SAN JUAN. KEISSE: «HO FATTO UNA STUPIDATA, SCUSATE». AUDIO

INTERVISTA | 29/01/2019 | 13:00
di Giulia De Maio

Iljo Keisse risponde alle accuse ricevute da una cameriera di San Juan per abuso sessuale, con la quale aveva posato per una foto venerdì scorso, prima del via della corsa argentina. «Non avrei mai voluto trovarmi qui, in questa situazione. Voglio spiegarvi la mia posizione perchè in tv e sui giornali è stato detto di tutto e di più» esordisce il 36enne belga della Deceuninck-QuickStep.



«Dopo un allenamento, con i miei compagni ci siamo fermati in un bar nella strada principale del paese, Erano le 13.00, ci siamo fermati per un caffè, con tutta la squadra. C'erano tante persone, abbiamo scattato una foto tra le 500 per cui ci prestiamo ogni giorno. Questa ragazza dopo che ne abbiamo fatta una di gruppo, ne ha voluta un'altra ed è indietreggiata, in quel momento io ho fatto un movimento stupido con le braccia, che visti i risultati non rifarei mai».

Ci tiene a precisare: «Non l'ho toccata, in alcun modo. Ho fatto una cosa stupida in un momento stupido. Lei non ha avuto alcuna reazione. Chi mi conosce sa che non sono un idiota, ho semplicemente commesso un errore stupido. Sono mortificato, ma non ho fatto nulla di più di quello che vedete nella foto. Di certo non è stato lo scherzo che mi è riuscito meglio».

Affiancato dal responsabile comunicazione e marketing del team Alessandro Tegner, aggiunge: «Voglio chiedere scusa, in particolare a questa ragazza. Ho fatto un errore e devo chiedere perdono a chiunque si sia sentito offeso dal mio gesto, agli organizzatori della corsa a cui so di aver creato dei problemi, alla mia squadra che ho messo in imbarazzo. Ho fatto una cosa davvero stupida, vorrei poter tornare indietro nel tempo, ma non si può. L'unica cosa che posso fare è chiedere scusa e promettere che non capiterà mai più. Non è un momento facile per lei, ma vi assicuro che non lo è neanche per me, mia moglie e i miei bambini. In questo momento vengo trattato come un criminale, la questione è andata decisamente oltre le mie aspettative. Mi dispiace. Ora voglio restare concentrato sulla corsa» ha commentato, prima di rispondere alle domande dei giornalisti accreditati alla Vuelta a San Juan.

Hai detto che non è stato uno dei tuoi migliori scherzi, lo consideri ancora una bravata?

«È accaduto tutto in una frazione di secondo, l'ho fatto senza pensarci, è evidente. C'è la foto. Eravamo allineati, siamo "capitati" in una certa posizione e ho fatto una stupidata. Ripeto: mi scuso. Ho un certo ruolo nel team, sono tra i più adulti, so che dovrei essere un buon modello per i compagni più giovani. Cerco di esserlo, su e giù dalla bici, questa volta non ci sono riuscito».

Sei stato contattato dalla polizia?

«La ragazza ha fatto un reclamo alla polizia, io sono dovuto andare a esporre la mia versione alle autorità competenti lo scorso lunedì, dopo di chè il caso è stato chiuso. Sono tornato all'hotel, ho attaccato il numero alla schiena e per me la questione legalmente era alle spalle. Ora è esploso il caso mediatico e ne sto soffrendo moltissimo».

Sei andato alla caffetteria a chiederle scusa?

«Non ne ho avuto il tempo. Già è stato difficile andare alla polizia, per l'impegno della gara. Cercherò di andare a chiederle scusa di persona, dovrei proprio farlo il prima possibile».

A questo punto, non è meglio lasciare la corsa?

«Ho commesso un errore, ho fatto un brutto gesto con le braccia, ma non ho toccato nessuno, non ho rubato ne fatto male. Sono un uomo che ha commesso uno sbaglio. Sono super pentito, ma non c'è motivo per cui io non debba continuare a svolgere il mio lavoro».

 

nel file audio puoi ascoltare la conferenza stampa integrale in inglese

articolo correlato: SAN JUAN, ACCUSE DI ABUSO SESSUALE PER ILJO KEISSE


Copyright © TBW
COMMENTI
tra poco
29 gennaio 2019 17:41 Observant
tra poco sarà colpa della ragazza...

per observant
29 gennaio 2019 21:02 ConteGazza
non esageriamo, CR7 allora di ke parliamo??

Troppo clamore
29 gennaio 2019 21:52 IngZanatta
I racconti della ragazza e di Iljo coincidono, praticamente non è successo nulla, è stato un gesto goliardico. Gli organizzatori e la squadra sbagliano a dare risalto alla cosa.

Che esagerazione
29 gennaio 2019 23:30 AleC
Premesso che non ho ancora capito che gesto ha fatto, ma intanto già emerge (dal racconto di entrambi?) che non c'è stato contatto fisico. Sarà stato un gesto volgare...
Un episodio deprecabile ma che si può concludere con delle scuse e basta. E per fortuna nessuno lo ha fatto ritirare dalla corsa, che sarebbe stato folle.

Che tristezza
30 gennaio 2019 01:01 Legend
Abuso sessuale? Quante cazzate.. Ma poi la ragazza è talmente fan della squadra che non aspetta altro che l'occasione propizia per spillare soldi..

caro ingegnere
30 gennaio 2019 09:11 fedaia66
il gesto e' stato stupido..al limite della molestia.forse di non rilevanza penale, cnon conosco le leggi argentine, ma da gogna mediatica attivata, si...senza esagerare...

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La Liegi-Bastogne-Liegi vivrà domani il 110° atto della sua gloriosa storia. Nella Decana delle classiche l’Italia ha fin qui festeggiato 12 affermazioni, la prima nel 1965 con Carmine Preziosi e l’ultima nel 2007 con Danilo Di Luca. Nel mezzo la...


Ultime corse di preparazione e poi sarà Giro d’Italia 2024. Dopo la parentesi di ottobre dell'edizione 2023, domani scatta il Giro di Turchia 2024, che torna nella sua collocazione originale e ci terrà compagnia dal 21 al 28 aprile, per...


La terza tappa dell'Eroica juniores, da Siena a Montevarchi, è stata annullata per ragioni di sicurezza. Dalle prime indicazioni la causa è dovuta ad un cambio di percorso da parte di un drappello di atleti i quali, in località Cavriglia,...


Doppio impegno in Piemonte e Romagna per la squadra di Savio e Bellini. Nelle due gare del calendario internazionale UCI si alterneranno - diretti da Plaza  e Peschi - i seguenti corridori: Camargo, Aguirre, Muniz, Cadena, Muniz, Macias, Orozco, Soto...


Tommaso Quaglia trionfa sotto lo sguardo felice di patron Carlo Giorgi e del suo diesse Leone Malaga. Il 18enne cuneese di Verzuolo, portacolori del Team F.lli Giorgi, ha fatto centro nella 60sima edizione del Giro della Castellania per la categoria...


Quasi all’improvviso, senza neanche accorgersene, il ciclismo italiano si è ritrovato in mano un corridore che può ambire (e ambisce) a fare alta classifica in un Grande Giro. La crescita di Antonio Tiberi negli ultimi due mesi è stata lampante,...


Ancora fra i protagonisti Davide Toneatti. Dopo la vittoria di ieri, il friulano della Astana Qzaqstan Development, è salito sul podio della terza tappa, la più lunga del Giro con i suoi 190 km, della Belgrade Banjaluka in Serbia che...


Festival del cronometro oggi a Valmadrera, nel Lecchese, per la disputa della quinta edizione del Trofeo Pietrella riservata alle categorie esordienti, donne esordienti e allieve. Oltre 200 i partecipanti che si sono sfidati su un percorso di 2, 8 chilometri...


E’ stato inaugurata oggi in Belgio la Maison du Cyclisme, il nuovo museo del ciclismo ai piedi del Col de la Redoute ad Aywaille e dedicato alla Liegi-Bastogne- Liegi. Belgio e Francia insieme adesso possono vantare tre musei dedicati alle...


“…su per il Balmone - La grande storia del ciclismo a Maggiora”. Quale frase migliore per parlare del libro che verrà presentato oggi, sabato 20 aprile, alle 16  nel salone SOMS in via Antonelli 2 a Maggiora (NO). L'autore Emanuele...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi