MARANGONI LASCIA: «È STATO PROPRIO UN BEL VIAGGIO»

PROFESSIONISTI | 11/10/2018 | 07:52
di Giulia De Maio

Dopo 25 anni di ciclismo pedalato, Alan Marangoni è pronto ad appendere la bici al chiodo. A 34 anni e con 10 stagioni di professionismo alle spalle, il corridore romagnolo ha deciso di chiudere con il ciclismo agonistico e di mettersi alla prova in una nuova veste nel mondo delle due ruote.

«Il Gp Beghelli è stata la mia ultima corsa in Italia. A vedere la curva del Fans Club Marangoni tutta colorata ammetto che mi è scesa una lacrimuccia. Dopo 10 anni di professionismo, non c’erano più le condizioni per continuare. Il ciclismo italiano fa sempre più fatica, di affrontare un’altra stagione come l’ultima sinceramente non me la sento. L’ultimo anno è stato davvero impegnativo, sono stato in Asia per mesi e mesi, disputando un calendario di terza fascia, in più gli anni passano e sento l’esigenza di avere nuovi stimoli. Il fisico non può reggere chissà quante stagioni sempre “a tutta”. È arrivato il momento giusto per mettere il piede a terra» ci racconta mentre è in partenza per Hong Kong, dove disputerà la prova finale delle Hammer Series, prima del Tour of Hainan in Cina e del Tour di Hokinawa, corsa di un giorno in Giappone che l’11 novembre vedrà calare il sipario su una vita fatta a due ruote. 

«Cambiare fa paura, smettere di gareggiare per un atleta è un trauma, obbliga a cambiare le proprie abitudine ma sono sereno e pronto al cambiamento. Mi seno come quando completi gli studi e devi affrontare per la prima volta il mondo del lavoro. Per me è un po’ così, tra un mese inizierà la vita “vera”. In questi anni ho corso con alcuni dei più grandi campioni, ho disputato 7 Giri d’Italia, 1 Tour de France, tutte le classiche più prestigiose al mondo. La laurea da gregario me la sono meritata (sorride, ndr). Il mio curriculum vanta un solo successo (la cronosquadre del Czech Cycling Tour con la Cannondale nel 2016), ma innumerevoli giornate indimenticabili. Come nella tappa di Albi del Tour de France 2013 quando Peter Sagan vinse grazie a un eccezionale lavoro di squadra, con Sabatini, De Marchi e Moser tirammo per 120 km per riuscire ad annullare la fuga a 1 km dal traguardo. Il lavoro di ogni elemento della squadra fu determinante. Ricorderò per sempre con piacere anche il podio del campionato italiano a cronometro su cui sono salito nel 2014 in Trentino. Per i miei tifosi fu come se avessi vinto il mondiale. Di emozioni ne ho vissute e regalate tante, è stato proprio un bel viaggio».

La fatica accumulata in sella, gli servirà di sicuro qualunque professione andrà a intraprendere. «Sono sicuro che farò meno fatica di altri corridori a reinventarmi. Non essendo stato dotato del talento da vincente, tutto quello che ho fatto me lo sono conquistato con il sangue e il sudore sulla bici. Sono passato dal lavorare per Sagan e Nibali a Nakane, con tutto il rispetto per il mio compagno giapponese. Nel 2016 ero al Giro delle Fiandre, un anno dopo quella stessa domenica ero al Giro di Tailandia, in un posto dimenticato da Dio. Ad ogni modo ho sempre dato il massimo perché amo questo sport, non l’ho mai fatto solo per guadagnare. In queste ultime stagioni ho dimostrato un’umiltà e uno spirito di adattamento fuori dal comune, se non fossi stato uno con le spalle larghe avrei smesso prima di arrivare in Liquigas. Nel ciclismo di oggi gli atleti sono carne da macello, devi stare zitto e menare. Se non sei un campione, ti fanno smettere. C’è sempre più un estremismo verso l’alto e con la nuova riforma sarà ancora peggio. La figura del gregario “cagnaccio” come sono stato io è destinata a sparire. Ora devono essere tutti campioni, le squadre sono molto esigenti. I giovani andranno incontro a un ciclismo difficile, in cui se sbagli un anno sei out».

Di rimpianti Alan ne ha uno solo. «La tappa di Forlì al Giro 2015, vinse Boem, ma mi sento il vincitore morale visto che ho portai io all’arrivo la fuga. Sarebbe stato un bel traguardo. Per il resto non ho nulla di cui pentirmi, anzi. Sono orgoglioso di aver lasciato un buon ricordo in gruppo. Lo vedo anche ora che mi sto mettendo in gioco cercando un altro tipo di lavoro, tanti ex corridori hanno speso delle belle parole per me, l'ho apprezzato».

Cosa farà quindi Alan Marangoni da grande? «Alcune aziende dell’ambiente mi hanno già contattato e ne sono orgoglioso, significa che non sono capace solo di fare il corridore, che sono apprezzato per l'uomo che sono. Ho vissuto un bel ciclismo, mi sono divertito e anche se spesso è stata dura la mia passione mi ha permesso di continuare per 25 anni, da quando a 9 anni ho mosso le prime pedalate nel 1993. Nel mio piccolo mi sono tolto grandi soddisfazioni e ora sono pronto a reinventarmi una nuova vita. Dovrò imparare tanto, ma non vedo l’ora».

 

Copyright © TBW
COMMENTI
E’ la vita
11 ottobre 2018 21:02 girapedali
La vita è come una stagione poi cambia, bravo Alan guardati in torno e soprattutto guarda avanti !!
L’importante è che papà DOMENICO nn smetta di fare le salamelle sui percorsi delle gare in Romagna !!!
In bocca al lupo!!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

La seconda edizione della Adriatica Ionica Race (che si correrà dal 24 al 28 luglio) avrà tra i suoi protagonisti una Deceuninck - Quick-Step che, dopo i successi mietuti nel 2018, arriva con grande ambizoone e con un team di...


Obiettivo raggiunto per l'atleta trevigiana: nella frazione finale (San Vito al Tagliamento - Udine, 120 km) del 30° Giro Rosa Iccrea Soraya Paladin termina al quarto posto dietro a Marianne Vos, Lucinda Brand e Lotte Kopecky, mantenendo la Top 10...


Il primo giorno di riposo ci permette anche di fare i conti in tasca alle squadre per quanto riguarda i guadagni conquistati fino ad ora. A guidare la classifica, naturalmente, la Jumbo Visma forte delle sue quattro vittorie di tappa...


Dall'ospedale di Saint Etienne, Alessandro De Marchi ha postato un messaggio con tanto di foto. «Eccomi. Ammaccato ma sorridente. Voglio ringraziare le moltissime persone che mi hanno mostrato il loro affetto con messaggi e chiamate di incoraggiamento. Come potete vedere...


È la squadra rivelazione dell'anno - e non solo del Tour - e sta gettando solide basi per costruire il proprio futuro. Richard Plugge, manager della Jumbo Visma, è infatti alle prese con un grande lavoro di trattative e soprattutto...


  La stagione agonistica del ciclismo su strada e su pista è nel pieno dell'attività ma le società che svolgno quella crossistica e del mountain-bike sono già al lavoro per giungere ben preparati agli appuntamenti che più contano tra la...


Davide Cattelan (Borgo Molino Rinascita Ormelle), tra gli Juniores e Mikhail Rocchi (Santa Maria Codifiume), tra gli Allievi sono i vincitori della 3^ edizione del Gran Premio Alfredo Fornasiero alla Memoria-Medaglia d'Oro Fratelli Vito, Renzo e Remo svoltasi domenica a...


  Molto spesso le associazioni danno per scontato, se non sono titolari di P.IVA, di non dover presentare alcun dichiarativo, ma la situazione può non essere sempre così. Di norma ogni anno tra i mesi di giugno e luglio è...


I Vittoria Corsa Graphene 2.0 godono di una fama eccezionale, una reputazione guadagnata vincendo corse su corse, dal Tour de France passando per le Classiche fino ai campionati Mondiali. Insomma, si tratta di un prodotto plurivittorioso che si esalta grazie al Graphene...


Wout VAN AERT. 10. Questi della Jumbo Visma si riproducono velocissimamente. Non c’è Groenewegen? Nessun problema, ecco Teunissen. Non c’è Teunissen? E che problema c’è: ecco Van Aert. Banda di fenomeni, che legge il vento, e coglie l’attimo. Elia VIVIANI. 9....


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy