri con Carpi e Toni Bevilacqua con Santa Maria di Sala, Fucecchio con il Padule (oltre che con Indro Montanelli) e San Zenone con il Po (oltre che con Gianni Brera), Saint Vincent con il casinò degli scommettitori e San Giovanni Rotondo con il convento dei cappuccini.


Beppone – per gli amici – ha l’arte e il piacere di sposare l’arte al piacere e il piacere all’arte, cioè gli affreschi del Trecento alle frittate con la cipolla, le sculture del Canova ai pizzoccheri della Valtellina, gli archi ogivali ai vini secchi, le navate centrali ai passisti velocisti. Lui collega, connette, congiunge. Lui rispolvera, riscopre, rianima. Lui, ogni anno, rifidanza l’Italia al Giro. Nonostante i danni perpetrati, nonostante le ferite inferte, un Paese baciato dalla bellezza e una corsa creata fra i tesori.

Avviso ai naviganti: sul sito www.giroditalia.it sono visibili e scaricabili “Il Garibaldi” e il “Tv Roadbook”.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Finalmente le gare sono iniziate. Il primo titolo olimpico di Tokyo2020 del ciclismo se l'è aggiudicato Richard Carapaz. Lo scalatore dell'Ecuador che abbiamo conosciuto nel 2019 come re del Giro d'Italia ha tagliato un traguardo storico e fatto impazzire di...


Il Giro della Valle d'Aosta, chiuso in terza posizione, gli ha dato la perfetta condizione di forma e subito Mattia Petrucci l'ha sfruttata a dovere. Colpo vincente del veronese della Colpack Ballan nella Coppa città di Ovada per dilettanti che...


Sul traguardo di Quaregnon, Fabio Jakobsen mette a segno la sua doppietta personale e chiude tra gli applausi il Tour de Wallonie. L'olandese della Deceuninck Quick Step, che aveva vinto a Zolder nella seconda tappa, si è ripetuto nella frazione...


Richard Carapaz è al settimo cielo quando si presenta in sala stampa con l'oro olimpico al collo: «È stata una giornata un po' pazza, una corsa molto dura, io ho avuto pazienza e aspettato il mio momento, poi ho avuto...


Wout van Aert rende onore al suo avversario e nasconde la sua delusione dietro ad una splendida medaglia d'argento: «Corro sempre per vincere ma oggi sono molto più felice che ai mondiali di Imola 2020, ho sempre un argento al...


Tadej Pogacar sorride al traguardo, sorride sul podio e sorride anche incontrando i giornalisti in conferenza stampa: «Sono felicissimo per il terzo posto, ho dato il massimo, sono super super contento di essere riuscito a salire sul podio dei Giochi...


Richard CARAPAZ. 10 e lode. È cambiato il mondo, è cambiato da un po’ e anche questo ragazzo ha contribuito a farlo. Un tempo nazioni come l’Ecuador davano vita alle fughe di giornata: i primi scatti erano i loro. Adesso...


Il CT Davide Cassani analizza la gara dei suoi ragazzi in questa prova olimpica: „Peccato per i crampi di Alberto Bettiol: non sappiamo per quale motivo siano venuti, soprattutto in un tratto di strada facile, era discesa ed è stato...


Con la solita disponibilità Vincenzo Nibali si ferma dopo il traguardo per analizzare la sua prestazione ai Giochi Olimpici: «Ci è mancato il risultato finale ma abbiamo corso davvero bene, abbiamo giocato le nostre carte nel modo giusto. Abbiamo cercato...


Sessantasette atlete per 39 nazioni: sarà questo il quadro della prova in linea femminile che si disputerà domani, con partenza alle ore 6 italiane. Sarà una gara atipica, formazioni ridotte all'osso - le nazionali migliori possono schierare solo 4 atlete...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI