IL PASTO TURCO. IL COLPO DI MOSCHETTI

PROFESSIONISTI | 22/02/2018 | 15:45
«Ero in sesta o settima posizione, alla ruota di un paio di Leopard. Ai 300 metri dall’arrivo c’è stato un attimo di esitazione. Mi sono detto che, se avessi voluto battere Kuba Mareczko, quello era il momento buono. Sono scattato. Ho guadagnato qualche metro. Non mi sono più voltato. Davanti, l’arrivo non arrivava mai. Dietro, non arrivavano neanche gli avversari. Ho vinto così».

Al suo sesto giorno di corsa tra i professionisti, Matteo Moschetti ha vinto così la sua prima corsa: la prima tappa del primo Tour of Antalya, entrando nella storia. «Chi lo avrebbe detto? Io no. Ma qualcun altro sì. Magari la mia famiglia, i miei amici, chi mi conosce meglio di quanto io conosca me stesso».

Eccolo: 21 anni, di Robecco sul Naviglio (“Il paese di Andrea Noè, che mi segue fin da quando ero un ragazzino”), Francesco il papà e Cristina (Facchini) la mamma appassionati di ciclismo, la mamma ha corso anche un Giro d’Italia poi – forse felice così - ha smesso, Andrea il fratello di 16 anni che corre, Giorgia la sorella di sette che gli fa un regalino prima che lui, Matteo, se ne vada in giro per il mondo portandoselo nella valigia. Il diploma da ragioniere, l’aspirazione per l’università, la scelta del ciclismo. «I miei genitori mi hanno detto di fare quello in cui credevo, anche tutti e due, ciclismo e università, ma di farlo con il giusto impegno. Pensavo a Scienze motorie, ma tutti i laboratori erano il pomeriggio, dal nuoto al rugby, e con il ciclismo la mattina mi sembrava che l’impegno, più che giusto, fosse troppo».

Ciclismo, dunque. «La prima corsa a sette anni. Non mi ricordo se arrivai in fondo. Prima di capire, e prima di arrivare, fra cadute e altre disavventure, ce ne misi di tempo. E non mi ricordo neppure la mia prima vittoria. Però ricordo quella che mi ha cambiato la vita: un anno fa, campione italiano Under 23, una bella spinta per entrare nella squadra Polartec-Kometa, livello Continental, calendario diviso fra professionisti e under 23». La squadra diretta da Alberto Contador e Ivan Basso.

«Quando ero piccolo, e mi raddoppiavo fra calcio e ciclismo, il mio idolo era Javier Zanetti e il mio mito Gianni Bugno. Adesso apprezzo quello che ha fatto Manuel Quinziato: da corridore ha corso tanto e bene, da studente si è laureato in Giurisprudenza, e mi sembra anche una gran brava persona».

Moschetti non ha la faccia del corridore (ma se è per questo, non l’aveva neanche Quinziato): non proprio rotonda ma quasi, infatti 1,79 per 74-75 chili, «lo so che dovrei perderne almeno un paio, mi aiuterebbe in salita, ma non c’è fretta, e comunque a forza di correre li perderò. Già domani cercando di difendere la maglia di leader, e domenica tentando di vincere ancora la tappa. Poi a Rodi per una corsa di tre tappe, poi in Normandia per una di una settimana. Obiettivi: un bel Giro d’Italia Under 23 e, se possibile, il campionato italiano Under 23 e, sempre e comunque, imparare a correre».

E, come si è visto, anche imparare a vincere. «Ho fatto il ragioniere, ma in quel momento c’era poco da ragionare. C’era più da sentire, e subito da decidere. Sono un tipo tranquillo, ma in corsa non dico che mi trasformo, però tiro fuori la grinta».

Un bel colpo di Moschetti. Che ama molto i libri (“Qui mi sono portato due libri: uno ancora da aprire, ‘Il più grande venditore al mondo’, regalato con dedica da Giacomo Pedranzini, uno dei nostri sponsor, l’altro sempre da rileggere, ‘L’alchimista’ di Paulo Coelho”), che usa poco il computer (“Solo per compilare i moduli Adams per l’antidoping”), che studia le lingue (“Francese bene, inglese benino, adesso sto cercando di imparare lo spagnolo”), che la prima cosa che ha fatto dopo la vittoria non è stato attaccarsi al telefono (“Lo uso solo con il wifi dell’albergo, altrimenti mi costerebbe troppo”), che crede nelle coincidenze (“Mareczko e io siamo stati nella stessa squadra da dilettanti, la Viris di Vigevano, e con lo stesso direttore sportivo, Matteo Provini”) e forse anche nel destino (“La volata avrebbe dovuta farla Michele Gazzoli, io ero lì per aiutarlo, ma a un paio di chilometri dall’arrivo, conseguenza di una caduta di altri corridori, Michele ha avuto un problema al cambio, così ho avuto via libera per il mio finale”), che con Gazzoli divide la camera (“Ma lui russa”). Sì, proprio un bel colpo di Moschetti.

da Antalya, Marco Pastonesi
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Nel cuore della splendida Rocamadour, uno dei più bei villaggi del Lot, Benoit Conefroy ha conquistato uno splendido successo, mettendo la sua firma sulla tappa conclusiva della Route d'Occitanie. La frazione è stata animata dalla solita lunga fuga che ha...


Trionfo di Eleonora Ciabocco nella gara delle donne allieve, che ha sancito la chiusura della "Giornata del Ciclismo Lombardo" nell'Autodromo Nazionale di Monza. La marchigiana, del Team Di Federico, si è imposta allo sprint sul gruppo compatto superando Beatrice Bertolini...


Samuel Quaranta ha firmato una grandissima volata conquistando il successo nella corsa juniores della Giornata del Ciclismo Lombardo. Il velocista, figlio d'arte, del Team LVF ha preceduto Giosué Epis della Aspiratori Otelli, e Lorenzo Gobbo della formazione GB Junior Team....


Con la gara riservata alle donne esordienti si è consumato il quinto e penultimo traguardo della lunga "Giornata del Ciclismo Lombardo" nell'Autodromo Nazionale di Monza. La prova femminile è stata vinta dalla piemontese Anita Baima, pronipote di Franco Balmanion (vincitore...


Sarà un’edizione particolare quella della Tirreno–Adriatico EOLO, in programma dal 7 al 14 settembre, non solo per il periodo in cui si correrà ma anche perché avrà la particolarità di svolgersi su otto tappe anziché le sette consuete. Mauro Vegni, Direttore...


Emozioni forti e lacrime cacciate indietro a forza, femrate sul ciglio dell'occhio... Stamane a Lectoure, prima della partenza dell'ultima tappa della Route d'Occitaine, il gruppo ha voluto rendere omaggio alla memoria di Nicholas Portal, l'ex professionista e tecnico della Ineos,...


Continuano in queste ore i movimenti di mercato. La Cofidis ha annunciato il rinnovo biennale di Anthony Perez mentre particolarmente attiva è la AG2R che si è assicurata i servigi del belga Van Hoecke, in scadenza di contratto con la...


Il terzo traguardo della Giornata del Ciclismo Lombardo, che ha visto in corsa gli allievi, premia lo sprint vincente di Milo Marcolli. Il velocista varesino di Sumirago, della società Busto Garolfo al suo primo anno nella nuova categoria, al fotofinish...


Siamo ad agosto e sullo Stelvio nella notte sono scesi 20 cm di neve. In questo momento, alle 12:00, sulla vetta ci sono zero gradi. Ciclisti, motociclisti e automobilisti hanno comunque già ripreso a scalare il versante valtellinese. Quello altoatesino...


Il Gino Bartali meno conosciuto è stato protagonista della serata di apertura di “Una montagna di cultura…la cultura in montagna”, rassegna organizzata da Pontedilegno-MirellaCultura con la collaborazione di Pro Loco e Biblioteca Civica Dalignese. Dopo la tre giorni di PontedilegnoPoesia,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155