I VOTI DI STAGI. SAGAN EROE TRISTE, CHRIS E TOM CAMPIONI DI SINCERITA'

TOUR DE FRANCE | 20/07/2018 | 19:18
di Pier Augusto Stagi

Peter SAGAN. 10. Non è certo un momento felicissimo questo per il fuoriclasse slovacco, la separazione dalla moglie non è cosa né di poco conto né tantomeno marginale. Sono cose che pesano, alle quali uno come Peter dà peso. Dicono che in gruppo scherzi e sorrida, ma non è quello di sempre. In volata, sì.

Alexander KRISTOFF. 8. L’Europa si inchina al cospetto del mondo, ma qualcosa mi fa pensare che presto la musica cambierà. E non per questioni politiche.

Thomas DE GENDT. 8. Non si stanca mai. Cuor di leone. Porta via la fuga con tenacia e determinazione, ma oggi le squadre dei velocisti non lasciano spazio. Ci riproverà, è sicuro.

Sonny COLBRELLI. 7. «Mi spiace un sacco non aver vinto per dedicare una vittoria al nostro capitano». Sette per la buona intenzione.

Andrea PASQUALON. 6,5. Zitto zitto è lì, ancora tra i dieci. Soprattutto è ancora lì: al Tour.

Vincenzo NIBALI. 10. Incassa le scuse dal grande capo del Tour. Si prende gli applausi più grandi dal grande popolo del ciclismo. Noi lo ringraziamo per quello che è e per quello che fa: sempre con grande disponibilità e semplicità. Ieri sera torna alle 23 in albergo e ai cronisti chiede con pudore: «Cinque minuti possono bastarvi?». Dieci.

L’EQUIPE. 7. “Irrespirabile”: c’è la sintesi di una giornata che dal ciclismo è sconfinata in un “rave party”. Sul banco degli imputati l’organizzazione, che fa quello che può, anche se qualcosa di più si può fare. La gendarmerie, ad esempio, quando vede un demente con un fumogeno in mano potrebbe semplicemente blindarlo. Non è cosa impossibile, molto più facile che rincorrere Froome o Thomas.

Chris FROOME. 8. «Non ho mai detto di rallentare a nessuno: nessun gesto di “fair-play”». Quello di ammetterlo è forse il gesto più elegante che potesse fare.

Tom DUMOULIN. 8. «Neanche per sogno: abbiamo rallentato per guardarci, era tattica, la corsa è corsa. Sapevo di Vincenzo, ma non lo abbiamo aspettato». Evviva la sincerità.

Copyright © TBW
COMMENTI
A proposito di "fair play".........
20 luglio 2018 20:42 nsilvioant
A proposito di "fair play", nessuno ricorda gli episodi, entrambi con protagonista Nibali andò si a vincere, dopo che in una breve tappa di montagna, scattò appena Froome in maglia gialla finiva a terra alle sue spalle(Tour 2015), ammettendo candidamente all'arrivo che non si accorse di nulla, quando invece le telecamere dall'alto lo smentivano!!!!!
E che dire, quando al Giro 2016, irriconoscibile, assente fino alla terz'ultima tappa, quando la condizione arrivò ad orologeria all'improvviso, secondo i tanti tifosi ed appassionati, ed invece si sbloccò finalmente dal punto psicologico solo dopo che il giovane olandese che indossava la maglia rosa(fantastico protagonista anche ieri) andò a schiantarsi contro la parete di ghiaccio appena svettati sullo Stelvio; e pure li, ha tirato dritto per andare a vincere in fondo alla discesa. Il giorno dopo, col morale alle stelle, finalmente sbloccato, ebbe la meglio sul giovane Estaban Chavez, conquistando la vittoria finale del suo secondo Giro.Possibile che tutti hanno dimenticato questi due episodi clamorosi di "fair play" avvenuti non a 4 Km dall'arrivo come ieri, ma quando ne mancavano molto di più!!!!!!
La verità, è che in corsa, peccato per i malcapitati e sfortunati di turno, non si guarda in faccia a nessuno, e ieri è toccato a Nibali, ed i suoi diretti avversari, prima uomini, poi campioni l'hanno ammesso senza tanti giri di parole!
Nigro Silvio Antonio

W la sincerità ma..
20 luglio 2018 21:25 noodles
W la sincerità di froome e dumo. Peccato che froome si invelenì quando ruppe il cambio sulla Croix de fer e dumolin disse che dovevano aspettarlo quando ebbe problemi intestinali sullo Stelvio. Hanno fatto bene a correre come hanno corso. Basta non si lamentino quando capita a loro

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Si fa sempre più chiara la rosa per la stagione 2019 della Work Service Videa Coppi Gazzera. Dopo l'annuncio dell'arrivo dei tricolori juniores della cronometro a squadre Davide Boscaro, Marco Viero e Piero Dissegna, la squadra del presidente Renato Marin...


Un gravissimo lutto ha colpito la famiglia del ciclismo: si è spento questa mattina, infatti, Adriano Borghetti, vicepresidente del Comitato Regionale Lombardo. Sessantacinque anni, milanese di Rho, dirigente appassionato e competetente, nello scorso mese di marzo aveva ricevuto dal Coni...


Operazioni in entrata e in uscita per il Team Sunweb. Dal prossimo anno al team tedesco approdano infatti l'esperto belga Jan Bakelants (in questa stagione alla AG2r) ed il ventiseienne danese Asbjorn Kragh Andersen (dal Team Waoo), che raggiunge così...


Pascal Ackermann è stato il più veloce nella volata che ha deciso la seconda tappa del Tour of Guangxi, corsa di chiusura del World Tour. «Lo sprint è stato molto caotico. Nel finale ho perso il mio ultimo uomo, Rudiger...


Parla sempre più italiano la Polartec Kometa Continental grazie all’ufficializzazione dell’arrivo di Samuele Rubino. Il corridore piemontese (Novara, 29 gennaio 2000) fa il salto nella struttura professionale della Fundación Alberto Contador provenendo dalla LVF.Attuale campione italiano, Rubino è stato uno...


Giovedì 18 ottobre, presso l’Istituto Omnicomprensivo di Amatrice, sarà presentato il progetto di scuola di ciclismo promosso da Pedala Per Un sorriso Onlus grazie alla raccolta fondi della ormai celebre pedalata nel centro di Roma. Saranno consegnate 30 mountain bike,...


Una freccia tedesca sotto la pioggia cinese. Il campione di Germania Pascal Ackermann ha vinto allo sprint la seconda tappa del Tour of Guangxi precedendo nell'ordine gli olandesi Fabio Jakobsen e Dylan Groenewegen, vincitore ieri della frazione inaugurale. Era la...


Caro Direttore, è proprio vero: in materia di ANTIDOPING non c'è cruna d'ago che tenga quando, a tutti costi, vi si vuol far passare... un cammello. L'accostamento evangelico sarà anche improprio, ma rende efficacemente l'idea. Proprio nei giorni scorsi una...


Selle San Marco produce e commercializza selle per biciclette da oltre 80 anni. Nata nel 1935, l’azienda si è evoluta nel tempo e oggi è uno dei più importanti players internazionali nel mondo del ciclismo. Grazie all’heritage storico e alla...


Il primo grande successo canoro di Dino Zandegù fu al Giro delle Fiandre del 1967: vinse, salì sul podio, vide un gruppo di italiani che sotto un misto di pioggia e neve lo festeggiavano e, invitato dal telecronista Adriano Dezan...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy