L'ORA DEL PASTO. LA MUSA ISPIRATRICE

LIBRI | 29/11/2018 | 07:54
di Marco Pastonesi

Era giovane e bella, alta ed elegante, sportiva e maestosa. Si chiamava Violet Wilson e amava andare in bicicletta. Si era presentata – in bicicletta - in Baker Street, nell’ufficio di Sherlock Holmes e del dottor Watson, per chiedere aiuto. Un uomo la seguiva – anche lui in bicicletta – nel tratto di strada che Violet percorreva da casa alla stazione ferroviaria. Con quali intenzioni? Holmes e Watson accettarono di aiutare la donna. Ipotizzarono, studiarono, indagarono, finché scoprirono l’intrigo e assicurarono i colpevoli alla legge.

Elizabeth e Joseph erano due americani – oggi si direbbe – cicloturisti, ma – allora: fine Ottocento – pellegrini in bicicletta, anzi, in tandem, anzi, “in triciclo”. In treno da Londra a Parigi, poi a pedali da Firenze a Roma. La strada è sempre stata un romanzo a cielo aperto: una badessa che elargì la sua benedizione solo dopo un’offerta per i bambini poveri, un garzone che si innamorò del velocipede, la strada bianca che si insinuava nella campagna, un albergo che aveva una grande stalla pulita in cui mettere al riparo il triciclo, la casa del Boccaccio con la torre e la porta ad arco.

E Luigi Masetti, l’anarchico, “turista eccezionale e internazionale”, che in bicicletta andò fino a Mosca, poi allungò di quattordici chilometri per visitare Leone Tolstoi, restò a parlare con lui quasi un’ora, e alla fine Tolstoi gli regalò il proprio ritratto con la firma e la data. E pensare che Masetti, delle opere di Tolstoi, non ne aveva letta neppure una.

“Racconti in bicicletta” (Tarka, 206 pagine, 16,50 euro) è un’antologia che ha nelle due ruote una chiave di lettura, un punto di riferimento, una terra di mezzo. Virginio B. Sala, che ha curato l’opera e scritto l’introduzione, ha selezionato, oltre agli scritti di Arthur Conan Doyle, Elizabeth Robins Pennell e Joseph Pennell e Ottone Brentari, anche quello di Luigi Vittorio Bertarelli, il fondatore del Touring club italiano (che alla nascita era Touring club ciclistico italiano), tre dello scrittore faentino Alfredo Oriani, due del bolognese Olindo Guerrini alias Lorenzo Stecchetti, due del marchigiano Alfredo Panzini, uno del comasco Carlo Linati e uno del senese Federico Tozzi.

La bicicletta è una buona scusa e un’ottima giustificazione, è l’oggetto di una invettiva e l’opinione di un sindaco, è un piacere in movimento e un movimento di piaceri, è sempre una musa ispiratrice.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Il Giro d'Italia incassa un'altra adesione pesante, quella di Simon Yates: «Non vedo l'ora di tornare al Giro d'Italia il prossimo anno. È una gara della quale ho dei bei ricordi, ma è stata anche quella che mi ha lasciato...


Un altro grande riconoscimento per Geraint Thomas e, di riflesso, un nuovo importante omaggio al ciclismo. Il gallese è stato infatti eletto «personalità sportiva dell'anno» dagli utenti della BBC. Un riconoscimento prestigioso per il vincitore del Tour de France che...


Nel giorno in cui si festeggia l’indipendenza del Kazakistan, la Astana Pro Team ha presentato il suo rinnovato roster per la stagione 2019. Ad Altea, in Spagna, dove la squadra si sta preparando per la nuova stagione, la squadra kazaka...


Telefonica, azienda proprietaria del marchio Movistar, ha annunciato ufficialmente di aver rinnovato la propria partnership con il team di Eusebio Unzue fino al 2021.In otto anni di partnership, Movistar è stata per quattro volte la squadra numero uno del mondo...


Come un videogame: ci si fa incuriosire dall'amico che gioca, si scarica l'app, si fa qualche partita per provare, tanto cosa vuoi che mi interessi e poi si finisce per non smettere più e farsi travolgere dalla passione. Silvano Rodella...


Il Veneto, "culla" del ciclismo italiano, ha festeggiato sabato pomeriggio nel Teatro Elios Aldò di Scorzè, in provincia di Venezia, i protagonisti di una stagione ad alto livello che hanno contribuito a fare dell'Italia il Paese con più medaglie in...


E' iniziata nel segno del russo Maksim Piskunov la 54sima Vuelta a Costa Rica ultima gara su strada del calendario UCI 2018. Il corridore dell'est, con un passato in Italia nel Velo Club Cremonese, si è imposto nella prima tappa...


Si è svolto sabato ad Ovada, nel suggestivo scenario della Loggia di San Sebastiano, il Galà del Ciclismo, tradizionale premiazione voluta dalla famiglia Tacchino in memoria del papà, con l'assegnazione alla ciclista ligure Gloria Scarsi della Coppa di Legno. La...


Per la prima volta il ciclismo per una cerimonia di premiazione, è entrato nel Museo del Calcio presso il Centro Tecnico di Coverciano. Sala gremita, applausi e soddisfazione per il Comitato Provinciale di Firenze della Federciclismo presieduto da Elisa Lari,...


Alice Arzuffi è stata premiata per meriti sportivi dal Comune di Seregno, città della provincia di Monza e Brianza dove la professionista risiede. Gil ottimi risultati in tutto il mondo, e il recente storico trionfo nel Superprestige di Ciclocross (prima...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy