SAITAMA CRITERIUM. LE STELLE DEL TOUR E L'ENTUSIASMO DEI GIAPPONESI. GALLERY

PROFESSIONISTI | 04/11/2023 | 15:26

Le stelle del Tour hanno trascorso le ultime ore prima della nona edizione del Saitama Criterium incontrando la folla di tifosi e impegnandosi in attività che hanno riscosso un grande successo tra i fan giapponesi.


Un decimo anniversario "davvero speciale" per Froome


Domenica, il Saitama Criterium vivrà la sua nona edizione e celebrerà il suo decimo anniversario, essendo nato nel 2013. Chris Froome , uno dei tre ex vincitori del Tour de France presenti in Giappone insieme a Tadej Pogačar ed Egan Bernal, ha un bel ricordo dell'edizione inaugurale nella quale ha conquistato la vittoria in maglia gialla: «Sono passati dieci anni ed è davvero speciale vedere quanta strada ha fatto l'evento. È diventato un must per i fan giapponesi. E per noi ciclisti è un'occasione per incontrarli e salutarli. In un certo senso, ci ricorda quanto sia importante il ciclismo e come i suoi confini si estendano ben oltre l'Europa. È un evento molto speciale, la nostra ultima gara dell'anno».

Il gruppo affronterà 17 giri di un percorso di 3,5 km, per un totale di 59,5 km, in una gara trasmessa in 190 paesi del mondo. Domattina il via sarà alle 6.45, mentre prima i corridori saranno impegnati in una cronometro a squadre. Anche i ciclisti junior, i paraciclisti e Keiko Sugiura, due volte medaglia d'oro alle Olimpiadi di Tokyo, gareggeranno contro il tempo su base individuale.

I colpi di genio di Kuss

Oggi i campioni si sono impegnati in diverse attività che hanno fatto impazzire le folle giapponesi. La Saitama Super Arena è stata addobbata con decorazioni, tra cui striscioni a forma di cuore per "Pogi" e un bel fotomontaggio in omaggio all'"Aquila di Durango", il campione della Vuelta a España, Sepp Kuss. L'americano ha mostrato il suo talento per la bella scrittura in un'introduzione allo shūji, la calligrafia giapponese, che viene ancora insegnata nelle scuole elementari. Vestito con una hakama, un tipo di abbigliamento tradizionale giapponese, il corridore della Jumbo-Visma è stato invitato a disegnare i caratteri katakana per il "rosso", in un cenno al colore della maglia di leader della Vuelta a España. I suoi colpi erano così ben fatti che era difficile distinguerlo da uno scrittore giapponese, pensò tra sé. Nel frattempo, Giulio Ciccone realizza un'opera che simboleggia la montagna: «Ho capito bene? Ho sbagliato? Non lo so, ma è stata dura!» ha confessato il re delle montagne dell'ultimo Tour.

Cavendish batte Pogačar nel disegno

È stato organizzato anche un concorso di disegno alla presenza di Wataru Watanabe, l'autore del manga Yowamushi Pedal, che racconta la storia di un geek che diventa ciclista. Quando gli è stato chiesto di valutare le proprie capacità, il numero uno del mondo, Tadej Pogačar, si è dato un voto di... 0 su una scala da 1 a 10! Era troppo modesto. Il suo disegno a matita di un treno proiettile giapponese Shinkansen è stato accolto con applausi, ma l'ultimo corridore a svelare il suo lavoro, Mark Cavendish, lo ha battuto con la raffigurazione di un piccolo drago verde, l'emblema di Saitama. Ma non è l'ultima parola, perché Pogačar è determinato a prendersi la rivincita su due ruote domenica. «Non vedo l'ora» ha twittato lo sloveno, che ha già corso due volte in Giappone, prima nella Japan Cup 2018 e poi alle Olimpiadi di Tokyo nel 2021, anche se non ha mai partecipato al Saitama Criterium prima d'ora.

"Il Giappone è sempre un'avventura" per Martin

Proprio come l'anno scorso, Guillaume Martin, che è arrivato decimo al Tour, si sta preparando per il Saitama Criterium dopo un tour di tre settimane in Giappone, un paese che ama «per un sacco di motivi». «Mio padre ha insegnato aikido per quarant'anni. Ha vissuto in Giappone mentre imparava quest'arte marziale. In realtà l'ho praticato io stesso per dieci anni quando ero più giovane».

Il normanno e la sua compagna hanno visitato le regioni settentrionali "meno turistiche" del paese, vale a dire Tohoku e Hokkaido meridionale, prima di fare una deviazione intorno alle Alpi giapponesi e all'isola di Sado. «C'era un po' di tutto. Siamo andati a fare un bel po' di escursioni e gite di piacere. Abbiamo visitato templi e case di samurai. E il Giappone è sempre un'avventura per le papille gustative!». Per quanto riguarda il Saitama Criterium, ricorda che la sua prima partecipazione, l'anno scorso, è stata "una gara dura": «Spero che questa volta sia un po' più facile. Si tratta anche di incontrare i nostri fan giapponesi. Si vede che hanno il fuoco dentro, è davvero incredibile. Anche perché in Europa non riceviamo questo trattamento da rock star».

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Brindano Jan Tratnik e la sua Visma – Lease a Bike all'Omloop het Nieuwsblad, la prima Classica belga dell’anno dominata dal team olandese sul traguardo di Ninove. Tratnik  in Belgio ha conquistato la vittoria più importante della sua carriera, andando...


Prima classica della stagione e subito le grandi del gruppo a darsi battaglia e a regalare spettacolo: basta leggere l'ordne d'arrivo della Omloop Het Nieuwsblad per capirlo... Primo posto per Marianne Vos, secondo per Lotte Kopecky, terzo per Elisa Longo...


Tutto come un anno fa: Jonas Vingegaard si esalta sulle strade della Galizia e vince anche la terza tappa del Gran Camino, staccando tutti gli avversari e mettendo il sigillo sulla seconda vittoria consecutiva nella corsa iberica. Sul traguardo della...


Christian Prudhomme è stato l'ospite d'onore della 37a edizione della Firenze-Empoli, la classica di apertura della stagione dilettantistica che ha dato idealmente il via al lungo cammino agonistico che porterà all'evento più atteso, la partenza del Tour de France da...


Gioventù al potere nell'edizione 2024 della Faun Ardèche Classic. Juan Ayuso, talento classe 2002 della UAE Team Emirates, ha sprintato davanti a Romain Grégoire, 21enne francese della Groupama - FDJ, e a Mattias Skjelmose, 23enne, in maglia Lidl Trek andando così a conquistare la quinta vittoria...


Bryan Olivo firma la 100sima Coppa San Geo-54sima Trofeo Caduti Soprazocco gara di apertura del calendario italiano degli Elite e Under 23. L'atleta del Cycling Team Friuli allo sprint ha regolato il giovane bresciano Davide Donati, un primo anno della...


Due brillanti protagonisti nella 37^ Firenze-Empoli nati lo stesso giorno, il 3 dicembre 2004. Il vincitore della gara, il friulano di Udine Alessio Menghini della General Store autore di una volata splendida che gli ha permesso di mettere dietro la...


La Israel Premier Tech fa festa nella settima e penultima tappa del Tour du Rwanda: Itamar Einhorn fa bis nella Rukomo – Kayonza (158 km) dopo il successo di lunedì a Kibeho, mentre il compagno di squadra Joseph Blackmore mantiene...


È l’uomo in verde, il re dei velocisti all’UAE Tour 2024 e Tim Merlier lo ha dimostrato anche oggi calando il tris e vincendo la sesta tappa della competizione al termine di 138 di gara. Il belga ha firmato la...


Il Team Visma | Lease a Bike ci ha provato in tutti i modi e, alla fine, a vincere la Omloop Het Nieuwsblad 2024 è stato il corridore che più era rimasto passivo, Jan Tratnik. Lo sloveno ha battuto in...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi