I VOTI DI STAGI. UNA SUPER UAE EMIRATES PUO' CONTRASTARE QUESTA JUMBO SPAZIALE?

I VOTI DEL DIRETTORE | 11/09/2023 | 17:04
di Pier Augusto Stagi

TEAM DSM FIRMENICH. 6,5. Si sono vinti la crono inaugurale, hanno vestito la maglia rossa con il nostro Lorenzo Milesi e hanno accarezzato la vittoria di Romain Bardet, 3° e 2° di tappa. Per loro 8 piazzamenti nei primi dieci e qualche sogno ancora da rincorrere.


MOVISTAR TEAM. 6,5. Enric Mas è quinto nella generale e il team ha raccolto finora nove piazzamenti nei dieci. Corsa di ricorsa, di tenuta, da “regulator”. Fanno quello che c’è da fare: difendersi.


EF EDUCATION-EASYPOST. 5,5. Sei piazzamenti nella top ten, Carthy 18° nella generale, diciamo che fanno fatica: tanta.

SOUDAL QUICK-STEP. 6. È chiaro che il loro bilancio è negativo, perché erano venuti qui per fare il bis con Remco, per puntare almeno al podio, invece è andata come ben sapete. Però hanno già portato a casa due vittorie di tappa con Evenepoel, che è lì a un passo dalla maglia verde della classifica a punti e veste quella dei grimpeur. Insomma, è una disfatta di livello. Di grande livello.

GROUPAMA FDJ. 6,5. Nove piazzamenti nei dieci, con il giovanissimo Lenny Martinez che ha vestito anche la maglia di leader per due giorni.  Fin qui bravi con il nipote e figlio d’arte, ma anche con Grégoire e Storer.

BAHRAIN VICTORIOUS. 7. Quarti come squadra, settimi nella generale con Mikel Landa. Nella seconda settimana hanno provato a fare qualcosa di importante, ma spesso non è andata come volevano. Ma c’è ancora terreno per farlo.

ASTANA QAZAQSTAN TEAM. 5. Un piazzamento nella prima tappa (7°), poi un 14° con De la Cruz (6°) nella 14a tappa: fine. Un po’ poco.

INEOS GRENADIERES. 6. Con tutto il rispetto per tutti, questo team è stato salvato dal nostro Pippo TopGanna. Una vittoria di tappa e altri tre piazzamenti. Il SignorG resta un immenso signore, ma il tempo ha segnato le sue gambe, non certo il suo cuore.

COFIDIS. 6. Tre piazzamenti e una vittoria di tappa con Herrada: va bene così.

BORA HANSGROHE. 8. Una vittoria di tappa con Kamna, un quarto posto nella speciale classifica a squadre, due corridori come Vlasov e Uijtdebroecks nei dieci e dodici piazzamenti nei dieci.

LOTTO DSTNY. 6,5. Otto piazzamenti e una vittoria di tappa con Kron. Sono qui per fare i “cacciatori” di giornata e sono quasi sempre in caccia.

ALPECIN DECEUNICK. 6,5. Sono qui per le volate e con Groves se ne sono portate a casa già due. E non è finita.

AG2R CITRÖEN. 5. Cinque piazzamenti, di cui due con Vendrame fin che è stato in corsa. Potrebbero fare di più.

CAJA RURAL. 6. Tenuto conto che sono una piccola realtà, stanno facendo il loro. Otto piazzamenti nei dieci, non sono pochi.

INTERMARCHÈ. 6,5. Faticano tanto, soprattutto perché manca un come Taaramäe costretto al ritiro. Poi ci pensa lui, l’ex campione del mondo portoghese che ha 36 anni coglie la giornata di gloria e non se la lascia sfuggire, sistemando un bel po’ di cose.

JUMBO VISMA. 10. Tre vittorie di tappa con Roglic, Kuss e Vingegaard, un podio da campionato sociale, una superiorità netta e senza appello: che dire? Solo loro possono frenarsi. Solo loro possono tarparsi le ali.

UAE EMIRATES. 8,5. Sono la squadra che in quindici tappe ha ottenuto più piazzamenti: 17. Una vittoria di tappa con Molano, Ayuso in maglia bianca e quarto in classifica, Soler sesto, Almeida decimo. Squadra di livello, che si vede ridimensionata perché ci sono quei tre la’.

LIDL-TREK. 5,5. Cinque piazzamenti, con un Theus (voto 7) che ne fa da solo quattro. Certamente non all’altezza Juan Pedro Lopez: ha 26 anni, e il suo livello temo sia questo.

TOTALENERGIES. 6,5. Cinque piazzamenti, una vittoria di tappa con Soupe. Un ottavo posto nella classifica a squadre. Squadra adatta alla lotta che può lottare.

BURGOS BH. 5,5. Tre piazzamenti, per un piccolo team che è un po’ come un vaso di coccio tra vasi di ferro.

TEAM ARKEA. 5. Due piazzamenti, entrambi con Rodriguez.

TEAM JAYCO ALULA. 17. Mi vien difficile valutare il team di Brent Copeland, che è stato letteralmente decimato in queste due settimane. Di otto corridori, in corsa ne sono rimasti quattro, quasi subito. Hanno perso Dunbar, Hepburn, Scotson e Zana. C’è il nostro Sobrero che ha regalato nella 9a tappa un bellissimo 2° posto. Meritano che la ruota giri e girerà.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Uae 5
11 settembre 2023 17:45 Carbonio67
Hanno vinto per pura fortuna una volata. Ayuso a parte, Almeida e Soler sono naufragati subito fuori dalla top 3 podio. Non hanno fatto un attacco che sia uno. Erano venuti qui con ben altre intenzioni e dichiarazioni.Non basta il nome se non si hanno risultati concreti

No
11 settembre 2023 18:36 Albertone
Noi che siamo ospiti del sito (cit), penso che abbiamo visto una Uae sottotono. E' la dimostrazione che anche se si spendono valanghe di €, non danno valore aggiunto. Sono dietro a minuti e alle prime salite si sono arresi, a parte il coriaceo Ayuso. Quindi, voto al massimo da 6. Ineos che Ganna a parte vale un 5 e Alpecin 8...quante ne hanno vinte ? Un pochino di volate

Super Uae ?
11 settembre 2023 19:31 Cicorececconi
Non contano niente i piazzamenti. A fine Vuelta cosa se ne fanno ? Ad ora 1 vittoria in volata contro 3 tapponi della Jumbo.I primi 3 sono appunto davanti, quindi di fare piazzamenti ad ora fuori dal podio non credo sia obbiettivamente un grande risultato. Questo potrebbe esserlo se in quei piazzamenti ci fosse una Cofidis o una Trek che non avevano molto da chiedere. Mi sa che a fine anno, gli emiri si interroghino su cosa spendono e su cosa gli ritorna. Tolto Pogacar,resta ben poco.

E Roglic?
11 settembre 2023 19:45 Il serpente
Come due vittorie della jumbo visma? E quella di Roglic dove la mettiamo?Stagi, voto 4...

UAE...
11 settembre 2023 21:04 Ale1960
Meritano appena la sufficienza. Hanno vinto solo una tappa e si aggrappano a Ayuso per un piazzamento. Si sono presentati con una "mezza squadra" e ne raccolgono i frutti...

Uae
11 settembre 2023 21:43 alerossi
È l'unica squadra che ha tentato di tener testa alla jumbo. Poi gli altri sono nettamente più forti e si vede. Ma se date 6 alla uae allora alle altre 20 squadre diamo 4 o meno. Meritano il voto dato da stagi. E comunque meglio uae alla vuelta che al tour.

@ alerossi
12 settembre 2023 00:15 ghisallo34
Con 3 possibili elementi da podio, se alle prime salite 2 dei 3 imbarcano minuti, e' un fallimento. Ayuso l'unico che si salva. Hanno provato cosa ? Mai visti in azione nelle tappe che contavano. Flop assoluto.

Lo ripeto
12 settembre 2023 06:12 kristi
L UAE troppo troppo dipendente dal genio e le gambe di Tadeij , tolto resta ben poco , promesse mai sbocciare, giovani in prospettiva e alcuni vecchietti . L.anno prossimo in molti se ne andranno, ( gli italiani già lo hanno fatto) mica colpa dei ciclisti se ora in Arabia sono impazziti per il calcio . Il fondo sovrano che finanzia tutto lo sport , è un po ,.....ondivago nelle sue preferenze . Detto questo ormai perché stupirsi dei voti del direttore ad UAE ?

Super ?
12 settembre 2023 11:01 Angliru
Super e' lottare per le posizioni che contano, non arrancare. 17 piazzamenti servono a poco, se nella generale si e' dietro. Vincere una volatina, non cambia l'economia di una Vuelta. La Uae gia' corre in maniera singolare, se poi le togliete il fenomeno Tadej, ha tanti limiti. Fossi in Ayuso e Pogacar, comincerei a farmi parecchie domande su questo team.

Ghisallo34
12 settembre 2023 11:17 alerossi
Pensare soler, uno dei più sopravalutati della storia del ciclosmo, uno da podio è fantascienza. Molano doveva vincere una tappa e lo ha fatto. Ayuso doveva lottare per il podio ed è 4°. Almeida non è ancora da 2 gt a stagione ma è comunque in top10.

Singolare davvero
12 settembre 2023 11:47 Greg1981
Prima del giro, in certi ambiti giornalistici si criticava la Jumbo. Totale, Giro vinto. Al Tour idem, con le critiche a Van Aert e la storiella degli attriti interni. Totale, Tour vinto. Ora, se come probabile vinceranno la Vuelta, voglio vedere cosa diranno. I problemi, mi pare li abbiano altri team. Primo tra tutti quello di Pogacar

Alerossi
12 settembre 2023 12:30 ghisallo34
Caspita che risultati ! Proprio da 8,5 !

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Ancora un arrivo allo sprint per un nutrito gruppo di protagonisi, anora un successo firmato Soudal Quick Step Devo Team: la Karongi - Rubavu di 93 km, quarta tappa del Tour du Rwanda, ha visto infatti la vittoria di William...


Spider è la gravel secondo De Rosa, un prodotto esclusivo che oggi vi presentiamo nella nuova colorazione Ocean. Spider è un modello completo con cui potete competere ad ogni livello e su ogni percorso, quindi se siete impavidi agonisti o viaggiatori...


Patrick Lefevere non le ha mai mandate a dire a Julian Alaphilippe e ancora una volta punta il dito contro il due volte campione del mondo. In una intervista concessa a HUMO, il general manager della Soudal Quick Step è...


E' iniziata ufficialmente da San Vincenzo nei pressi di Cecina, in Toscana, la stagione 2024 della Petrucci Parkpre Team Aries. La formazione piemontese è in collegiale sul territorio livornese per ultimare la fase di preparazione in vista del debutto ufficiale in...


La prima corsa del 2024 per Primoz Roglic sarà in Francia, quando il 3 marzo lo vedremo al via della Parigi-Nizza. La stagione dello sloveno proseguirà poi con i Paesi Baschi e poi il Giro del Delfinato, prima di volare...


Alla presentazione degli eventi primaverili RCS la scorsa settimana c'era pure Moreno Moser, vincitore nel 2013 della Strade Bianche. Dalla corsa senese giovane ma già mitica, e rinnovata quest'anno con doppio circuito finale e distanza complessiva di 215 chilometri, parte...


Il mese di marzo è alle porte e si comincia a sentire profuno di primavera, almeno per quel che riguarda il ciclismo. E la primavera, come preambolo alle grandi classiche, porta con sé l'appuntameto con le prime gare a tappe...


Q36.5 introduce Elemental: la nuova collezione per la primavera e l’estate del 2024. La nuova collezione si compone di due linee capisaldo del marchio bolzanino: Dottore Pro e Gregarius Pro. Nei prodotti Dottore Pro, Q36.5 utilizza un tessuto tridimensionale caratterizzato da un tempo di asciugatura più...


La Coppa San Geo che si corre sabato 24 febbraio con partenza da Ponte San Marco e arrivo a San Felice del Benaco, fin dalla sua prima edizione è stata seguita, descritta, corteggiata e vinta da giornalisti e corridori che...


Il più giovane della squadra è il lucchese Pini che compirà 19 anni il 7 marzo prossimo; quello con la maggiore età invece Senesi classe 2002. E’ una squadra giovane, tutta di under 23 la lucchese Gragnano Sporting Club-La Seggiola,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi