GIRO NEXTGEN. CHIEDETE SEMPLICEMENTE SCUSA

APPROFONDIMENTI | 15/06/2023 | 13:22
di Pier Augusto Stagi

Si dovrebbe solo chiedere scusa, semplicemente. Scusa, per una sesquipedale cazzata, vista dal mondo intero, perché oggi il mondo è interconnesso, è social, è tutto quello che i giovani vogliono che sia ma sembra che i primi a non saperlo e a non rendersene conto sono loro. Connessi dalla sera alla mattina, poi sorpresi perché le loro bravate finiscono nei video di tanti appassionati a bordo strada e cominciano a girare in rete, rimbalzando da cellulare in cellullare. Pensa.


Si dovrebbe solo chiedere scusa, invece no, c’è chi non ci riesce, chi non ce la fa e sostiene che si è sempre fatto, che è giusto farlo, che non è la morte di nessuno, che il ciclismo è anche questo e via discorrendo con altre amenità di questo genere e tenore. Anzi, c’è chi si vanta di averlo fatto per una vita intera e non è stato mai beccato. Non sono mai stati beccati perché era un'altra vita, un altro mondo. Disconnesso, proprio come lorsignori, ancora sconnessi dalla realtà.


È stato sfregiato lo Stelvio, la salita di Coppi nella tappa più iconica e prestigiosa del Giro Next Gen, la massima competizione italiana riservata agli Under 23. Invece di percorrerla attaccando, alcuni (31 per la precisione, dei quali 24 identificati ieri sera e 7 stamattina dopo aver visionato ulteriori video: 24 gli italiani, 7 gli stranieri) hanno pensato bene di attaccarsi, alle loro ammiraglie ad un paio di moto della Polizia (espulse pure queste).

È stato mancato di rispetto agli organizzatori di Rcs Sport, che da quest’anno hanno preso in mano la corsa. È stato mancato di rispetto al ciclismo e a tutti noi che questo sport amiamo e per questa ragione non è escluso che sia la Federciclismo che l’Uci possano aprire a breve, fascicoli disciplinari su corridori e direttori sportivi che hanno calpestato il buonsenso e la storia del nostro sport.

 È stata una mancanza di rispetto, che non ha bisogno di ulteriori commenti. Solo di scuse.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
CICLISMO OGGI
15 giugno 2023 13:54 PIZZACICLISTA
Ha detto bene Vladimir Belli al gro di Slovenia che in Italia abbiamo un ciclismo da rifondare dalla base persone e società da cambiare di sana pianta.

Finalmente!
15 giugno 2023 14:20 FrancoPersico
Detto da Stagi forse aprirà gli occhi a molti. E poi vi chiedete perchè un "leone da tastiera" come sarei io si lamenta per uno spettacolo vergognoso. Allora non la penso solo io come scrive il direttore!

Scuse
15 giugno 2023 14:22 alerossi
Non sono sufficienti. Non sono in grado di fare lo stelvio? Non sono in grado di fare i corridori. E allora cambino mestiere, a maggior ragione che sono giovani e hanno tante altre possibilità tra cui scegliere per la loro vita, che è ovvio lontano dal ciclismo delle competizioni. Mi sembra un ragionamento talmente semplice, ma per loro molto difficile.

@alerossi
15 giugno 2023 15:27 FrancoPersico
Non credo dipenda nemmeno tutto da loro. Ci sono personaggi che li illudono, senza questi giovani come potrebbero sedere sulle ammiraglie. Ma sai... poi ti dicono che li fanno crescere... che è sbagliato il metodo di Vergallito. Ma per piacere. Chiedano scusa ma ci vuole umiltà e consapevolezza.

memoria corta
15 giugno 2023 20:03 agostino
non mi ricordo che fu chiesta la testa a un commissario tecnico italiano che trainò un suo corridore durante il mondiale dei proff.....il traino è traino sia sullo stelvio che al mondiale e se vogliamo fare paragoni è peggio nei proff che nei dilettanti,bisogna tenere un giudizio identico in tutti e due i casi....

Nel solco della tradizione
16 giugno 2023 00:26 pickett
Il fatto che così tanti ragazzi si siano comportati a questo modo,in tutta tranquillità,con naturalezza,ci fa capire che si tratta di una prassi comune,di una regola non scritta,come lo zero a zero nel calcio quando serve un punto a tutte e due le squadre.

francopersico
16 giugno 2023 06:16 kristi
io nel mio piccolo vorrei assicurarle che lei non è assolutamente un "leone da tastiera" in primis perchè si firma col nick , ma soprattutto mi suoi commenti sono sempre posati e rispettosi . concordo in pieno con articolo del direttore

pickett
16 giugno 2023 09:42 Bicio2702
L,ì purtroppo, c'è stato un effetto domino. Quando gli altri hanno visto che alcuni corridori si sono attaccati alle ammiraglie, anche loro li hanno seguiti a pecora per non essere da meno. È la psicologia di massa...

Chiedere scusa, non cercare le scuse
16 giugno 2023 13:27 Europa2002
Ha ragione il Direttore punto e basta, se passiamo sopra all'evidenza domani lo faranno di nuovo e poi metti il caso che non veniva preso nessun provvedimento e il giorno dopo uno di questi avrebbe vinto e il secondo classificato uno che è salito in modo regolare? Giusto provvedimento.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Patrick Lefevere non le ha mai mandate a dire a Julian Alaphilippe e ancora una volta punta il dito contro il due volte campione del mondo. In una intervista concessa a HUMO, il general manager della Soudal Quick Step è...


E' iniziata ufficialmente da San Vincenzo nei pressi di Cecina, in Toscana, la stagione 2024 della Petrucci Parkpre Team Aries. La formazione piemontese è in collegiale sul territorio livornese per ultimare la fase di preparazione in vista del debutto ufficiale in...


La prima corsa del 2024 per Primoz Roglic sarà in Francia, quando il 3 marzo lo vedremo al via della Parigi-Nizza. La stagione dello sloveno proseguirà poi con i Paesi Baschi e poi il Giro del Delfinato, prima di volare...


Alla presentazione degli eventi primaverili RCS la scorsa settimana c'era pure Moreno Moser, vincitore nel 2013 della Strade Bianche. Dalla corsa senese giovane ma già mitica, e rinnovata quest'anno con doppio circuito finale e distanza complessiva di 215 chilometri, parte...


Il mese di marzo è alle porte e si comincia a sentire profuno di primavera, almeno per quel che riguarda il ciclismo. E la primavera, come preambolo alle grandi classiche, porta con sé l'appuntameto con le prime gare a tappe...


Q36.5 introduce Elemental: la nuova collezione per la primavera e l’estate del 2024. La nuova collezione si compone di due linee capisaldo del marchio bolzanino: Dottore Pro e Gregarius Pro. Nei prodotti Dottore Pro, Q36.5 utilizza un tessuto tridimensionale caratterizzato da un tempo di asciugatura più...


La Coppa San Geo che si corre sabato 24 febbraio con partenza da Ponte San Marco e arrivo a San Felice del Benaco, fin dalla sua prima edizione è stata seguita, descritta, corteggiata e vinta da giornalisti e corridori che...


Il più giovane della squadra è il lucchese Pini che compirà 19 anni il 7 marzo prossimo; quello con la maggiore età invece Senesi classe 2002. E’ una squadra giovane, tutta di under 23 la lucchese Gragnano Sporting Club-La Seggiola,...


“Aspettando…… il Tour de France” che partirà da Firenze il 29 giugno, arriva sabato prossimo la Firenze-Empoli, la classica promossa dai compianti Paolo Marcucci e Renzo Maltinti nel 1988 e che da allora apre in Toscana la stagione dei dilettanti....


Oggi, 14 anni fa, morì Vanni Pettenella. Grazie al Comune di Milano, e in particolare al Municipio 9, ho dato parole e voce a questo podcast sulla vita e i miracoli di un pistard geniale e semplice. A ricordo di...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi