NIBALI DICE NO

PROFESSIONISTI | 21/11/2017 | 12:00
Ha sentito cos’ha detto Valentino Rossi? Che l’idea di smettere gli fa paura.
«Si può capire. E’ chiaro che quando sei abituato a competere ad altissimi livelli, a metterti continuamente in gioco e spesso a vincere, quando tutto questo non c’è più può anche mancarti».

Pensa che a Vincenzo Nibali un giorno mancherà il ciclismo?
«Non lo so, può anche darsi di no. Dipende come arrivi a quel momento. Può essere anche una liberazione. Io per ora mi diverto, vorrei godermi la mia maturità. Poi è chiaro che non tutte le stagioni sono uguali, e non tutte sono buone».

L’ultima è stata buona, chiusa in crescendo.
«Sono già proiettato alla prossima, anche perché quest’anno non ho fatto vacanze. I tempi morti sono sempre più ridotti, e io li ho usati per togliermi la placca dalla clavicola e per occuparmi della nuova casa. Siamo in pieno trasloco. Poi il 7 dicembre comincia il primo ritiro, in Croazia. E il 21 gennaio debutto in Argentina, alla Vuelta a San Juan».

Il resto della stagione è ancora da definire.
«Una certezza per ora sono le classiche: Amstel, Freccia e Liegi. Fra Giro e Tour decideremo dopo aver visto il percorso del Giro. Non nascondo che ho voglia di tornare al Tour. Ma anche il Giro in Sicilia sarebbe un’occasione da non perdere».

Di sicuro c’è anche la Vuelta, subito prima del Mondiale di Innsbruck.
«Troverò il tempo anche per andare a vedere il percorso mondiale. Liegi e Mondiale sono due obiettivi, non l’ho mai nascosto».

Il Tour assomiglia un po’ a quello che ha vinto.
«In parte sì, ma ci sono anche un po’ di cose nuove. Intanto il pavè è molto di più. E poi c’è quella tappa di 65 chilometri con tre salite una dopo l’altra che è molto impegnativa, di difficile gestione: favorisce gli attacchi, può anche scombussolare tutto».

Il giorno dell’arrivo a Roubaix ci sarà anche la finale dei Mondiali di calcio. Senza l’Italia.
«I problemi ci sono un po’ in tutti gli sport, anzi in tutte le grandi cose. Il vantaggio è che quando sei a terra puoi soltanto risalire. Capire dov’è l’errore e rimediare».

Il ciclismo italiano a che punto è?
«Mi viene da dire stabile, fermo da qualche anno, senza grandi novità. Ma così mi dimenticherei di Moscon: ha già fatto vedere buone cose, arriveranno anche i risultati».

A 33 anni si sente più maturo, esperto o vecchio?
«Credo che un corridore raggiunga la forza maggiore attorno ai trent’anni. La maturità ha i suoi aspetti positivi».

Si parla molto di cambiare il ciclismo per renderlo più spettacolare. Le tappe corte le piacciono?
«Non sono una novità in assoluto. E non ne abuserei: una su tre settimane può bastare».

L’idea (di Cassani) di togliere le cronometro le piace?
«Un conto è mettere una crono da sessanta, o addirittura cento chilometri, un conto è toglierle del tutto. Come specialità dovrebbe rimanere, nei grandi giri c’è tutto: pianura, salita, discesa, terreno per gli sprint, è giusto che ci siano anche le crono. Vince il più completo».

Si è parlato di grandi giri ridotti a due settimane.
«Questo non è giusto, così si snatura il ciclismo. Nella terza settimana viene fuori il fondista, il corridore che ha doti di recupero e di resistenza. E poi riducendo il numero delle tappe sarebbero molto meno le possibilità di vincere una tappa, non tutti avrebbero spazio per provarci».

Come cambierebbe i grandi giri allora?
«Penso che aver ridotto il numero dei corridori al via sia sufficiente. Io quest’anno ho già fatto le prove: siamo rimasti con un uomo in meno subito sia al Giro, sia alla Vuelta...».

Se ripensa al piccolo Enzo che andava in bici sulle salite vicino a Messina con i suoi amici e i suoi cugini, che cosa vede? Ha ottenuto tutto quello che sognava?
«Parlando di corse, quasi tutto, o addirittura di più. Più o meno. La Liegi non l’ho ancora vinta. L’Olimpiade mi è rimasta qui. E poi c’è il Mondiale».

C’è tempo.
«Ancora un po’, sì».

Alessandra Giardini, dal Corriere dello Sport - Stadio
Copyright © TBW
COMMENTI
NIBALI
21 novembre 2017 12:33 geom54
Vincenzo Ti chiedo di vincere la LIEGI e sul podio nella Tua lista dediche di segnarTi fin da ora anche il sottoscritto;
auguri per la nuova stagione.

X Vincenzo
21 novembre 2017 23:06 Fabrifibra
Un saluto da un tuo grande tifoso...Per me sei il miglior ciclistica Italiano degli ultimi 30 anni, x stile e di esempio x tutti i giovani, grazie

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Ufficiale il percorso con le tappe del Tour of China 2018 prima e seconda parte che si correrà dal prossimo 8 settembre fino al 23 settembre. Saranno tre le squadre italiane ossia la Androni Giocattoli, la Nippo Vini Fantini e...


Nathan Van Hooydonck estende il suo contratto con Continuum Sports e quindi sarà al fianco di Greg Van Avermaet anche nel 2019. Il General Manager Jim Ochowicz è entusiasta di vedere Van Hooydonck continuare il suo cammino di crescita nella nuova...


Il Trentino e le sue montagne rappresentano da sempre sinonimo di spettacolo e ciclismo di alto livello. Sarà così anche Martedì 18 Settembre, in occasione della prima edizione della Women’s Lake Garda Classic, la nuova gara in linea élite donne...


Il giovane olandese Pascal Eenkhorn della Lotto NL Jumbo mette la sua firma sulla terza tappa della Colorado Classic precedendo il colombiano Avila e lo statunitense Mannion, che comnserva la maglia di leader della generale.ORDINE D’ARRIVO1    Eenkhoorn Pascal    Team LottoNL-Jumbo    in 3:42:542   ...


Un grande gesto. Quale sia stato il passato, quali siano stati gli errori e gli imbrogli. Lance Armstrong, che già era stato tra i primi ad incoraggiare Jan Ullrich e ad offrirgli il suo aiuto, è volato in Germania: «È...


E sono tre! Dopo l’inseguimento a squadre e l’omnium, Vittoria Guazzini conquista il terso titolo mondiale in tre giorni imponendosi nel torneo dell’inseguimento individuale con un tempo finale di 2'22"053. La toscana haraggiunto in finale la russa Daria Malkova, mentre...


Adam Toupalik e Mathieu Van der Poel firmano una splendida doppietta per la Corendon Circus nella terza tappa della Arctic Race of Norway. Terza posizione di giornata per il russo Chernetski della Astana, quarta per il francese Pacher e quinta...


Continuano a stupire le giovani cicliste azzurre sulla pista di Aigle. La diciottenne piacentina Silvia Zanardi, tesserata per la VO2 Pink, originaria di Fiorenzuola dove la pista... è regina, si è laureata campionessa del mondo della corsa a punti juniores...


Domani, domenica 19 agosto, il team Mastromarco Sensi Nibali sarà al via del 102° Giro del Casentino (Arezzo). La squadra, in accordo con quello che è il desiderio espresso dalla famiglia di Michael Antonelli, ha deciso di riprendere l’attività per...


Festa in casa Bora Hansgrohe per la vittoria di Gregor Muhlberger nella sesta e penultima tappa del BInck Bank Tour (Olanda). L'austriaco stacca tutti nella Sittard-Geleen di 182 chilometri dove anticipa di 3" Tim Wellens della Lotto Soudal, Zdenek Stybar...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy