HAINAN. JACOPO MOSCA, RICORDI E OBIETTIVI

PROFESSIONISTI | 23/10/2018 | 07:31
di Diego Barbera

Jacopo Mosca si presenta concentrato alla partenza sotto il sole caldo della prima tappa del Tour of Hainan 2018. Il vincitore uscente della corsa cinese è ben conscio che ripetersi quest’anno non sarà così scontato vista la presenza di numerosi rivali sopraggiunti e di un percorso esigente.

Abbiamo raccolto le impressioni del  della Wilier Triestina Selle Italia al foglio firme. A fondo pagina, le sue parole nell’intervista da ascoltare.

Ti presenti qui con il numero uno sulla schiena, come ti senti?
«È dall’anno scorso che volevo ritornare in questa gara perché era stata una bella esperienza e una bella emozione vincere questa competizione e mi porto sempre dietro un bel ricordo».

Se dovessi paragonare il tuo livello di forma a quello del 2017.
«Completamente diverso. Lo scorso anno avevo fatto tutta la campagna delle gare italiane ed ero giunto qui con una condizione ottima. Quest’anno è un po’ un punto interrogativo visto che ero in Cina e il chilometraggio era più ridotto. Speriamo che la gamba risponda bene negli ultimi giorni».

Il chilometraggio è un punto importante.
«Sì, basti pensare che il totale è di 1500 km. Oggi è di 90, ma tolte un paio di tappe, le prossime saranno tutte piuttosto lunge con addirittura una da ben 230 kmm distanza che a fine Ottobre sicuramente farà male».

Il livello dei rivali si è alzato.
«Quest’anno ci sono tutte e quattro le squadre italiane, la Israel Academy e un buon gruppo di team asiatici. Come tutte le gare sarà assai combattuta».

Voi lavorerete anche per le volate con Mareczko.
«Sicuro. Qui ci sono sia Kuba sia Pacioni, che possono fare bene in tutte le tappe tranne in quelle più dure. Proveremo a lavorare per loro inizialmente, sarà il nostro obiettivo principale. Poi vedremo se ci sarà occasione di lottare per una buona posizione in classifica generale».

Magari con un occhio di riguardo per la sesta tappa.
«Sì, me la ricordo bene e mi piace. Ma è tutto da vedere perché l’anno scorso è andata via la fuga e siamo arrivati, quest’anno, come già capitato, potrebbe arrivare un gruppo e terminare con una volata ristretta».


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Ciclismo giovanile comasco fermo fino al 2021. Niente gare e dispersione di corridori che, fermi da marzo e senza la prospettiva di competizioni, non si stanno più ripresentando agli allenamenti. È un quadro a tinte fosche quello che riguarda l’attività...


Le abbiamo viste i piedi di Gilbert in mezzo alla polvere della Roubaix, ma anche osservate bene indossate da Geraint Thomas e Carapaz, vincitori rispettivamente di Tour de France 2018 e Giro d’Italia 2019. Insomma,  le Infinito R1 di Fi'zi:k...


Manca meno di un mese alla tanto attesa quanto desiderata ripartenza, con il WorldTour che scatterà il primo di agosto con la “Classica del Nord più a Sud d’Europa”, vale a dire le Strade Bianche. Ed è proprio da Siena...


Anche in Franci a ieri si è ricominicato a gareggiare ed è stato Thibault Guernalec, portacolori del Team Arkéa-Samsic, a conquistare il successo nella crono SportBreizh di Plouhinec. La prova, aperta a professionisti e dilettanti epoi alle categorie giovanili, si...


E’ il 3 giugno 1990, si corre la Moena-Aprica, sedicesima tappa del Giro d’Italia. Per la prima volta la corsa rosa affronta il Mortirolo, seppur dal versante di Monno, il meno ripido. All’inizio della salita un ragazzino romagnolo classe ’77...


Il cognome Bergamo, nel ciclismo professionistico, si declina con i nomi propri si Marcello, Emanuele – due fratelli – e Marco, professionista trentino della Val di Non, per quattro anni, nella seconda metà del decennio 1980. Per spessore e rilevanza...


L'ispirazione l'ha avuta dal fratello Marco, ma il suo modello è Tom Dumoulin. Nicola Plebani, fino allo scorso anno juniores nel Team F.lli Giorgi, fa parte della nuova generazione di giovani talenti del bergamasco. Classe 2001, diciannove anni a ottobre,...


Quando ripartiremo? Una domanda che anche il mondo del ciclismo, tecnici, atleti e appassionati si sono ripetuti ossessivamente per mesi. Oggi questa domanda ha finalmente una risposta: si ripartirà mercoledì 9 luglio con la prima prova del Master delle Piste che...


  L’intervista. Ilaria Sanguineti, “Sono pronta per il rientro in Spagna”Dopo due anni in maglia Valcar-Travel & Service (e altrettanti quando era ancora una junior) Ilaria Sanguineti si appresta a vivere una stagione spartiacque della sua carriera. Sì, perché il...


Il portoghese della UAE Team Emirates si è imposto nella “Prova de Reabertura” del calendario ciclistico portoghese corsa oggi ad Anadia. Costa ha coperto i 22 chilometri del percorso in 28’10”. Secondo posto per Rafael Reis (Feirense) in 28’13”; terzo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155