CHINA II. DAMIANO CIMA: «SERVIREBBE UN PO' DI FORTUNA IN PIU'». AUDIO

PROFESSIONISTI | 19/09/2018 | 09:21
di Diego Barbera

Damiano Cima (Nippo Vini Fantini) è stato probabilmente il più forte sull’arrivo della terza tappa del Tour of China II 2018 con una volata di rimonta strepitosa. Tuttavia, rimasto indietro per via della caduta ai -700 metri dalla fine, non ha potuto che accontentarsi del gradino più basso del podio dove si è celebrato il successo della maglia gialla Anthony Giacoppo (Bennelong SwissWelness).

Le sue impressioni a caldo. A fondo pagina il file audio da ascoltare.

Un terzo posto con un po’ di rammarico.
«Sì, a 700 metri c’è stata una caduta. Io ero a ruota di Mareczko e mi sono salvato per un pelo. Ho perso tante posizioni, così sono partito a fare il mio sprint per recuperare. Sono sempre in rimonta e per questo non sono più riuscito a vincere».

Cosa è successo nella caduta?
«Non saprei bene, quando manca così poco al traguardo non mi guardo molto intorno ma mi concentro su chi ho davanti. Ho visto lui che andava a terra e basta».

Perché sei spesso in rimonta, dove credi di sbagliare? La condizione è chiaro che sia molto buona.
«Sto passando un bel momento di forma, non saprei nemmeno io sinceramente. Forse basterebbe un po’ più di fortuna, ma quella viene se la cerchi. Stasera a freddo cercherò di capire dove ho sbagliato per non ripeterlo più».

Cercherai questa fortuna nelle prossime occasioni prima della fine?
«Mancano tre tappe, certo nella cronometro ci proverò ma sarà un po’ difficile visto che non sono uno specialista. Le altre due frazioni dovrebbero terminare allo sprint e cercheremo di sfruttare questa mia ottima condizione».

Il vincitore di giornata, Giacoppo, tira in ballo una presunta scorrettezza subita da un uomo del suo treno da parte di un rivale che però non ha voluto nominare: «Sono davvero felice, era previsto che lavorassimo per il nostro velocista, ma si è creata un’opportunità e l’ho colta al volo. C’è stata una brutta caduta e un nostro atleta è caduto e forse si è rotto la clavicola, sembra che un avversario lo abbia tirato dal manubrio. Continuo a non credere nella vittoria finale, perché la crono è troppo lunga per me e i ragazzi della Mitchelton Bike Exchange hanno diversi specialisti come Samuel Jenner così come Seid Lidze della Androni Giocattoli. Sono più favoriti loro».

Bella soddisfazione per il 22enne Cristofer Jurado, campione panamense della Trevigiani Phonix, che era nel gruppo in fuga e che ha conquistato la maglia a pois sfilandola a Mosca: «Sono molto contento, mi sono allenato tanto nel mio paese prima di venire in Cina e ora posso guardare ai risultati. Adesso mancano tre tappe e devo continuare a lavorare duro per portare a casa la maglia a pois»

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Ciao ragazzi, rieccomi puntuale con le notizie dal Nepal. In programma c'era la colazione alle 6 e poi dritti al Campo Base dell'Everest, invece è stato tutto un casino. Giorgio durante la notte è peggioratola febbre è tornata a salire...


A tre mesi di distanza dal bruttissimo incidente occorsogli alla Vuelta a España, Rigoberto Urán ha potuto finalmente risalire in bicicletta. Il colombiano della EF Educational First, ce è stato a lungo ricoverato in ospedale e ha dovuto affrontare numerosi...


Sudore più sacrificio uguale successo. È questo il motto di Andrea Vendrame, che si appresta a fare il grande salto nel World Tour e a vivere una nuova pagina della sua promettente carriera. Il 25enne trevigiano, passato professionista nel 2017...


Lo Schio Bike A.s.d. ha stabilito il percorso di gara dei Campionati Italiani di ciclocross del 10-11-12 gennaio 2020 riservato alle categorie amatoriali (venerdì) ai giovani (sabato) e agli agonisti (domenica) che si terranno presso l’Area Campagnola in via dell’Industria...


  "La grande cultura del ciclismo è quella di far ritrovare tanti amici che hanno come obiettivo la crescita dei ragazzi" e "questa stagione, ricca di risultati, è stata caratterizzata, fino ad ora, da 78 medaglie proprio nell'anno che precede...


  Tra le belle sorprese che ci ha regalato il 2019 c'è Nicola Venchiarutti. Ventuno anni, friulano di Osoppo, 30 chilometri a nord di Udine, Nicola è passista veloce che si difende bene anche in salita. Quest'anno con il Cycling...


La macchina organizzativa del Memorial Efisio Melis è già all’opera per realizzare una manifestazione che possa replicare il successo delle edizioni precedenti in ricordo di un grande dirigente della Polisportiva Capoterra che ha guidato una delle più gloriose società ciclistiche...


Il Velo Club Sovico ha iniziato il cammino verso la nuova stagione. Sabato i sei atleti che il prossimo anno formeranno la squadra Esordienti hanno passato alcune ore assieme ai tecnici Gabriele Buttini e Mattia Redaelli per gettare le basi...


I prodotti utilizzati dai team professionistici di ciclismo fanno sempre gola agli appassionati. Succede così che quando i team decidono di mettere in vendita il materiale utilizzato durante l'anno, ci sia sempre molto interesse da parte dei fan. La regola...


  Partì da Boston il 27 giugno 1894: aveva 24 anni, una bicicletta-cancello (Columbia) di una ventina di chili, la gonna lunga e una pistola. Arrivò a Chicago il 12 settembre 1895: aveva 25 anni, una bicicletta da uomo (Sterling)...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy