FACCE DA OSCAR. Nicolò Costa Pellicciari. GALLERY

TUTTOBICI | 03/11/2016 | 07:09
Oggi conosciamo il più giovane protagonista della Notte degli Oscar tuttoBICI 2016, che si terrà presso l'Hotel Principe di Savoia di Milano mercoledì 16 novembre. Nicolò Costa Pellicciari, emiliano di Luzzara (Re) della Davoli GFM Zide Bagnolese, ha vinto l'Oscar tuttoBICI Gran Premio Lampre Merida tra gli Esordienti del primo anno, vale a dire i ragazzi nati nel 2003. Nicolò ha preceduto nell'ordine il piemontese Manuel Oioli ed il veneto Matteo Consolini.

Come è andata questa stagione?
«Il 2016 è stato per me un anno molto positivo. Ho raccolto 21 successi, perciò non posso che essere soddisfatto. Ci sono stati tanti momenti belli e tanti piazzamenti da festeggiare con la squadra e la famiglia, e alcuni meno piacevoli come il Campionato Italiano che non è andato come speravo. Fino a poco tempo fa non sapevo che esistesse questo premio, quando l'ho scoperto mi sono informato con Francesco Calì che l'ha vinto un anno fa e mi ha detto che è stato molto bello partecipare alla vostra serata».

Come hai scoperto il ciclismo?
«Ho iniziato a praticarlo all'età di 6 anni, la passione è nata assistendo a una gara nel mio paese organizzata da mia mamma e negli anni precedenti da mio nonno. Una corsa che prima era per esordienti e ora è per giovanissimi: dopo aver visto quei bambini in sella felici, ho chiesto di poter provare anche io e non ho più smesso, anzi andare in bici mi piace sempre di più. La bicicletta per me è divertimento, sfogo ma anche passione».

Campione del cuore?
«Peter Sagan, per come corre, perché è uno corretto e simpatico, mi piace sia in bici che giù dalla sella».

Sei al terzo anno della scuola media, come te la cavi?
«Così così. Diciamo che mi piace di più andare in bici che stare sui libri... Ho ereditato la passione dei miei nonni che mamma Mirka e papà Simone, che però giocava a calcio, hanno trasmesso sia a me che a mio fratello minore Daniele che già pedala nella categoria G4».

Cosa vorresti fare da grande?
«Spero di andare il più lontano possibile con il ciclismo e poi vedremo in futuro. Che corridore potrei diventare? Non ne ho proprio idea, ve lo potrò dire tra qualche anno...».

Un consiglio da chiedere a Ulissi e agli altri big presenti alla Notte degli Oscar?

«Più che altro una curiosità: vorrei sapere come viene interpretato il ciclismo nel mondo professionistico, se è ancora un gioco divertente o solo un lavoro».

Giulia De Maio


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Davide Fomolo è finalmente raggiante dopo la fuga solitaria di 70 km che gli ha permesso di conquistare il successo nella terza tappa del Giro del Delfinato: «Questa vittoria giunge dopo settimane di allenamento in altura con la squadra e...


La seconda Classica Monumento della stagione,  ultima corsa di agosto targata RCS Sport,  si prospetta come uno scontro generazionale tra corridori di esperienza pluriennale e giovani emergenti.  Tra i nomi di spicco il vincitore dell'edizione 2019 Bauke Mollema, il trionfatore del Giro d'Italia 2019 Richard Carapaz,...


Davide Formolo firma una vera e propria impresa tricolore. Il campione italiano è stato protagonista di una bellissima azione solitaria (70 km di azione individuale per il veronese), staccando i compagni di fuga sul Col de la Madeleine e andando...


Dopo il titolo dell'Inseguimento e il  secondo posto ottenuto ieri nel campionato italiano della corsa a punti, oggi Manlio Moro brinda al titolo tricolore dell'Ominium. Il friulano classe 2002 che difende i colori della Borgo Molino Rinascita Ormelle ha concluso...


La quinta ed ultima prova della Transmaurienne Vanoise, gara internazionale di mountain bike, ha ribadito l’egemonia delle ragazze del Trinx Factory Team che hanno letteralmente sbriciolato la resistenza delle avversarie nelle classifiche Donne Elite con Eva Lechner, e Donne Juniores...


Fabio Felline ritrova finalmente il sorriso dopo aver trascorso alcuni giorni difficili a causa dei postumi di una caduta che lo ha costretto a fare i conti con un'infrazione alla sesta costa. «Dopo qualche giorno di riposo ho ripreso a...


«Mancanza di sicurezza, distanziamento sociale non garantito e viabilità stradale fuori controllo»: questo il motivo che ha unito maggioranze e opposizioni di alcuni Comuni del Lago di Como che hanno fatto giungere la loro voce attraverso il sindaco di Oliveto...


4 gare in 4 giorni per i ragazzi del Team Colpack Ballan. Si comincia la DOMENICA con un doppio impegno, a Camerata Picena, in provincia di Ancona, con Antonio Tiberi e Andrea Piccolo in una prova contro il tempo con...


Per un Lombardia che non ha orecedenti nella storia, la Trek Segafredo mette in campo due corridori che questa classica momumento l’hanno già vinta: Bauke Mollema (2019) e Vincenzo Nibali (2015 e 2017, oltre al secondo posto nel 2018). Bauke...


Daniel Martin è stato coinvolto ieri nella caduta che si è verificata prorpio ai piedi del Col de Porte. L’irlandese della Israel Start Up Nation è finito a terra con Higuita e Latour tra gli altri e, dopo essere rimasto...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155