NIBALI, STELLA DI LOMBARDIA. GALLERY

PROFESSIONISTI | 21/02/2018 | 08:14
Una testimonianza della popolarità e dell’affetto che Vincenzo Nibali riscuote presso gli appassionati delle due ruote, al maschile e al femminile, fra i giovanissimi e quelli che lo sono stati in epoche più o meno recenti, è stata data dal pieno successo dell’iniziativa promossa e organizzata da CentoCantù nel pomeriggio e nella serata di martedì 20 febbraio.

Nel pomeriggio, sul colle del Ghisallo, dove sorge il santuario della patrona dei ciclisti e il Museo del Ciclismo voluto e sostenuto fortemente da Fiorenzo Magni che meriterebbe, quanto prima, l’intitolazione “Museo del Ciclismo Fiorenzo Magni”, il campione siciliano che da qualche anno vive nel vicino Canton Ticino frequentando sovente il territorio comasco e lariano per piacere personale con la famiglia e pure, per “dovere-piacere” professionale, per gli allenamenti, il varesotto, è stato ospite applaudito al Museo.

Il legame con Como e il suo territorio è però di tipo speciale, come ha rivelato nel corso dell’incontro affollatissimo, con il tutto esaurito, nei vasti spazi, su più piani, della suggestiva ambientazione di Riva Industria Mobili-Riva 1920, nell’ambito del Museo del Legno che propone l’evoluzione della lavorazione del legno nel tempo. E’ il tratto distintivo di un’attività secolare di Cantù e del suo territorio, nota e apprezzata a livello internazionale, come ha ricordato in apertura Maurizio Riva della quarta generazione della famiglia impegnata nella conduzione dell’azienda che ha ricevuto da Nibali la maglia alla conclusione della manifestazione. Per un’altra nota distintiva di Cantù, il basket, era presente il milanese Carlo “Charly” Recalcati, una vita di giocatore nella Pallacanestro Cantù e poi allenatore di successo in varie squadre.

Più di seicento persone hanno assistito all’incontro, proposto pure da riprese televisive interne, dove Nibali, sollecitato da Edoardo Ceriani, capo redattore dello sport de “La Provincia di Como”, dal direttore di tuttoBICI e tuttobiciweb.it Pier Augusto Stagi, in particolare familiarità con Vincenzo Nibali. Ci sono stati pure i contributi del giornalista Dino Merio dell’ufficio stampa di CentoCantù, di Salvo Aiello, telecronista-speaker che ha commentato i filmati e corregionale di Nibali d’origine palermitana e qualche altro ancora, come il suo ex-compagno e amico, Andrea Noè, il popolare “Brontolo”. Il tutto ha contribuito a proporre una veloce ma esauriente carrellata su Nibali campione e pure su Nibali uomo.

Ha saputo destreggiarsi al meglio anche con il microfono, proprio come con la bicicletta, con padronanza e classe assolute, riscuotendo applausi a scena aperta con ovazione finale quando ha donato la sua maglia della Bahrain Merida. Un’altra l’aveva donata, nell’ambito dell’iniziativa promossa e organizzata da CentoCantù, al Museo del Ciclismo del Ghisallo, al presidente della Fondazione Antonio Molteni, alla direttrice Carola Gentilini e a Tiziana Magni, una delle due amatissime figlie - l’altra è Beatrice - del “terzo uomo” del ciclismo di un’epoca d’oro e grande uomo tout—court, per capacità, sentimenti e intelligenza anticipatrice.

A proposito di CentoCantù e delle sue varie attività che la vedono partner di RCS Sport per il Giro di Lombardia e altre manifestazioni a Como e nel circondario da oltre quindici anni, il giudizio valutativo elogiativo della conclusione a Como della classicissima di chiusura (una volta era delle “foglie morte” ma ora, disputandosi all’inizio di ottobre, le foglie sono ancora verdi) espresso da Nibali – e pour cause – è suonato quale musica celeste per Paolo Frigerio, presidente di CentoCantù. Con i suoi validi collaboratori, i rappresentanti delle istituzioni presenti e degli enti – pubblici e privati - che affiancano CentoCantù con apporti concreti e di passione, tutti sognano di “istituzionalizzare” Como, con lo spettacolo offerto dal suo lago e dai suoi panorami costellati da storiche salite e località legate anche al ciclismo e alla sua storia, quale conclusione fissa, ogni anno, del Giro di Lombardia.

È stata senza dubbio una serata connotata da successo e seguita con tangibile e diffuso interesse, intensamente e piacevolmente vissuta, quella con Vincenzo Nibali al proscenio, al centro della scena, partecipata da parte dei rappresentanti delle istituzioni, di molti ex corridori e dirigenti del ciclismo, come Angelo Zomegnan, cittadino di Cantù e con importanti trascorsi giornalistici e organizzativi “in rosa”. Poi Claudio Pecci, direttore di MapeiSport, Renzo e Massimiliano Bordogna di Mendrisio e Domenico De Lillo, italo-svizzero di Coldrerio, Alberto Elli, forte professionista che ha indossato anche la maglia gialla sono fra quelli individuati ma erano presenti pure vari altri ancora così come molti giornalisti e fotografi

E’ stata una presenza di particolare significato ed emozione per i giovani del glorioso, blasonato, Club Ciclistico Canturino 1902, anno della sua fondazione, fiorente vivaio della categoria “juniores” e con considerevole sezione cicloamatoriale, che sarà presentato ufficialmente nel prossimo marzo con l’ex iridato del 2008 di Varese Alessandro Ballan quale “padrino”.

Sarà anche il battesimo nella carica, pure per il neo presidente del C.C. Canturino 1902, eletto nello scorso dicembre, Paolo Frigerio. Non è un caso di omonimia, è sempre Paolo Frigerio, il presidente di CentoCantù.
Quando si dice la passione, a dimostrazione che “Anche i commercialisti hanno un’anima”, come il titolo di un film del 1994. Anche ciclistica in questo caso.

Con grande disponibilità Vincenzo Nibali ha firmato autografi, ha scambiato battute, ha posato per le foto, da “star” applaudita e con tratto sempre cortese, sorridente, cordiale, naturale. Un bel ricordo per tutti i partecipanti, soddisfatti e contenti com’era negli intendimenti di base della riuscitissima iniziativa “firmata” da CentoCantù.

Giuseppe Figini
foto di Giuseppe Castelli
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Ben Hermans è uscito davvero malconcio dalla caduta avvenuta al Tour Dwn Under. Il belga della Israel Start-Up Nation ha riportato infatti fratture alla spalla, a due costole e alla clavicola. Il corridore volerà in patria dove sarà sottoposto ad...


Domenica 26 gennaio, in Argentina alla Vuelta a San Juan, prenderà ufficialmente il via la stagione sportiva 2020 del team Bardiani CSF Faizanè. Per prepararsi a questo appuntamento i 6 atleti selezionati dal team si sono alleanti sulle strade spagnole...


Con il sogno di prendere parte al Giro d'Italia che scatta dalla sua Ungheria, Janos Pelikan approda alla Androni Sidermec. Classe 1995, l'anno scorso il magiaro correva alla Pannon Cycling Team con la quale ha ottenuto tre vittorie in corse...


Il Tour de l'Oman quest'anno non si correrà. L'edizione 2020, l'undicesima della serie, è stata cancellata per lutto: il 10 gennao scorso, all'età di 79 anni è morto il sultano Qabous ibn Saïd. Nell'emirato sono stati proclamati 40 giorni di...


È partita ufficialmente da Gorizia la stagione olimpica dei gemelli Daniele e Luca Braidot. I due biker hanno illustrato il loro programma in un incontro conviviale che si è svolto nella calda atmosfera del Birrificio Antica Contea... per leggere l'intero...


Quello che vedete è l'emozionante video promozionale della terza Granfondo Michele Scarponi e il 19 aprile vieni a pedalare a Filottrano (An) in onore del grande campione marchigiano. «Ti aspettiamo per vivere un’indimenticabile giornata sui pedali e per percorrere insieme alcune delle strade sulle quali l’Aquila di Filottrano amava...


Roberto Bressan, il suo mentore, è convinto che Jonathan Milan abbia i numeri. Vedendolo in bicicletta, con i suoi 194 centimetri e il 46 di scarpe, siamo sicuri che i numeri li darà. La storia di Milan in bicicletta inizia...


Anima d'acciaio: Columbus e il design della bicicletta", la mostra ospitata presso la Galleria Antonio Colombo Arte Contemporanea dal novembre scorso ha riscosso un notevole successo di pubblico e così gli organizzatori hanno deciso di prorogarla. Leggi la news su...


Il trionfo è doppio. UYN – Unleash Your Nature conquista ben due ISPO Award, il più alto sigillo di qualità per articoli sportivi, con le rivoluzionarie scarpe UYN X-Cross Tune e con l’intimo tecnico Energyon. Il riconoscimento viene assegnato ogni anno da ISPO, il più importante...


SIXS, storica azienda produttrice di capi intimi per l’outdoor, ha fatto negli anni grandi passi avanti affinando il Carbon Underwear®, il segreto che rende le maglie intime SIXS così apprezzate dagli atleti. per leggere l'intero articolo vai su tuttobicitech.it


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155