TEAM JAYCO ALULA E IRR INSIEME ANCHE PER IL 2024

PROFESSIONISTI | 13/10/2023 | 08:02

Il Team Jayco AlUla, squadra di ciclismo World Tour maschile e femminile australiana, rinnova la fiducia per la stagione 2024 nell’istituto delle Riabilitazioni Riba di Torino, che per il quarto anno consecutivo sarà la Clinica ufficiale del Team.


Il rinnovo di questa partnership con uno dei team più importanti a livello mondiale (che vanta campioni quali Simon Yates, Michael Matthews, Dylan Groenewegen, Letizia Paternoster, Mavi Garcia), conferma il centro torinese quale punto di riferimento, a livello internazionale, per le squadre più importanti del ciclismo professionistico, che affidano alla competenza affermata dello staff medico i propri atleti, sia in fase preparatoria che riabilitativa.


Le prime visite si sono svolte oggi all’IRR, con la presenza della squadra maschile e femminile, il Team Manager e l’equipe medica.

“Siamo molto orgogliosi di poter continuare per il quarto anno la nostra collaborazione con una squadra così importante, ricca di grandi campioni di livello mondiale, a testimonianza della grande esperienza sviluppata dall’IRR dopo anni di collaborazione con il mondo del ciclismo professionistico” spiega il Dott. Ugo Riba, Presidente del Gruppo CIDIMU. “Ci rende felici soprattutto la fiducia che continuiamo a ricevere dal Team Jayco AlUla, il quale continua ad affidarci i suoi atleti certi della professionalità e della competenza del nostro centro e che mettiamo volentieri a disposizione degli atleti per prepararli alla forma perfetta che serve per competere a livello internazionale”.

“E’ per me un enorme piacere – sottolinea Brent Copeland, General Manager del Team Jayco AlUla – poter annunciare che anche per la prossima stagione proseguirà la nostra collaborazione con l’Istituto delle Riabilitazioni Riba di Torino. Per il nostro Team, IRR è un partner fondamentale sotto il profilo medico-sportivo. OItre alle visite mediche per i componenti delle squadre maschile e femminile, IRR ci supporta nel percorso di riabilitazione dei nostri atleti infortunati o che sono state vittime di incidente. Quella con IRR è una relazione ormai consolidata nel tempo e che continua a funzionare molto bene. Per questo, ancora una volta, ci tengo a ringraziare tutto lo staff di IRR per il loro supporto e la grande disponibilità nei confronti dei nostri atleti”.

L’Istituto delle Riabilitazioni di Torino è un centro medico d’eccellenza, uno dei 23 Istituti certificati al mondo come Collaborating Centre of the International Federation of Sports Medicine, prestigioso riconoscimento ottenuto nel 2016. L’IRR dispone di moderni ambulatori specialistici per affrontare le diverse problematiche della Medicina dello Sport, e propone un modello di Riabilitazione Integrata che spazia dal campo ortopedico a quello cardiovascolare, con ogni possibile intervento in reumatologia, neurologia, otorinolaringoiatria, pneumologia, urologia e dermatologia. L’IRR ha ottenuto in brevissimo tempo delle importanti convenzioni con l’Università degli Studi di Torino, di Pavia, di Madrid, di Valencia e delle Canarie e dei riconoscimenti ufficiali da parte dell’Accademia di Medicina.

 

 

L’Istituto delle Riabilitazioni fa parte del Gruppo CIDIMU, fondato dal Dr. Ugo Riba a Torino nel 1982, Gruppo che continua a perseguire standard elevati nella diagnostica, nella riabilitazione e nella chirurgia ambulatoriale: attualmente il più grosso impegno è nell’applicazione dell’Intelligenza Artificiale in ambito diagnostico. Ad oggi il Gruppo conta 14 strutture tra Piemonte, Lombardia e Veneto

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Successo della Autozai Contri nella cronosquadre di apertura del Giro del Veneto juniores che si è disputata sulla distanza di 6, 1 km con partenza e arrivo a Padova. La formazione composta da Tommaso Anastasia, Pierluigi Garbi, Melsan Idrizi, Alessio...


Victor CAMPENAERTS. 10 e lode. Il 32enne corridore belga della Lotto Dstny fa quello che speravano facesse De Lie: vince. Victor... vittoria numero uno in questa stagione, la prima al Tour, la numero 12 in carriera, che è fatta più...


È buona norma, quando si è invitati ad una festa di compleanno,  portare un omaggio al festeggiato, ma in casa De Rosa hanno deciso di invertire le convenzioni: in occasione del 61esimo compleanno di Cristiano De Rosa, infatti, arrivano due...


Fuga doveva essere nella diciottesima tappa el Tour (da Gap a Barcelonette) e fuga è stata con commozione finale: subito dopo iaver vinto la sua prima tappa dal Tour de France, regolando allo sprint Matteo Vercher (TotalEnergies) e Michal Kwiatkowski...


All'età di 93 anni ha corso la sua ultima volata il viareggino Tommaso Purini,  grande appassionato di ciclismo: amava ricordare di essere stato il vincitore della corsa dell'anno Zero del Gran premio di Camaiore nel 1948 (citato anche nel libro "50 anni...


Nell’inferno dell’afa di Borgofranco d’Ivrea Federico Biagini (VF Group Bardiani CSF Faizanè) allunga negli ultimi cento metri e batte il campione italiano Edoardo Zamperini (Nazionale Italiana). Maglia rossa degli sprint cash addosso, per Biagini si tratta della prima vittoria stagionale...


La Fondazione Catella, in zona Isola a Milano, è stata palcoscenico stamattina del lancio ufficiale della vastissima offerta di Warner Bros Discovery per quanto riguarda la trasmissione dei Giochi Olimpici di Parigi 2024 al via fra otto giorni. Saranno 3800...


Pinarello ha svelato la nuova Bolide F TT,  la bici che sarà a disposizione dei corridori del Team INEOS Grenadiers nelle rispettive nazionali per tentare l’assalto alla cronometro durante i Giochi Olimpici di Parigi 2024. per leggere l'intero articolo vai su tuttobicitech.it  


In un grande giro la giornata storta può capitare a chiunque, in particolare nell’ultima settimana e Jonas Vingegaard ha ammesso che ieri nella salita verso il traguardo di Superdévoluy la forma non era delle migliori. «Sento ancora che sto migliorando...


Nel finale verso SuperDévoluy, Tadej Pogacar ha deciso di attaccare Jonas Vingegaard: un’azione, la sua, che ha raccolto diverse critiche, perché quell’attacco non avrebbe cambiato nulla nel risultato finale. Lo sloveno in conferenza stampa, riguardo quel gesto ha poi spiegato...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi