IL BELGIO SI SPACCA SU ARMSTRONG

PROFESSIONISTI | 15/12/2017 | 07:28
Il mondo del ciclismo belga si spacca sull’invito a Lance Armstrong, chiamato dagli organizzatori di Flanders Classics a partecipare a due eventi che precedono il Gio delle Fiandre e poi ad assistere alla classica dei muri. Il texano parteciperà ad ad una pedalata ciclistica in programma 48 pore prima del Giro e poi terrà una conferenza durante nel corso del convegno Tour of Flanders Business Academy.

L’invito è stato formulato da Wouter Vandenhaute, il capo dell'organizzatore Flanders Classics, che spiega come il texano abbia pagato abbastanza per gli errori commessi.

Non la pensa così, invece, Peter Van Eenoo, capo del laboratorio antidoping di Gand, che attacca: «L’invito ad Armstrong assolutamente riprovevole. Armstrong è stato sospeso a vita e non ha espresso alcun tipo di rammarico per quanto ha fatto in passato. Chiedo al signor Vandenhaute, che cita i nomi dei colleghi di Armstrong che hanno sempre usato il doping, cosa vuol dire ai corridori che dal texano e dai suoi sodali sono stati truffati e derubati? Mi aspetto che il primo segnale reale arrivi da Armstrong, che faccia qualcosa per un nuovo inizio che miri ad esaltare la lealtà nello sport. In ballo non c’è solo il passato, ma soprattutto il futuro del ciclismo».

Sono solo i capofila di un dibattito che è destinato a spaccare il Belgio e il mondo del ciclismo e lo sarà ancora di più sul fare della prossima primavera, quando si arriverà in prossimità dell'evento.
Copyright © TBW
COMMENTI
15 dicembre 2017 10:53 Marcy
QUESTO NON DOVREBBE APPARIRE NEMMENO PIU NEI SITI DI CICLISMO

15 dicembre 2017 11:19 geom54
in ogni caso SETTE TOUR li ha vinti LUI e resta LUI ad essere salito per SETTE VOLTE sul podio alto dei Campi Elisi a meno di rifare le premiazioni e la cosa potrebbe fare ridere anche gli ORSI POLARI che di problemi ne han ben oltre.

Le roi
15 dicembre 2017 11:29 Nando
Rimane sempre il n1 perché gli altri non mangiavano solo pasta e bistecche

geom54
15 dicembre 2017 11:33 tempesta
Bravo per il tuo commento,ma la verita non interessa a nessuno.Abbiamo Armstrong e solo lui e colpevol , Se fosse italiano sarebbe ancora un eroe. Basta guardare
Che fine Hanno fatto i dopati italiani,tutti in Giro felici econtenti.

Resta il più FORTE
15 dicembre 2017 12:47 SERMONETAN
È il numero 1 tutti mangiavano ,anche l\'ultimo arrivato,ma lui faceva la differenza,MA NESSUNO SI RICORDA LA SUA 1 GARA DA PROF. a 19 anni,il trofeo Sanson.
Chi si ricorda al Giro d\'italia \'ultimo in classifica venne beccato con fiaschi di Epo solo per fare mezze volate.

O tutti o nessuno
15 dicembre 2017 13:04 runner
Fermo restando che Armstrong ha barato e si è comportato in maniera riprovevole (pur restando comunque un gran corridore, al netto di tutte le sue colpe)mi chiedo perchè lui debba essere escluso da tutto (neppure partecipare ad una conferenza) mentre altri dopati riconosciuti e condannati (es. Virenque che fa "l'uomo immagine" al Tour), Vinoukourov, Rijs e tanti altri che addirittura fanno i direttori in squadre di vertice...possono farlo tranquillamente.
La legge è uguale per tutti?
Ma no, scusate, scherzavo...

runner
15 dicembre 2017 16:33 tempesta
Bravo, ma come tutti mi sembra che hai dimenticato qualcosa, dove sono i nomi dei santi italiani.

COMMENTI?
15 dicembre 2017 18:28 ewiwa
Leggo commenti vergognosi...e mi chiedo "ma che deve fare uno di più di quello che ha fatto Armstrong per essere cancellato?"

Forte non sempre
15 dicembre 2017 21:34 Luas
Armstrong quando correva L ho trovato sulla salita che porta da Como a Tavernerio stavo seguendo una forte atleta professionista e notavo che davanti c era questo corridore con una maglietta di una squadra famosa. La ragazza prof salendo al medio lo raggiunse saluto\' e continuò staccandolo. Mi sono sempre chiesto ma possibile che uno del suo calibro si faceva staccare da una ottima prof anche se allora il divario era molto più accentuato rispetto ad oggi. Eppure lui sembrava a tutta e lei pedalava al medio. Da quel giorno ho sempre pensato che solo al Tour era un vincente

Luas
15 dicembre 2017 22:15 leo43
Grande tecnico,ma come fai a dire certe cazzate.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Superba prova della atleta trevigiana di Cimadolmo nella Classica olandese sulle colline del Limburgo, prova di apertura del Trittico delle Ardenne. Decisivo è stato l'ultimo passaggio sul Cauberg a meno di tre km dal traguardo: sull'erta finale l'attacco di Kasia...


L'edizione 2019 del TotA prende il via da Kufstein con una tappa dal profilo altimetrico accidentato anche se priva di lunghe salite. La frazione d’apertura si articola in due circuiti distinti: un primo, di circa 34, 5 km, da percorrere...


Il Tour of the Alps che scatta oggi, riporta l'attenzione sulla Ciclismo Cup. In attesa di conoscere se in palio ci sarà o meno anche per l'anno prossimo una wild card per il Girod'Italia, la classifica vede al comando la...


Se il weekend di Pasqua nel ciclismo professionistico rappresenta da sempre un crocevia fondamentale della stagione con le “classiche del nord”, nel mondo U23 il primo momento della verità coincide con i grandi appuntamenti internazionali in Italia. Il Giro del...


Ragazzi, Van der Poel è un fenomeno! Il capolavoro messo sui pedali ieri all’Amstel Gold Race è un numero che rimarrà decisamente negli annali del ciclismo che conta, questo è sicuro. In sella alla sua Canyon Ultimate Van der Poel...


  Finale emozionante nella “Primavera Cup in Memoria di Luciano Andreazzoli” e momento drammatico quando dietro all’ormai imprendibile vincitore Pietro Aimonetto della Bustese Olonia si lottava per il secondo posto in un gruppo di 40 corridori. A cento metri dalla...


Giovanissimi, esordienti e allievi sono ancora al centro del progetto 2019 dell’Alma Juventus Fano. Sono ottime basi per programmare e avviare al meglio la stagione con ottime prospettive e con un organico collaudato e rinforzato in tutti i settori, il...


  Un podio tutto toscano per la seconda edizione della Resceto Cup per allievi che ha preso il via dalla zona di Avenza a Massa, e si è conclusa ai quasi 600 metri di altitudine di Resceto, piccolo quanto grazioso...


Pretattica, ma non troppo. Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida) e Chris Froome (Team Sky) sono stati i grandi protagonisti della giornata di vigilia del 43° Tour of the Alps, tenutasi a Kufstein Domenica 21...


Esce a testa alta la Sangemini Trevigiani Mg.Kvis Vega dalla corsa a tappe internazionale Belgrade-Banja Luka (Bosnia Erzegovina) del calendario UCI Europa Tour 2.1.Dario Puccioni ottiene il settimo posto nella classifica generale a soli 10" dal polacco Franczak, vincitore della...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy