ARRIVA RED BULL E I CONTI PER GLI AVVERSARI VANNO IN ROSSO. I TEAM ITALIANI? ESEMPI VIRTUOSI

TUTTOBICI | 10/05/2024 | 08:15
di Pier Augusto Stagi

Tra poco più di un mese la Red Bull farà il suo ingresso ufficiale nel ciclismo - con i suoi 60 milioni di euro di investimento - ed il prossimo anno i bilanci del World Tour andranno ancora più in rosso. In rosso di risultati, perché è chiaro che con un team che può disporre di un budget di sessanta milioni di euro, potranno competere al massimo due team, al massimo tre: Uae Emirates, Visma-Lease a Bike e Ineos, che hanno già oggi budget superiori a 40 milioni di euro. Un salto ancora più in alto, che renderà gran parte del movimento World Tour un contorno, formazioni che avranno come unico scopo quello di partecipare, con costi che comunque continueranno ad aggirarsi attorno ai 15/20 milioni di euro.


Il valore dei 18 top team quest’anno sarà di 499 milioni di euro. L’anno scorso i team spendevano 473 milioni, 430 nel 2022, mentre nel 2021 arrivavano a 379 milioni quando però a correre erano in 19, come da fonte Sole 24 Ore. Il budget medio è salito da meno di 20 milioni a 27,7 milioni in poche stagioni. E nella seconda serie, quella Professional, com’è la situazione? Nel 2024 i 17 ProTeam spenderanno qualcosa come 143 milioni, mentre nel 2021 le 19 formazioni costavano soltanto 87 milioni, sempre da fonte Sole 24 Ore. I budget medi sono saliti da 4,6 a 8,4 milioni, ed è inutile che vi dica che i nostri team (Polti Kometa, VF Group Bardiani CSF Faizané e Corratec Vini Fantini) sono largamente sotto non solo agli 8,4, ma ai 4,6. Questo per dire che cosa? Che i nostri team manager, sono in ogni caso degli assoluti virtuosi, che riescono ad allestire formazioni più che competitive con budget veramente limitati. Bravi loro e bravissimi gli sponsor che hanno deciso in ogni caso di investire nel nostro sport, con la speranza che abbiano la possibilità in futuro di allargare la loro sponsorizzazione per provare a ridurre il gap.


Per chiudere questa panoramica fatta di numeri, eccoci ai compensi. Lo stipendio minimo di un ciclista professionista è di 70 mila euro. Il salario medio annuale è di circa 220 mila euro. Il budget del movimento femminile di prima fascia composto da 15 squadre (erano 9 nel 2021) è quadruplicato: da 15 a 57 milioni. Numeri sempre più importanti per un mercato che resta lo stesso: buono ma non buonissimo. Sia per i maschi che per le ragazze siamo vicini al punto di rottura. Con l’arrivo di Red Bull a sorridere saranno certamente alcuni corridori e molti procuratori: ma fino a quando?

IL PUNTO DI PARTENZA. Sicurezza, sicurezza, questa è e sarà la parola d’ordine anche al Giro d’Italia. Come sempre, più di sempre, come è giusto che sia. Tanti si stanno interrogando e adoperando, dall’Uci agli organizzatori, dai corridori ai team manager. È chiaro che qualcosa va fatto, perché l’emergenza sicurezza mi sembra davvero davanti agli occhi di tutti, soprattutto alla luce degli ultimi incidenti che hanno toccato corridori di primissimo livello, come Vingegaard e Evenepoel.

È chiaro che in materia di sicurezza si è tutti uguali, dal più modesto dei gregari al fuoriclasse assoluto. Ma è altrettanto vero che per un team il “capitale umano” esiste e non solo per un aspetto assicurativo. Esiste perché perdere per qualche mese o per una stagione un corridore di prima grandezza è ben più grave che perdere un onesto faticatore del pedale. Ed è per questo che la discussione si sta facendo sempre più accesa e serrata, non da oggi, ma da qualche mese. Non è un caso che sia nato in sordina, senza tanto clamore - e questo non capiamo il perché - un organismo chiamato SafeR (si scrive proprio così): un’associazione che comprende l’AIGCP, l’associazione dei Gruppi Sportivi, il CPA associazione mondiale dei corridori, quella degli organizzatori AIOCC e il sindacato femminile UNIO oltre, chiaramente, all’UCI, la mamma di tutto il movimento. Si parla di sicurezza e si discute della bicicletta, delle ruote, dei freni a disco e dei copertoni tubeless e chi più ne ha più ne metta.

Ognuno dice la sua e probabilmente il problema è un insieme di problemi, dati da tutte queste cose messe assieme e non solo. Per esempio i corridori hanno la loro responsabilità, come ha detto chiaramente il campione del mondo Mathieu Van der Poel, spiegando senza tanti giri di parole che con queste biciclette, sempre più scorrevoli e performanti, bisogna saperci andare. L’età dei ragazzi che passano professionisti è sempre più bassa, c’è meno scuola, meno pratica e questo può incidere, ma una delle cose che mi colpiscono è il gruppo, sempre più folto di corridori, soprattutto di squadre. Si parla tanto di sicurezza e non del fatto che in un Grande Giro sono ben ventidue le squadre impegnate, con otto corridori a testa.

Ventidue formazioni che hanno la loro strategia, ma è sufficiente dire di stare davanti per prendere una determinata salita che succede il finimondo. Forse sarebbe il caso di lavorare su questo aspetto. Che, per quanto mi riguarda, è il punto di partenza di ogni ragionamento.

Editoriale da tuttoBICI di Maggio

Copyright © TBW
COMMENTI
Come si fa a sperare di entrare nel world Tour?
10 maggio 2024 09:31 Frank46
Le squadre italiane fanno fatica a trovare sponsor che gli diano 4.000.000 figuriamoci se riusciranno mai a trovare sponsor che gli diano 40.000.000.

Libero mercato
10 maggio 2024 09:52 Arrivo1991
Si chiama libero mercato, e giustamente ognuno e' libero di fare cio' che meglio crede in investimenti. Chi zoppica, c'e' una ragione, viceversa trovava anche lui gli sponsor. A parole sono tutti maghi, poi servono i risultati per essere appetibili.Senza quelli, hai voglia a raccontare di essere virtuosi. Correggete (prosimo)

Capacita' di investire
10 maggio 2024 10:04 CarloBike
Chi ha la capacita' di investire, fa bene a farlo con le cifre che puo' e vuole. Se un team di seconda fascia e' tale, un motivo ci sara'. Nello sport , come nell'economia reale di tutti i giorni, vi sono delle differenze abissali ma e' ( giustamente) un'economia aperta e libera.Riguardo all'aspetto sicurezza certe cadute le ho sempre viste. Adesso tra protocolli sulle temperature e mille altre ideuzze, si tende a deresponsabilizzare l'individuo cercando sempre altri capri espiatori.

CarloBike
10 maggio 2024 10:28 andy48
Assolutamente d'accordo, in particolare con l'ultima frase.

Sport e soldi
10 maggio 2024 10:58 max73
Purtroppo il ciclismo non sfugge alla regola del profitto e dell'economia. In tutti gli sport in cui esistono le squadre, c'è enorme disparità tra i team (calcio, F1, motomondiale). Poi x fortuna i risultati non sempre sono direttamente proporzionali ai budget, ad esempio nelle ultime 2 tappe del Giro hanno vinto 2 corridori di squadre WT con budget inferiori. Il problema non sono gli sponsor ma le regole che spesso favoriscono i team più ricchi: vedi riforma del calendario o delle squadre ex professional.

Sistema
10 maggio 2024 11:49 Bullet
In pratica ancora un paio di sponsor e le iscrizioni alle corse importanti saranno chiuse a chi ha dai 20 milioni in su o al massimo ci sarà un posticino per i pro team, giusto per dire che i giochi sono aperti a tutti, che dovranno azzuffarsi fra loro per ottenerlo. Come sempre va bene finché dura perche se inizia ad uscire qualcuno il gioco non sta più in piedi e già ora ci sono i primi segnali.

Budget
10 maggio 2024 12:42 cocco88
Se i budget sono raddoppiati per il raddoppio dei stipendi dei ciclisti (che fanno una vita piena di sacrifici rispetto ad altri colleghi sportivi e rischiano la vita ogni giorno ,basta leggere la cronaca ) non vedo cosa ci sia da lamentarsi … andrebbe fatta invece in analisi perché oltre gli sponsor le squadre non hanno ingressi , tipo dai diritti tv … per come è strutturato l articolo sembra che si speri in uno sport povero per avere più livellamento (verso il basso)

Considerazione
10 maggio 2024 13:37 italia
In sostanza il valore del giocatore Barella equivale all'incirca alla somma dei budget delle 3 maggiori team italiani .....

x italia
10 maggio 2024 14:21 siluro1946
Lo stipendio di Elon Masch dalla sola Tesla nel 2023 ha percepito 55.000.000.080 di $ (cinquantacinquemiliardiottantamilioni di dollari) sono circa 30.000.000 di stipendi medi di un lavoratore, così va la vita, purtroppo.

@Arrivo 1991
10 maggio 2024 14:30 Cyclo289
Lo sport americano (che per quanto riguarda il business non ha da prendere lezioni d a nessuno) ci insegna che è necessario inserire degli elementi correttivi per evitare che chi ha maggior budget spadroneggi illimitatamente.
Per dire: salary cap, altro che libero mercato e basta!

@cyclo289
10 maggio 2024 15:09 Arrivo1991
Siamo in Europa e come come vedi chi ha i soldi spadroneggia ovunque.E non abbiamo tetti salariali.

Le regole
10 maggio 2024 15:42 Cyclo289
se non ci sono, si fanno.

@cyclo
10 maggio 2024 17:24 Cicorececconi
Ma tu, se investi soldi, vuoi un ritorno o no ? La tua e' mentalita' da circolo operaio comunista. Non sta ne' in cielo ne' in terra porre limitazioni. Ho i soldi ? Investo quanto voglio

Ah ah ah ah Cico
11 maggio 2024 00:03 Cyclo289
I famosi circoli operai comunisti chiamati NBA o NFL..... ma mi faccia il piacere....

Scarsa lungimiranza
11 maggio 2024 01:04 pickett
Investi quanto vuoi,ma se poi le altre squadre chiudono bottega cosa fai,corri da solo?

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Fabio Del Medico si tiene stretto il titolo tricolore della Velocità Juniores. Sulla pista di Firenze il toscano del Velo CLub SC Empoli conquista la medaglia d'oro superando in finale il veneto Thomas Melotto della Autozai Contri. Nella finale per...


Probabilmente in questi anni abbiamo commesso un errore mettendo nel dimenticatoio l’alluminio e oggi Specialized ci ricorda che questa lega può dare ancora immense soddisfazioni se lavorata in modi nuovi. Nasce infatti Chisel,  una mtb che senza alcun dubbio va a ridefinire...


Dopo la frazione inaugurale di Villars-sur-Ollon  e la cronometro individuale del secondo giorno, Demi Vollering (Team SD Worx - Protime)  mette a segno il tris e conquista l'ultima tappa del Tour de Suisse Women anticipando in volata, sul traguardo di...


La mostra, disponibile da oggi fino al 21 giugno presso la Galleria dei Presidenti della Camera dei Deputati, rappresenta un viaggio emozionante attraverso alcuni dei simboli principali del ciclismo italiano, dalla maglia Ciclamino e la maglia Bianca del Giro d'Italia...


Ospitare la partenza del Tour de France non capita tutti gli anni, specie se non ti trovi in Francia, e l'occasione per mettere a frutto pienamente l'occasione a suon di manifestazioni collaterali sul ciclismo è troppo ghiotta. Ed eccoci qui...


Nel 2025 il Giro di Svizzera farà tappa in Valtellina: già previsto l’arrivo della quarta tappa, anche se al momento gli organizzatori non hanno ancora svelato nulla sulla località prescelta per l’arrivo. Questo il programma, ovviamente ancora embrionale, del Tour...


Andiamo a sud. La sede scelta per la Grand Départ del Tour de France 2026 stabilirà un nuovo record nella storia dell'evento, poiché Barcellona, a cavallo del 41° parallelo, supererà Porto-Vecchio come partenza più meridionale della corsa. La Grande...


C'è chi ha ufficializzato i primi nomi riservandosi di completare la rosa, c'è chi ha reso nota invece una rosa ampia nella quale poi pescherà i titolari, chi ancora è in attesa delle risposte della strada, dei tecnici e dei...


Il mondo del ciclismo deve tanto a François Migraine, scomparso nelle ultime ore all’età di 80 anni. È stato lui a creare, nel 1982, la Cofidis ed è stato lui a voler entrare nel ciclismo nel 1997 per dare il...


Le forti emozioni del Giro d’Italia 2024 sono ancora fresche nella memoria di tutti gli amanti delle due ruote, con la tappa regina che ha illuminato il cielo di Livigno e incoronato Tadej Pogacar come nuova icona in rosa, ed...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi