IL PASTO RACCONTA IL VAL D'AOSTA. VINGEGAARD, IL RAGAZZO CHE AL PESCE HA PREFERITO LA BICI
 

DILETTANTI | 11/07/2018 | 17:47
di Marco Pastonesi

Lavorava nel mercato del pesce. Però amava la bicicletta. E si è innamorato del ciclismo quando suo padre lo ha portato a vedere una tappa del Giro della Danimarca, sotto casa, a Hillerslev. Così, il giorno in cui ha dovuto scegliere fra pesci e biciclette, non ha avuto dubbi. E oggi, nella cronoscalata (394 metri di dislivello in 7,9 km, ma gli ultimi mille metri erano in discesa, fra tornanti e boschi) che ha inaugurato il 55° Giro della Valle d’Aosta, Jonas Vingegaard Rasmussen, 21 anni, maglia rossa e bianca della nazionale danese, dorsale 6, ha conquistato la sua prima corsa targata Uci con tappa e maglia davanti al sudafricano Stefan De Bod (a 7”) e all’inglese Mark Donovan (a 10”). Un pesce da salita: forse una trota.

Il Giro della Valle d’Aosta è – lo dicono tutti – la corsa più bella al mondo. Perché è ai piedi (e qualche volta fino alle ginocchia) del Monte Bianco, dunque nel cuore della natura, ma anche della storia: i camini di Arvier – fra Aosta e Courmayeur – modestamente li spazzava Maurice Garin, il primo vincitore del Tour de France, 115 anni fa. E poi è la corsa del sole, quando c’è, come oggi, ed è la corsa delle speranze, e quelle, intese come i migliori corridori under 23, ci sono sempre. Stavolta 125 atleti, di 25 squadre e di 20 Paesi di cinque continenti, dalla nazionale norvegese ai neozelandesi James Fouche (Team Wiggins) e Alex West (Team Friuli), compresi il ruandese Samuel Mugisha (Dimension Data) e il giapponese Kotaro Ono (Zappi’s Racing Team), insomma, le Nazioni Unite delle pedivelle. In tutto cinque giorni di corsa: le prossime quattro tappe si disputano in Francia, Piemonte e Valle d’Aosta, e vantano altimetrie che somigliano a elettrocardiogrammi sotto sforzo, a cominciare da quella di domani, da Rhemes-Saint-Georges a Rhemes Notre-Dame, 158,8 km, cinque gran premi della montagna e neanche un metro diritto o in piano.

In questi otto chilometri scarsi, il Giro della Valle d’Aosta ha regalato Matteo Bellia, quarto assoluto e primo fra gli italiani (a 20” da Vingegaard), reduce da un 29 all’università, facoltà di Medicina; fratelli d’arte, come Andrea Bagioli (suo fratello Nicola corre per la Nippo-Vini Fantini), e figli d’arte, come Yuri Colonna (suo padre Federico correva per la Mapei); le squadre di Brad Wiggins (Team Wiggins) e di Alberto Contador (Polartec-Kometa); direttori sportivi come Orlando Maini (Petroli Firenze Hopplà) e Gabriele Rampollo (Overall Tre Colli), che ha avuto come compagno di squadra un certo Lance Armstrong; e anche due valdostani, pronipoti di Garin e nipoti di Franco Vagneur, che a questa latitudine vale Coppi. Ultimo in classifica l’ultimo partito, che indossava il dorsale 1 ed era considerato tra i favoriti: ma Maxim Van Gils, 18 anni, belga della Lotto Soudal, ha sbagliato strada e al traguardo non è mai arrivato. Però, siccome nel regolamento non è previsto il fuori tempo massimo per la prima crono, è stato riammesso in corsa con il peggiore tempo. Avrà modo, cioè strada e voglia, per rifarsi.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Fortunate di aver partecipato a un'esperienza importante. Un bilancio sostanzialmente positivo quello del team Eurotarget Bianchi Vitasanaal Giro d'Italia Donne. Per la squadra più giovane della Corsa Rosa, alla sua prima stagione e al suo primo Giro tra le Elite,...


Voci e trattative di mercato si incrociano sulle strade del Tour de France.Jurgen Roelandts è sul punto di lasciare la BMC dopo una sola stagione per firmare un contratto biennale con la Movistar: nelle intenzioni di Unzue dovrebbe essere il...


Le novità di Prologo esposte ad Eurobike sono già al Tour de France, almeno per quanto riguarda la nuovissima sella Dimension Nack CPC 143, modello già utilizzato da Nibali durante la cronometro a squadre. Abbiamo visto da vicino anche la...


Rigoberto Urán sta vivendo giornate difficili sulle strade del Tour: «Durante la tappa di ieri mi faceva molto male la schiena. Ora siamo abbastanza indietro in classifica generale, stamane cercheremo di capire con la squadra cosa possiamo fare. Certo che...


Dopo che lunedì con specifica determina del Responsabile del Procedimento, il Segretario Generale della FCI Maria Cristina Gabriotti, la Federazione ne ha autorizzato l'inizio, da ieri sono partiti i lavori per la realizzazione del nuovo Velodromo di Spresiano. Al termine...


Molti dei più grandi ciclisti professionisti del mondo si esibiranno nelle strade di Hong Kong nel #ShowdownSunday, il prossimo 14 ottobre, sfidandosi in un Hammer Sprint e un Hammer Chase per vincere l'Hammer Hong Kong e la classifica finale delle...


I panni sporchi si lavano anche in sala stampa. Il Tour è così, e forse anche di più. C’è di tutto e di più per mettere nelle condizioni di vivere e seguire al meglio la Grande Boucle. Sei in...


Seconda razione di Alpi dopo la tappa di ieri che è servita a "misurare la febbre" al gruppo e a capire che le cadute e le pietre della Roubaix hanno lasciato il segno nelle gambe di Rigoberto Uran. Tappa breve...


Tutto il mondo sportivo attendeva con ansia la riunione della Giunta del CONI del 10 luglio che avrebbe dovuto finalmente stabilire, dopo mesi di rinvii ed incertezze, prima di tutto l’elenco delle attività di collaborazione considerate come rientranti tra i...


Del Tour si sa non solo dove partirà il prossimo anno, ma anche tra due. Già tutto definito, predisposto, preparato e annunciato. Tra un anno il “Grand Depart” sarà a Bruxelles, in nome e in onore del ciclista più forte...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy