L'ORA DEL PASTO. LA MUSA ISPIRATRICE

LIBRI | 29/11/2018 | 07:54
di Marco Pastonesi

Era giovane e bella, alta ed elegante, sportiva e maestosa. Si chiamava Violet Wilson e amava andare in bicicletta. Si era presentata – in bicicletta - in Baker Street, nell’ufficio di Sherlock Holmes e del dottor Watson, per chiedere aiuto. Un uomo la seguiva – anche lui in bicicletta – nel tratto di strada che Violet percorreva da casa alla stazione ferroviaria. Con quali intenzioni? Holmes e Watson accettarono di aiutare la donna. Ipotizzarono, studiarono, indagarono, finché scoprirono l’intrigo e assicurarono i colpevoli alla legge.

Elizabeth e Joseph erano due americani – oggi si direbbe – cicloturisti, ma – allora: fine Ottocento – pellegrini in bicicletta, anzi, in tandem, anzi, “in triciclo”. In treno da Londra a Parigi, poi a pedali da Firenze a Roma. La strada è sempre stata un romanzo a cielo aperto: una badessa che elargì la sua benedizione solo dopo un’offerta per i bambini poveri, un garzone che si innamorò del velocipede, la strada bianca che si insinuava nella campagna, un albergo che aveva una grande stalla pulita in cui mettere al riparo il triciclo, la casa del Boccaccio con la torre e la porta ad arco.

E Luigi Masetti, l’anarchico, “turista eccezionale e internazionale”, che in bicicletta andò fino a Mosca, poi allungò di quattordici chilometri per visitare Leone Tolstoi, restò a parlare con lui quasi un’ora, e alla fine Tolstoi gli regalò il proprio ritratto con la firma e la data. E pensare che Masetti, delle opere di Tolstoi, non ne aveva letta neppure una.

“Racconti in bicicletta” (Tarka, 206 pagine, 16,50 euro) è un’antologia che ha nelle due ruote una chiave di lettura, un punto di riferimento, una terra di mezzo. Virginio B. Sala, che ha curato l’opera e scritto l’introduzione, ha selezionato, oltre agli scritti di Arthur Conan Doyle, Elizabeth Robins Pennell e Joseph Pennell e Ottone Brentari, anche quello di Luigi Vittorio Bertarelli, il fondatore del Touring club italiano (che alla nascita era Touring club ciclistico italiano), tre dello scrittore faentino Alfredo Oriani, due del bolognese Olindo Guerrini alias Lorenzo Stecchetti, due del marchigiano Alfredo Panzini, uno del comasco Carlo Linati e uno del senese Federico Tozzi.

La bicicletta è una buona scusa e un’ottima giustificazione, è l’oggetto di una invettiva e l’opinione di un sindaco, è un piacere in movimento e un movimento di piaceri, è sempre una musa ispiratrice.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Lavori in corso al Comitato Regionale Lombardo per costruire il ciclismo di domani. L’altra sera si è svolto un importante incontro - confronto con tutte le componenti del Centro Studi Regionale. Presenti tra gli altri il responsabile del Centro Studi...


E’ già stato campione italiano. Non in linea e neanche a cronometro, non nella mountain bike e neanche nel ciclocross, non nella velocità e neanche nell’inseguimento. Campione italiano di boogie woogie. Senza maglia tricolore. Pier Elis Belletta va spiegato fin...


Succede solo all'UAE Tour... Già, succede solo quaggiù che una presentazione avvenga proiettando le immagini dei corridori sulla Burj Khalifa. Difficile pensare a qualcosa di più grande, di più imponente e di più spettacolare. Guardate il nostro breve filmato per...


Se il debutto a Laigueglia aveva regalato delle speranze alla Iseo Serrature Rime Carnovali, alla Coppa San Geo i ragazzi diretti dal ds Daniele Calosso hanno confermato il buon momento di tutto il team riuscendo a conquistare un prestigioso podio...


Milano scende in campo e dichiara guerra ai ladri di biciclette. L’arma? Il lancio di un bando per la creazione di un registro online, al quale ogni cittadino potrà inserire i dati della sue bicicletta, comprese immagini e… segni particolari....


"Buona la prima". Il team Palazzago, all'esordio con nome e sponsor completamente rinnovati, si chiama infatti Velo+Racing Team, conquista la prima vittoria stagionale nella prima gara di apertura della stagione agonistica su strada. A firmare il primo bersaglio è il...


Giulio Ciccone firma la sua prima vittoria con la maglia dela Trek Segafredo imponendosi a Mons, traguardo della seconda tappa del Tour du Haut Var. L'abruzzese ha regolato allo sprint un gruppo di 11 atleti con Thibaut Pinot secondo e...


Vittoria tedesca nella terza tappa della Valenciana femminile con Clara Koppenburg della WNT-Rotor Pro Cycling che si è imposta per distacco in salita precedendo la sudafricana Moolman della CCC - Liv e l'azzurra Soraya Paladin della Alé Cipollini che aggiunge...


Volata di potenza quella di Dylan Groenewegen sul traguardo di Tavira dove, si è conclusa la quarta tappa della Volta ao Algarve in Portogallo. L'olandese del team Jumbo Visma ha nettamente dominato lo sprint anticipando di qualche metro Demare, Philipsen,...


Vittoria di spessore quella di Simon Yates nella quarta tappa della Vuelta Andalucia-Ruta del Sol che oggi si è conclusa Granada. Il britannico della Mitchelton Scott, vincitore della Vuelta 2018, si è involata sulla salita finale per poi anticipare di...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy