L'ORA DEL PASTO. IL GELATO (E LA MISS) DEL MEO

STORIA | 13/04/2019 | 07:48
di Marco Pastonesi

 

Gran premio di Larciano, circuito di 120 chilometri a ingaggio, ingresso a pagamento, trenta corridori alla partenza. E’ il 21 settembre 1970. Tre amici – Piero Pieratti, Eligio Bove e Alessandro Tommasi - decidono di andarci: pullman, e via. Arrivano per tempo, anzi, hanno tutto il tempo di godersi l’attesa girando per le strade di Larciano in cerca dei corridori. Ma è un’impresa disperata: i corridori sono tutti in bici a scaldarsi. Tutti tranne uno.

E’ lì vicino alla partenza, seduto a un tavolino del Bar Centrale. Non è da solo: di fronte a lui una ragazza, bellissima, con la fascia da miss. Sta mangiando, oltre a lei con gli occhi, anche un gelato. Se lo sta proprio gustando. Se lo sta proprio godendo. Sarà un amatore, si dicono i tre amici. Per controllare, si avvicinano e scoprono che non è un amatore, ma un vero corridore. Lo riconoscono: Romeo Venturelli. Si guardano: non poteva che essere lui. Un campione, se solo volesse, ma è che non vuole, lui vuole riscaldarsi ma con un gelato, vuole concentrarsi ma con una miss, vuole correre ma dei rischi.

Meo è resuscitato l’altra sera, a Pozzuolo del Friuli, quando alla presentazione di “Cento Coppi” di Giacinto Bevilacqua e Renato Bulfon (Alba edizioni) Piero Pieratti mi ha regalato questo suo antico ricordo. Un ricordo dolce come il gelato, bello come la miss, matto come Meo. Uno che ha battuto Anquetil a cronometro, Van Looy in volata, Gaul in salita, uno che era stato scelto da Coppi e Bartali (più da Coppi che da Bartali) per guidare la squadra che li avrebbe uniti (la San Pellegrino), uno che se solo avesse voluto, avrebbe potuto, ma la verità è che aveva altre priorità e altre precedenze, soprattutto altre urgenze. Ed è così che è entrato nella storia.

La morale non sta in Meo, ma in questo infinito romanzo popolare che è il ciclismo, in questa enorme comunità che è il popolo del ciclismo, anche in questo generoso, magico, fortunato lavoro (lavoro?, mestiere?, professione?, missione?, passione?, veramente non saprei più) di giornalista, un po’ contastorie e un po’ cantastorie, un po’ anche rubastorie, che regala il potere e la possibilità di ricordare e collegare, di trasmettere e resuscitare, di pedalare anche così.

(Per la cronaca: quel Gran premio di Larciano fu conquistato da Franco Bitossi; di Romeo Venturelli nessuna traccia)

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Superba prova della atleta trevigiana di Cimadolmo nella Classica olandese sulle colline del Limburgo, prova di apertura del Trittico delle Ardenne. Decisivo è stato l'ultimo passaggio sul Cauberg a meno di tre km dal traguardo: sull'erta finale l'attacco di Kasia...


L'edizione 2019 del TotA prende il via da Kufstein con una tappa dal profilo altimetrico accidentato anche se priva di lunghe salite. La frazione d’apertura si articola in due circuiti distinti: un primo, di circa 34, 5 km, da percorrere...


Il Tour of the Alps che scatta oggi, riporta l'attenzione sulla Ciclismo Cup. In attesa di conoscere se in palio ci sarà o meno anche per l'anno prossimo una wild card per il Girod'Italia, la classifica vede al comando la...


Se il weekend di Pasqua nel ciclismo professionistico rappresenta da sempre un crocevia fondamentale della stagione con le “classiche del nord”, nel mondo U23 il primo momento della verità coincide con i grandi appuntamenti internazionali in Italia. Il Giro del...


Ragazzi, Van der Poel è un fenomeno! Il capolavoro messo sui pedali ieri all’Amstel Gold Race è un numero che rimarrà decisamente negli annali del ciclismo che conta, questo è sicuro. In sella alla sua Canyon Ultimate Van der Poel...


  Finale emozionante nella “Primavera Cup in Memoria di Luciano Andreazzoli” e momento drammatico quando dietro all’ormai imprendibile vincitore Pietro Aimonetto della Bustese Olonia si lottava per il secondo posto in un gruppo di 40 corridori. A cento metri dalla...


Giovanissimi, esordienti e allievi sono ancora al centro del progetto 2019 dell’Alma Juventus Fano. Sono ottime basi per programmare e avviare al meglio la stagione con ottime prospettive e con un organico collaudato e rinforzato in tutti i settori, il...


  Un podio tutto toscano per la seconda edizione della Resceto Cup per allievi che ha preso il via dalla zona di Avenza a Massa, e si è conclusa ai quasi 600 metri di altitudine di Resceto, piccolo quanto grazioso...


Pretattica, ma non troppo. Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida) e Chris Froome (Team Sky) sono stati i grandi protagonisti della giornata di vigilia del 43° Tour of the Alps, tenutasi a Kufstein Domenica 21...


Esce a testa alta la Sangemini Trevigiani Mg.Kvis Vega dalla corsa a tappe internazionale Belgrade-Banja Luka (Bosnia Erzegovina) del calendario UCI Europa Tour 2.1.Dario Puccioni ottiene il settimo posto nella classifica generale a soli 10" dal polacco Franczak, vincitore della...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy