LA ISRAEL ACADEMY DE ROSA RENDE OMAGGIO A BARTALI

PROFESSIONISTI | 12/01/2019 | 09:28
di Carlo Malvestio

Per i ragazzi della Israel Cycling Academy Cicli De Rosa non poteva mancare una visita al Giardino dei Giusti di Gerusalemme durante il loro training camp in Israele. Dopo un allenamento di circa 180 chilometri, da Mash’abei Sedah alla capitale israeliana, tutti i corridori - con i nostri italiani Davide Cimolai e Riccardo Minali in prima fila - insieme ai direttori sportivi hanno reso omaggio ai Giusti tra le Nazioni, con un pensiero particolare a Gino Bartali.

Il nome di Ginetaccio è inciso nel museo di Yad Vashem, insieme a quello di tutti i non ebrei che, durante le persecuzioni naziste, hanno rischiato la vita per salvarne anche una sola di un ebreo. All’interno del manubrio della sua bicicletta, infatti, Bartali trasportò documenti falsi affinché gli ebrei potessero crearsi una nuova identità, ma tutto ciò è venuto a galla solamente diversi anni dopo la sua morte, avvenuta nel 2000.

Dal 2017 la squadra israeliana omaggia Bartali, correndo una volta all’anno da Ponte a Ema ad Assisi, tragitto percorso più volte dall’eroe italiano per salvare gli ebrei durante gli anni dell’olocausto. «La storia di Bartali è di grande ispirazione per noi – spiega il fondatore della Israel Cycling Academy, Ron Baron –. Ha dimostrato che si può essere uno degli sportivi più grandi della storia, e allo stesso tempo un grande essere umano. Ha combattuto contro i nazisti, è stato interrogato, ma è riuscito a salvare la vita di centinaia di ebrei. E tutto ciò non lo ha mai pubblicizzato, perché era dotato di grande moralità. La nostra squadra vuole rispecchiare questi valori e continueremo a rendere omaggio alla sua figura».

foto di Peter Kraiker

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

La Manzana Postobon si ferma qui. Con un comunicato ufficiale la formazione Professional colombiana ha annunciato di considerare chiusa a partire da oggi la sua avventura agonistica e dal 1° giugno i corridori sono liberi da ogni vincolo contrattuale. La...


  Cento anni dalla nascita: 15 settembre 1919. E sessanta dalla morte: 2 gennaio 1960. Sono i giorni di Fausto Coppi - il mito, la leggenda, la storia, le storie -, innanzitutto al Giro d’Italia, e anche in libreria. “1919-2019...


È una grande giornata, quella di oggi, per la Guerciotti: viene inaugurato oggi il suo nuovo negozio online: www.guerciottistore.it aperto solo per il mercato italiano. per leggere tutto l'articolo vai su tuttobicitech.it


È scattata in Norvegia la Hammer Series di Stavanger con la disputa della prima prova delle tre in programma, la "Climb". Ad imporsi è stata la Jumbo Visma che ha preceduto in classifica la Lotto Soudal e la Bora Hansgrohe....


Banca Mediolanum, sponsor ufficiale del Gran Premio della Montagna dal 2003, organizza in Val d’Aosta “un giro nel Giro” dedicato a clienti e appassionati ciclisti per vivere con loro l’emozione del percorso anticipando la gara di qualche ora. Sul percorso...


Una nuova partnership è pronta per essere protagonista nella scena Downhill. Negli ultimi mesi le leggende del Downhill Rachel, Gee e Dan Atherton hanno lanciato il proprio marchio di biciclette per il DH, con cui correranno durante la Coppa del...


Trek ha presentato oggi un nuovo design della sua richiestissima bici da cross country Full Suspended, ottenuto aggiornando la Top Fuel con un’escursione maggiore e una geometria completamente rinnovata, adatta alle gare e molto altro ancora. per leggere tutto l'articolo...


Liam Bertazzo e Francesco Lamon, vincitori l’anno scorso della 6 Giorni delle Rose, si ripresenteranno in coppia alla prossima edizione della gara internazionale al Velodromo “Attilio Pavesi” di Fiorenzuola d’Arda (Piacenza), in programma dal 6 all’11 giugno, per cercare...


Ilnur ZAKARIN. 10. Parte perché deve partire, resta perché deve restare, dice di non stare benissimo, ma poi fa quello che deve fare più che bene. Mikel NIEVE. 8. Viene promosso sul campo capitano dalla Mitchelton Scott dopo la deblacle...


Scene da dopo tappa del Giro d'Italia, scene di un duello appena cominciato. Nibali sul minivan, alla guida c'è Michele Pallini. Vincenzo si fa passare la classifica generale del Giro e legge. «Roglic, Zakarin, Mollema... Bene, così almeno gli altri...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy