TOUR. TOCCA DI NUOVO AI VELOCISTI. SEGUI IL LIVE

PROFESSIONISTI | 06/07/2017 | 07:14
Con gli occhi ancora colmi di ammirazione per la bella impresa di Fabio Aru a La Planche des Belles Filles, il Tour riparte con la sesta tappa, la Vesoul-Troyes. Ancora una tappa di oltre duecento chilometri (sono 216 per la precisione) e nuovo cambio di scenario: giornata tranquilla, sulla carta, per i big della classifica e nuova occasione per i velocisti.

Sarà tensione palpabile sulle larghe strade di Troyes, dopo quanto accaduto martedì con l’addio di Cavendish e la cacciata di Sagan. I giudici avranno l’occhio attento per rilevare eventuali irregolarità?: è la domanda non banale che condizionerà la probabilissima volata.

Con Kittel e Demare pronti allo scontro diretto, Greipel a caccia della zampata, Bouhanni alla ricerca di primo successo, Matthews, Degenkolb, Colbrelli e compagnia bella a cercare di cambiare e carte in tavola.

Fabio Aru potrà conservare senza problemi la sua maglia a pois: ci sono solo due gpm, entrambi di quarta categoria, con un solo punto in palio ciascuno: al km 69 la Côte de Langres e al km 154 la Côte de la colline Sainte-Germaine.

Sarà l’ottava volta che il nome di Troyes finisce nell’albo d’oro del Tour de France, dove è stata quasi sempre sede di tappa. E nel 1960 la frazione che portava a Troyes è entrata nella storia perché il Tour si è letteralmente fermato per rendere omaggio al generale De Gaulle, allora presidente della Repubblica, che sio era collocato a bordo strada a Colombey-les-Deux-Églises pour voir passer le Tour.
Quella sosta, abilmente orchestrata da Jacques Goddet permise a Pierre Beuffeuil, rimasto attardato da una foratura, di rientrare in gruppo e poi di vincere addirittura la tappa staccando tutti.

Per seguire la cronaca diretta della tappa CLICCA QUI
Copyright © TBW
COMMENTI
prossima caduta
6 luglio 2017 09:22 Daschi
Oggi ci sarà l\'ennesima volata con la speranza che non ci sia l\'ennesima caduta.
Se così fosse verifichiamo che i giudici applichino lo stesso criterio: fuori il colpevole!!!!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Esattamente come lo scorso anno, l'olandese Ivar Slik della Monkey Town-À bloc ha vinto la terza tappa del Tour of Fuzhou nei dintorni dell'aeroporto di Changle. Il "tulipano" è andato in fuga sin dal inizio con...


A tre mesi di distanza dal bruttissimo incidente occorsogli alla Vuelta a España, Rigoberto Urán ha potuto finalmente risalire in bicicletta. Il colombiano della EF Educational First, ce è stato a lungo ricoverato in ospedale e ha dovuto affrontare numerosi...


Sudore più sacrificio uguale successo. È questo il motto di Andrea Vendrame, che si appresta a fare il grande salto nel World Tour e a vivere una nuova pagina della sua promettente carriera. Il 25enne trevigiano, passato professionista nel 2017...


Lo Schio Bike A.s.d. ha stabilito il percorso di gara dei Campionati Italiani di ciclocross del 10-11-12 gennaio 2020 riservato alle categorie amatoriali (venerdì) ai giovani (sabato) e agli agonisti (domenica) che si terranno presso l’Area Campagnola in via dell’Industria...


  "La grande cultura del ciclismo è quella di far ritrovare tanti amici che hanno come obiettivo la crescita dei ragazzi" e "questa stagione, ricca di risultati, è stata caratterizzata, fino ad ora, da 78 medaglie proprio nell'anno che precede...


  Tra le belle sorprese che ci ha regalato il 2019 c'è Nicola Venchiarutti. Ventuno anni, friulano di Osoppo, 30 chilometri a nord di Udine, Nicola è passista veloce che si difende bene anche in salita. Quest'anno con il Cycling...


La macchina organizzativa del Memorial Efisio Melis è già all’opera per realizzare una manifestazione che possa replicare il successo delle edizioni precedenti in ricordo di un grande dirigente della Polisportiva Capoterra che ha guidato una delle più gloriose società ciclistiche...


Il Velo Club Sovico ha iniziato il cammino verso la nuova stagione. Sabato i sei atleti che il prossimo anno formeranno la squadra Esordienti hanno passato alcune ore assieme ai tecnici Gabriele Buttini e Mattia Redaelli per gettare le basi...


I prodotti utilizzati dai team professionistici di ciclismo fanno sempre gola agli appassionati. Succede così che quando i team decidono di mettere in vendita il materiale utilizzato durante l'anno, ci sia sempre molto interesse da parte dei fan. La regola...


  Partì da Boston il 27 giugno 1894: aveva 24 anni, una bicicletta-cancello (Columbia) di una ventina di chili, la gonna lunga e una pistola. Arrivò a Chicago il 12 settembre 1895: aveva 25 anni, una bicicletta da uomo (Sterling)...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy