FACCE DA OSCAR. Nicolò Costa Pellicciari. GALLERY

TUTTOBICI | 03/11/2016 | 07:09
Oggi conosciamo il più giovane protagonista della Notte degli Oscar tuttoBICI 2016, che si terrà presso l'Hotel Principe di Savoia di Milano mercoledì 16 novembre. Nicolò Costa Pellicciari, emiliano di Luzzara (Re) della Davoli GFM Zide Bagnolese, ha vinto l'Oscar tuttoBICI Gran Premio Lampre Merida tra gli Esordienti del primo anno, vale a dire i ragazzi nati nel 2003. Nicolò ha preceduto nell'ordine il piemontese Manuel Oioli ed il veneto Matteo Consolini.

Come è andata questa stagione?
«Il 2016 è stato per me un anno molto positivo. Ho raccolto 21 successi, perciò non posso che essere soddisfatto. Ci sono stati tanti momenti belli e tanti piazzamenti da festeggiare con la squadra e la famiglia, e alcuni meno piacevoli come il Campionato Italiano che non è andato come speravo. Fino a poco tempo fa non sapevo che esistesse questo premio, quando l'ho scoperto mi sono informato con Francesco Calì che l'ha vinto un anno fa e mi ha detto che è stato molto bello partecipare alla vostra serata».

Come hai scoperto il ciclismo?
«Ho iniziato a praticarlo all'età di 6 anni, la passione è nata assistendo a una gara nel mio paese organizzata da mia mamma e negli anni precedenti da mio nonno. Una corsa che prima era per esordienti e ora è per giovanissimi: dopo aver visto quei bambini in sella felici, ho chiesto di poter provare anche io e non ho più smesso, anzi andare in bici mi piace sempre di più. La bicicletta per me è divertimento, sfogo ma anche passione».

Campione del cuore?
«Peter Sagan, per come corre, perché è uno corretto e simpatico, mi piace sia in bici che giù dalla sella».

Sei al terzo anno della scuola media, come te la cavi?
«Così così. Diciamo che mi piace di più andare in bici che stare sui libri... Ho ereditato la passione dei miei nonni che mamma Mirka e papà Simone, che però giocava a calcio, hanno trasmesso sia a me che a mio fratello minore Daniele che già pedala nella categoria G4».

Cosa vorresti fare da grande?
«Spero di andare il più lontano possibile con il ciclismo e poi vedremo in futuro. Che corridore potrei diventare? Non ne ho proprio idea, ve lo potrò dire tra qualche anno...».

Un consiglio da chiedere a Ulissi e agli altri big presenti alla Notte degli Oscar?

«Più che altro una curiosità: vorrei sapere come viene interpretato il ciclismo nel mondo professionistico, se è ancora un gioco divertente o solo un lavoro».

Giulia De Maio


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Sidi presenta la nuova Fast, un concentrato di performance e tecnologia che garantisce le caratteristiche di rigidità, morbidezza e flessibilità dei prodotti dell’azienda trevigiana con una facilità di regolazione precisa e migliorata. Anche in questo nuovo modello sono state testate...


Non aveva ancora sulle spalle la maglia gialla quando Tadej Pogacar ha inviato al Comitato Organizzatore dei Campionati del mondo UCI 2020 di Imola - Emilia Romagna questo video, ma già aveva nel mirino la rassegna iridata che andrà in...


Archiviata anche la passerella finale degli Champs Elysées, è il momento di fare i conti: il Tour de France 2020 ha raggiunto quota 30 ritiri. Di 176 corridori partiti il 29 agosto, 146 hanno preso parte alla decisiva crono di ieri....


Tom Pidcock, vincitore quest'anno del Giro d'Italia Under 23, è il primo acquisto del Team Ineos Grenadiers per la prossima stagione. Lo anticipa il Telegraph spiegando che il giovane britannico è solo il primo tassello della rifondazione che Sir Dave...


In 170 alla bella festa presso la sede della Misericordia di Carmignano per festeggiare gli 80 anni di Franco Bitossi, un grande campione del ciclismo nato in questo comune nella piccola borgata di Camaioni sulle rive del fiume Arno, e...


Non è stato un sabato qualunque, ma un sabato alla grande, quello trascorso il 19 settembre da un gruppo d’amici, legati al ciclismo da eccellenti meriti personali con contorno di medaglie d’oro conquistate alle Olimpiadi, ai mondiali e ai campionati...


Che spettacolo il cross country del Campionato Italiano! Al Ciocco, in Garfagnana (Lucca), Eva Lechner (CS Esercito) è salita sul piedistallo ed è nuovamente la reginetta della mtb. Luca Braidot (CS Carabinieri) fa un bel bis...


L'ex campione del mondo di ciclismo su strada Joop Zoetemelk, 73 anni, che conquistò la maglia iridata nel 1985 mentre cinque anni prima aveva vinto il Tour, è stato investito da un'auto mentre andava in bicicletta nella regione metropolitana di...


La borsa sottosella è davvero utile e questo non lo dico solo nella veste di appassionato di gravel, infatti, mi è capitato diverse volte di montarla sulla bici da corsa per le uscite particolarmente lunghe. Nelle ultime settimane non ho...


Pogacar ha stupito tutti ma non se stesso. Dopo l’incredulità iniziale, il giovane sloveno, che domani compirà 22 anni, è rimasto con i piedi per terra e con calma sta metabolizzando la sua impresa."E’ tutto incredibile. Anche se fossi arrivato...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155