L'ORA DEL PASTO. LA TRAVERSATA DELLA SICILIA IN BICI, UNA SCOPERTA CONTINUA

LIBRI | 02/12/2023 | 08:10
di Marco Pastonesi

Ricorda che si chiama Belìce e non Belice, e che è un fiume, e poi una valle. Ricorda che esiste un paese che si chiama Vita, che per il terremoto del 1968 era morto, ma Vita è rinata, così adesso c’è la vecchia (o la prima) Vita con i ruderi e la nuova (o la seconda) Vita con le case. Ricorda che anche di Gibellina ce ne sono due, una che vive solo nel passato e l’altra che è sperimentale. Ricorda che a Salemi, accanto al Museo dell’arte sacra e al Museo dei cimeli del Risorgimento, c’è anche il Museo della mafia.


Spiega come Borgo Borzellino, costruito durante il fascismo per ripopolare le campagne, sia stato abbandonato, ma forse sarà recuperato per realizzare una scuola di cinema. Spiega come a pochi chilometri dal borgo di Sambuca di Sicilia ci sia un fortino arabo che scompare e ricompare ogni sei mesi a seconda dell’allagamento del bacino artificiale. Spiega come, nonostante tutto, sopravviva il pioppo nero, che i siciliani chiamano, affettuosamente, “’u chiuppuni”.


E rivela come le gole del fiume Sosio creino stupendi canyon naturali. E rivela come un borgo importante come San Carlo, fondato da un cavaliere genovese, alla fine dell’Ottocento un importante snodo ferroviario e commerciale, oggi possa contare sì e no su un centinaio di abitanti. E rivela come il lago Pozzillo, il bacino artificiale più grande della Sicilia, sia fra i più grandi d’Europa.

“Sicily divide in bicicletta” (di Giovanni Guarneri, Terre di Mezzo, 120 pagine, 16 euro) racconta, descrive, illustra e insegna, spiega, rivela la grande traversata (“divide”, in inglese, significa attraversare) dell’Isola. Da Trapani a Catania, ma anche da Catania a Trapani, 460 km, volendo con una deviazione aggiunta da Gibellina a Palermo, ma anche da Palermo a Gibellina, 76,5 km. Con tanto di istruzioni per l’uso e dove mangiare e bere, dove dormire, dove informarsi, dove farsi assistere.

I viaggi più belli si fanno su mappe e guide. Perché li immagini. Poi, però, su una bici, sono ancora più belli. Perché li vivi. Perché li conquisti.

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Quando un essere umano arriva a spingere un 64, corona che in serata può tornare buona per servire la pizza a centrotavola, significa che quell'essere umano ha dentro una potenza spaventosa. Ganna più di tutti. La crono di Desenzano, piana...


Filippo GANNA. 10 e lode. Lacrime dolci singhiozzate con pudore. Parole spezzate dall’emozione di tornare a vincere sulle strade del Giro dopo tre anni. L’ultima corsa contro il tempo vinta dal gigante di Vignone era alla Vuelta: 5 settembre dell’anno...


Lacrime e commozione per Filippo Ganna, che al termine della cronometro di Desenzano sul Garda ha finalmente potuto festeggiare la sua vittoria alla corsa rosa. Nella prima cronometro a Perugia, il piemontese era arrivato secondo alle spalle di Pogacar, una...


Tadej Pogacar è soddisfatto della sua prova a cronometro e sapeva perfettamente che Ganna, su un tracciato piatto come quello di Desenzano sul Garda, sarebbe stato il super favorito per la vittoria.  «Sono molto felice di questo risultato, ma la...


E Filippo Ganna finalmente fa festa! Il campione italiano ha vinto la cronometro da Castiglione delle Stiviere a Desenzano del Garda: 35'02" il tempo di Top Ganna sui 31, 2 km del percorso, volati alla media di 53, 435 kmh....


Il norvegese Tord Gudmestad della Uno-X Mobility ha vinto in volata la Veenendaal Classic, disputata in Olanda sulla distanza di 171.8 km. Gudmestad ha preceduto nell’ordine Simon Dehairs della Alpecin-Deceuninck e Dylan Groenewegen del Team Jayco-AlUla. Ai poiedi del podio...


Sam Bennett, irlandese della Decathlon AG2R La Mondiale Team, ha vinto la quinta tappa della 4 Giorni di Dunkerque, la Arques - Cassel di 179.1 km. Per l’iorlandese, che ha preceduto Penhoet e Berfckmoes, si tratat del terzo successo in questa...


Freccia brittannica nella quinta tappa del Tour of Hellas, la Spercheiada - Chalkida di 196, 9 km: ad imporsi è stato infatti Dylan Hicks del Team Saint Piran che ha preceduto in una volata serratissima il polacco Rudyk e il...


Fallito un altro tentativo dei dirigenti Uae di convincere Pogacar a evitare rischi: dopo il colloquio, lo sloveno è sceso a colazione facendo le scale con lo skateboard. La Bora chiarisce che correre con attenzione quando c’è il vento è...


La Team SD Worx-Protime continua a dominare sulle strade della Vuelta a Burgos. la terza tappa - la Duero - Melgar de Fernamental di 122 km - si è conclusa con una volata che ha visto imporsi Lorena Wiebes che...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi