PINARELLO PEDALA VERSO LOUIS VUITTON

SOCIETA' | 16/10/2016 | 11:03
Louis Vuitton corteggia Pinarello. L'azienda trevigiana di bici è nel mirino del gruppo Lvmh, che fa capo all'imprenditore Bernard Arnault, supercolosso del lusso cui fanno capo i marchi più noti, da Louis Vuitton a Moet & Chandon, da Kenzo a Dior, alle case svizzere di orologi e cronometri.
La trattativa è avviata, condotta per l'azienda trevigiana da uno studio milanese specializzato, e potrebbe perfezionarsi a breve. Massimo riserbo sull'iter, e sulla cifra dell'operazione. Ma sembra che un fondo di Lvmh stia aprendo il nuovo fronte del lusso nello sport, nel wellness e nel tempo libero. E abbia individuato nella casa trevigiana il brand da acquisire, o controllare per le bici.
La trattativa – nata alcuni mesi fa – è stata preceduta da un delicatissimo e complesso riassetto della holding di famiglia: una piccola grande galassia che spazia dal controllo dell'azienda ad attività immobiliari, dalla società che si occupa di viaggi alla gestione di terreni e altri beni, alle partecipazioni in altre società, compresa la Fondazione Andrea Pina onlus. E' stato Fausto Pinarello - il primogenito del fondatore Nani Pinarello - attuale presidente della Cicli Pinarello in azienda sin dal 1977, a gestire questo passaggio, preliminare alla trattativa con il colosso transalpino, che apre indubbiamente una nuova frontiera.

Concentrato dei marchi del lusso, dalla moda agli alcolici, dai profumi agli orologi, Lvmh può adesso inaugurare un nuovo segmento, quello dello sport di alta gamma. A supporto ci sarebbero anche partner americani.
E non c'è dubbio che gli ultimi gioielli prodotti dall'azienda di viale della Repubblica – in primis l'F8 Dogma, la “Ferrari delle bici” – rappresentino quanto c'è di più avanzato nel mondo della due ruote. Con costi all'altezza delle prestazioni, e della ricerca hi-tech che stanno a monte: si va dai 10 ai 12 mila euro per un modello.
Fausto Pinarello, se l'operazione andrà in porto, resterà al timone dell'azienda, la Cicli Pinarello, di cui è oggi presidente. La sua posizione potrebbe essere quella di amministratore delegato, sempre con pieni poteri. Le indiscrezioni dicono anche che nulla cambierebbe nelle strategie aziendali, e nella politica dei grandi eventi (in primis la Pina, una delle granfondo più conosciute al mondo), e anche nelle partnership tecniche e nelle sponsorizzazioni, cui si è aggiunta ora la mostra di Marco Goldin sugli Impressionisti, con tanto di iniziative collaterali.
Un segno del riconoscimento che il colosso del lusso transalpino dà all'azienda trevigiana, impostasi come una delle grandi protagoniste, e suggellata negli ultimi anni dalla collaborazione tecnica con la corazzata Sky.
L'imprenditore, nel recente riassetto operato sulla holding, ha agito rispettando le quote di famiglia, con la suddivisione fra i 4 eredi diretti. E dunque Ida Gobbo, la vedova del leggendario patriarca Nani, scomparso nel 2014 a 92 anni; Gloria, vedova del terzogenito Andrea, morto a soli 40 anni nel 2011, stroncato al termine di una corsa ciclistica in Friuli; e la secondogenita Carla Pinarello, sorella di Fausto.
Lo scorso anno c'era stato un altro riassetto societario, tutto interno all'azienda. Erano usciti Roberto Della Pietà, consorte di Carla Pinarello, e il figlio Nicola Della Pietà, inizialmente il manager di famiglia designato ad affiancare Fausto, dopo la scomparsa prematura di Andrea. In sostanza, il patrimonio della dynasty era stato riportato tutto sugli eredi diretti di Nani. Col risultato che ora i Della Pietà senior e junior si sono spostati nel campo del Prosecco biologico, con il campione di ciclismo Marzio Bruseghin. Potevano le indiscrezioni sui francesi non innescare la battuta della piazza? C'è già chi ci ricama sopra: «Nascerà la Pinarellò».

da La Tribuna di Treviso
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Tom Dumoulin è tornato a vincere, non solo sulla strada, ma anche nella sua vita, perché il titolo nazionale a cronometro conquistato ieri per l’olandese è il più bello di tutti. Per Dumoulin questo è il quarto titolo nazionale a...


Difficile trovare due sport tanto distanti quanto il ciclismo e il basket. Eppure, c’è un trait d’union interessante che risponde al nome di Matteo Marchi. Imolese classe 1982, Matteo è un conosciutissimo fotografo nell’ambito della palla a spicchi, in particolare...


Ciao a tutti, pronti per il week end tricolore? Io sono in partenza per la Puglia dove domenica andrà in scena il Campionato Italiano Elite in linea. Non avrò troppo tempo per godere delle meraviglie della Costa dei Trulli perchè...


La tappa che può dare l'ultimo scossone alla classifica presenta un profilo completamente pianeggiante e ben sei tratti di sterrato per un totale di 15 chilometri da affrontare sulle strade bianche. Dopo l'uscita da Ferrara si punterà diritti verso Argenta...


Trentanove anni fa. Non ciclismo, ma calcio. Non Europei, ma Mondiali. Sempre generoso, mai domo. Maglia azzurra, numero 19. Francesco Graziani. Ma per tutti, affettuosamente, Ciccio. Pronto e pimpante, pirotecnico e pelato, incrocio Graziani in uno di quegli incontri virtuali...


Il 19 giugno Francesco Moser compie 70 anni. All'evento è dedicato un libro curato dal giornalista sportivo Beppe Conti, che lo ha seguito in ogni gara durante la sua lunga carriera. Il volume, realizzato in collaborazione con Azzurra Music e...


Su un tracciato di 40 chilometri intorno a Losanna Stefan Küng si è riconfermato campione nazionale a cronometro, lasciandosi alle spalle Marc Hirschi e Thery Schir. «Il mio obiettivo era difendere il titolo, ma è stato anche un buon banco...


Il covid ridisegna gli spazi della 26. granfondo Sportful Dolomiti Race, la granfondo in programma a Feltre (BL) domenica 20 giugno con inizio delle operazioni preliminari venerdì e sabato. Abbiamo dovuto riorganizzare gli spazi dedicati all’evento creando delle zone GIALLE...


La svizzera Marlen Reusser non delude i pronostici e si conferma campionessa nazionale svizzera a cronometro. L’atleta del team Alé BTC Ljubljana, festeggia col titolo, la sua terza vittoria personale della stagione, conferma le sue grandi doti nelle prove contro...


È stato il padrone assoluto del Giro d'Italia Under 23 e tra pochi giorni Juan Ayuso farà il suo debutto tra i professionisti con la maglia della UAE Emirates. Lo spagnolo della Colpack Ballan ha accettato di raccontarsi al podcast...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155