L'ORA DEL PASTO. LA RUOTA DELLA VITA. GALLERY

NEWS | 13/11/2023 | 08:08
di Marco Pastonesi

Un cerchione. Con 36 raggi. Sul cerchione, raggiante, sono fissati nove omini. Quando il cerchione ruota velocemente, i nove omini sembrano uno solo: che va di corsa. Quando il cerchione ruota lentamente, gli omini si sdoppiano, si triplicano, si moltiplicano: e, più o meno, camminano.


E’ la ruota della vita o forse è la vita della ruota? E’ la vita che è una ruota o forse è la ruota che è una vita? E’ soltanto un gioco, o forse è soltanto un simbolo? E’ un pensiero rotondo o forse un’ipotesi scientifica? Nel dubbio, si guarda ipnotizzati o magnetizzati, sedotti o affascinati, incantati o folgorati. Finché il cerchione – e l’altro cerchione?, e il telaio?, e insomma la bici? – diventa qualcos’altro: un sole, un quadro, un teorema, il mondo. Chissà.


La Compagnia Dromosofista è formata da tre attori che recitano (senza parole), mimano, suonano, danzano, illuminano e s’illuminano, ruotano, ruotano anche le braccia, le mani, le dita, gli occhi. E inventano, improvvisano, creano, rappresentano, costruiscono uno spettacolo tra illusioni e magie, acrobazie e prodigi, giochi fuori dal tempo. Il luogo è speciale: un camion, il camion-teatro, quattro scalini e una tenda per lasciare il suolo, la strada, la terra ed entrare in un’altra dimensione, in un’altra epoca, in un altro spazio. Un altro teatro, appunto. Dentro, sui gradini si può stare, accovacciati, in una quindicina. Altri quattro o cinque spettatori possono sedersi sui cuscini tra platea e palco. E sul palco ci sono loro tre: Rugiada, Tommaso e Facundo. Con tutte le loro piccole invenzioni, le loro semplici proiezioni, le loro tenere creature, la loro delicata immaginazione. Così che l’impressione è quella di una grande piazza, di una grande folla, di una grande festa, anche di una grande cerimonia e di un grande spettacolo.

Chitarra, fisarmonica, mandolino, tamburo e uno strano strumento a corde e leve dal suono orientaleggiante e ammaliante. Maschere e marionette. Luci e ombre. Cappelli e orologi. Sgabelli e altalene. Cavalli e briglie. E molto, moltissimo, infinitamente di più. Dipende più da chi guarda e sogna che da chi muove o si muove.

Fino a dicembre la Compagnia Dromosofista si aggirerà fra le scuole del Viterbese, poi il camion-teatro viaggerà verso nuove avventure e platee. E con loro, quel magico e luminoso cerchione, con 36 raggi e nove omini capaci di diventare, correndo, uno solo.

 

(foto di Fernanda Pessolano)

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Ancora un arrivo allo sprint per un nutrito gruppo di protagonisi, anora un successo firmato Soudal Quick Step Devo Team: la Karongi - Rubavu di 93 km, quarta tappa del Tour du Rwanda, ha visto infatti la vittoria di William...


Spider è la gravel secondo De Rosa, un prodotto esclusivo che oggi vi presentiamo nella nuova colorazione Ocean. Spider è un modello completo con cui potete competere ad ogni livello e su ogni percorso, quindi se siete impavidi agonisti o viaggiatori...


Patrick Lefevere non le ha mai mandate a dire a Julian Alaphilippe e ancora una volta punta il dito contro il due volte campione del mondo. In una intervista concessa a HUMO, il general manager della Soudal Quick Step è...


E' iniziata ufficialmente da San Vincenzo nei pressi di Cecina, in Toscana, la stagione 2024 della Petrucci Parkpre Team Aries. La formazione piemontese è in collegiale sul territorio livornese per ultimare la fase di preparazione in vista del debutto ufficiale in...


La prima corsa del 2024 per Primoz Roglic sarà in Francia, quando il 3 marzo lo vedremo al via della Parigi-Nizza. La stagione dello sloveno proseguirà poi con i Paesi Baschi e poi il Giro del Delfinato, prima di volare...


Alla presentazione degli eventi primaverili RCS la scorsa settimana c'era pure Moreno Moser, vincitore nel 2013 della Strade Bianche. Dalla corsa senese giovane ma già mitica, e rinnovata quest'anno con doppio circuito finale e distanza complessiva di 215 chilometri, parte...


Il mese di marzo è alle porte e si comincia a sentire profuno di primavera, almeno per quel che riguarda il ciclismo. E la primavera, come preambolo alle grandi classiche, porta con sé l'appuntameto con le prime gare a tappe...


Q36.5 introduce Elemental: la nuova collezione per la primavera e l’estate del 2024. La nuova collezione si compone di due linee capisaldo del marchio bolzanino: Dottore Pro e Gregarius Pro. Nei prodotti Dottore Pro, Q36.5 utilizza un tessuto tridimensionale caratterizzato da un tempo di asciugatura più...


La Coppa San Geo che si corre sabato 24 febbraio con partenza da Ponte San Marco e arrivo a San Felice del Benaco, fin dalla sua prima edizione è stata seguita, descritta, corteggiata e vinta da giornalisti e corridori che...


Il più giovane della squadra è il lucchese Pini che compirà 19 anni il 7 marzo prossimo; quello con la maggiore età invece Senesi classe 2002. E’ una squadra giovane, tutta di under 23 la lucchese Gragnano Sporting Club-La Seggiola,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi