LIDL TREK E MATTIAS SKJELMOSE ASSIEME FINO AL 2026

PROFESSIONISTI | 26/02/2024 | 14:37
di Comunicato Stampa

Da quando è entrato a far parte di Lidl-Trek nell'agosto 2020 come stagière, Mattias Skjelmose ha avuto una corsia preferenziale verso il successo. Il danese è stato subito preso sotto l'ala protettrice di Mads Pedersen, che ha svolto il ruolo di fratello maggiore mentre Skjelmose si è ritrovato nello scoraggiante mondo del ciclismo professionistico.


Nel 2021, il suo primo anno completo da corridore professionista, Skjelmose ha iniziato a mostrare sprazzi delle sue potenzialità: un podio qua e là in corse a tappe minori, una top-10 in classifica generale all'UAE Tour mentre correva a supporto di Vincenzo Nibali. All'inizio della sua seconda stagione, con un solido inverno di allenamenti alle spalle, 'Skjelly' è salito sul podio finale del Tour de la Provence insieme a Julian Alaphilippe e Nairo Quintana: un'impresa impressionante per un neo-professionista.


Ci sono stati alcuni ostacoli lungo il percorso, come un deludente debutto in un Grande Giro al Giro d'Italia. Che il danese ha sfruttato come esperienza concentrandosi poi sulla la seconda metà della stagione, durante la quale ha attirato l'attenzione per una serie di podi in classifica generale prima di ottenere le sue prime vittorie da professionista: la tappa a cronometro e la classifica generale al Giro del Lussemburgo.

Dopo aver impressionato nei suoi primi due anni con il Team, a Skjelmose sono state offerte più opportunità di leadership nel 2023 e le ha sfruttate appieno, vincendo sette gare in una stagione di successo che si è estesa da febbraio a settembre. I gioielli tra queste vittorie furono il Tour de Suisse, il più prestigioso; e il titolo nazionale danese di corsa su strada, il più significativo dal punto di vista personale.

Dopo aver fatto il suo debutto al Tour de France lo scorso anno, in cui è stato determinante per la lotta dei GPM di Giulio Ciccone, Skjelmose ha rivolto la sua attenzione alla Vuelta a España nel 2024, dove ha puntato tutto per vedere fino a che punto può arrivare come corridore della classifica generale.

Parlando del prolungamento del suo contratto, Mattias Skjelmose ha dichiarato: «Lidl-Trek ha sempre creduto in me, fin dal primo giorno. E' stata una scelta abbastanza facile, quando sono arrivati con un'offerta, dimostrandomi ancora più fiducia, è stato difficile dire di no. Sono cresciuto molto come corridore Lidl-Trek ed è sempre un rischio cambiare squadra e non vedevo alcun motivo per farlo quando credo di poter migliorare di più qui. L'arrivo di Lidl ha aiutato molto. Non è una sorpresa che il Team sia cresciuto in modo significativo grazie alla sponsorizzazione, e questo è qualcosa di cui abbiamo bisogno nel ciclismo. Il team mi ha proposto un buon piano di cui sono stato molto soddisfatto. Si adatta perfettamente alla mia visione e a ciò che credo funzionerà meglio per me.

Mi piacerebbe aver centrato il podio in un Grande Giro la prossima volta che dicuteremo su un prolungamento del contratto, si spera con la stessa squadra. Questo è lo scenario dei sogni, ma ho molti altri obiettivi, e finché continuo a crescere, sono anche molto felice. Tutto si muove così velocemente in questo sport, e se stai fermo, sei nei guai. Per me, in questo momento, non potrei immaginare di essere in un posto migliore»

Il direttore generale di Lidl-Trek, Luca Guercilena, ha aggiunto: «Siamo orgogliosi del modo in cui Mattias si è cresciuto con noi, sia in sella che come persona. È diventato un vincente e un leader, e ha ancora molto spazio per continuare a migliorare. Il suo talento grezzo, l'etica del lavoro e la natura umile lo porteranno lontano in questo sport e sono felice che rimarrà parte di questa famiglia fino al 2026. Quest'anno le Classiche delle Ardenne e la Vuelta sono grandi obiettivi per lui, non vedo l'ora di vedere cosa sarà in grado di fare con il nostro supporto».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il giorno dopo l’Amstel Gold Race il vento del nord porta con sé rumors di mercato che riguardano Demi Vollering. La campionessa nazionale dei Paesi Bassi, che nel 2023 ha messo la sua firma su 17 delle 62 vittorie della...


Per un attimo avevamo quasi pensato fosse un talento destinato a perdersi, invece Tobias Foss c’è ancora, eccome se c’è. Il norvegese classe 1997 ha vinto la prima tappa del Tour of the Alps 2024, imponendosi un po’ a sorpresa...


Mattia Bais è stato uno dei tre corridori a salire sul podio delle premiazioni al termine della prima tappa del Tour of the Alps 2024. Il trentino classe 1996 si è infatti guadagnato sul campo, dopo una giornata spesa quasi...


Gerben Thijssen ha ripreso ad allenarsi meno di due settimane dopo l'incidente di mercoledì 3 aprile nella Scheldeprijs, durante la quale ha riportato la rottura parziale dei legamenti della parte esterna della caviglia.Il 25enne corridore belga, vincitore del Trofeo Palma...


Tobias Foss e la Ineos Grenadiers mettono il sigillo sulla prima tappa del Tour of the Alps 2024, la Egna-Cortina Sulla Strada del Vino di 133 km. Il norvegese, già campione del mondo a cronometro nel 2022, ha regolato allo...


Lazer, azienda che progetta e realizza caschi da oltre 100 anni, ha da sempre come primo obiettivo quello di garantire più sicurezza ai ciclisti ma si dimostra lungimirante dedicando parte della sua grande attenzione all’ambiente. In quest’ottica il nuovo casco Verde...


Segnatelo in agenda con il circolino rosso: quello di domenica 21 in diretta su tuttobiciweb è un papuntamento di quelli da non mancare. Il clou della giornata dedicata al Bikefestival Lodigiano che si svolgerà a Graffignana sarà il 4° Memorial...


Una domenica a tutto ciclismo, quella che ci attende il 21 aprile con il Bikefestival Lodigiano che si svolgerà a Graffignana con la regia organizzativa del Pedale Casalese Armofer del presidente Mario Massimini e del general manager Luca Colombo che...


Le bici sono spaziali, i caschi formidabili, i body superaerodinamici… bello, tutto perfetto. Ma per ottenere una grande performance, come quella che sarà necessaria per puntare all’oro olimpico, quello che conta maggiormente è la “macchina umana”. A Parigi i quartetti,...


Perché cambiare se le cose sono andate bene? È quanto deve aver pensato Geraint Thomas nel programmare la sua stagione 2024, che prevede, così come nel 2023, il Tour of the Alps prima del Giro d’Italia. «Mi sento abbastanza bene...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi