SCAPPINI, CROSSISTA-STRADISTA-PISTARD "MECCATRONICO": «HO REALIZZATO 2 SOGNI SU 3...»

INTERVISTA | 09/02/2023 | 08:04
di Nicolò Vallone

Dodici vittorie su tredici corse in Italia, tra cui il campionato italiano juniores a Roma (secondo tricolore consecutivo dopo quello dell'anno scorso in Friuli). Più diverse gare disputate all'estero, con un paio di successi in Spagna. Fino alla partecipazione, la prima della sua vita, a un Mondiale: quello di Hoogerheide, dove è rimasto invischiato nella maxi-caduta iniziale ed è arrivato solo 45°. Questo il 2022-2023 ciclocrossistico di Samuele Scappini, il completo corridore di Marsciano che il 24 aprile diventerà maggiorenne e da quando aveva 6 anni insegue un triplice sogno in sella alle biciclette. Prima con la squadra del paese, la Nestor, poi dal 2020 (1° anno Allievo) col team Fortebraccio.


I primi due sogni si sono avverati: diventare campione d'Italia e correre un campionato del Mondo d'azzurro vestito. Il terzo riguarda il momento topico e delicato della crescita di ogni atleta: riuscire a diventare professionista. Il tempo e la determinazione sono dalla sua.


«Questa settimana sono finalmente libero dopo una stagione invernale bella intensa - esordisce Scappini ai nostri microfoni - ma non devo stare tanto a riposo: vado ogni giorno in bici, seppur per pochi chilometri. Progressivamente inizio a lavorare per l'inizio della stagione su strada, fissato per me il 4 marzo: voglio far bene e giocarmi al meglio le mie possibilità in questo ultimo anno juniores!»

E con la scuola come fai?
«Per fortuna sono molto elastici sulle consegne e capiscono perfettamente l'attività sportiva che svolgo: ho un foglio da atleta-studente che mi consente di avere la giustificazione ogni volta che sono via per una gara. Dopo scuola pranzo, esco in bici e dopo faccio i compiti. E il mio allenatore Giancarlo Montedori, direttore sportivo della Fortebraccio, una settimana sì e una no riesce a venire a Marsciano da Città di Castello dove sta lui.»

Cosa studi?
«Meccatronica, una disciplina che unisce meccania, elettronica e informatica. Dato che nel ciclismo oggi c'è tantissima elettronica, ho scelto questo indirizzo così sarò facilitato un domani nel rimanere in questo mondo dopo la carriera da corridore.»

In quante specialità corri?
«Da bambino iniziai con la strada, che come detto pratico tuttora: ho caratteristiche da velocista e ho diverse vittorie all'attivo nelle categorie giovanili. Negli anni ho scoperto di poter essere competitivo anche nel ciclocross, un terreno su cui ci si può aspettare di tutto e dove mi sento davvero felice. In tempi molto più recenti, Montedori mi ha introdotto alla pista: in quartetto coi miei tre compagni e amici Edoardo Burani (nel frattempo passato alla Beltrami TSA Tre Colli ndr) e i due Tommaso, Alunni e Brunori, siamo arrivati terzi ai campionati italiani di Noto.»

Quale delle tre preferisci?
«Senza dubbio il ciclocross. Ma farò sempre quello che mi suggeriranno gli allenatori: mai mettersi di traverso alla squadra.»

Montedori è un punto di riferimento assoluto per te.
«Decisamente, e aggiungo che è stato lui a dirmi quel "Prendi e vai a tutta" prima della vittoriosa gara juniores dei campionati italiani del 15 gennaio.»

Un copione che hai eseguito alla perfezione: che sensazioni ti ha dato la conquista del secondo tricolore?
«Sapevo di avere gli occhi addosso e questo mi metteva ansia. Quando però ho sentito il fischio della partenza, nella mia mente c'è stato spazio solo per la voglia di dimostrare ancora una volta il motore che ho.»

E partecipare al Mondiale?
«Quando ho visto la convocazione non ci credevo, quando ho effettuato la prova percorso è stato il momento in cui mi son detto "il secondo dei tre sogni si è ufficialmente avverato". E in gara, al di là della sfortuna, ho capito quanto il percorso di una prova iridata sia realmente più difficile degli altri che si affrontano in stagione. Stupendo, spero di viverne altri in futuro.»

Com'è correre il ciclocross in Belgio e Olanda rispetto all'Italia?
«Lì ti senti veramente un professionista, sia per l'organizzazione che ti accoglie ai massimi livelli sia per il pubblico che si assiepa ovunque sul percorso e non solo sul rettilineo finale.»

Sappiamo che sei un grande fan di Davide Formolo, che proprio alla vigilia del Mondiale Ciclocross è arrivato secondo al Saudi Tour...
«Vederlo sfoderare una prestazione del genere mi ha reso felicissimo!»

Oltre a Formolo, quali idoli hai?
«Peter Sagan, Elia Viviani, Caleb Ewan e Mathieu Van der Poel. Per ora sono riuscito a incontrare di persona solo Van der Poel, proprio nel weekend del Mondiale pochi giorni fa: gli ho chiesto una foto e ho chiacchierato brevemente con lui. Con l'inglese a scuola vado così così, ma quando ti trovi all'estero e sei immerso nella lingua straniera, ci metti poco a capire e dire qualche parola.»

All'annuncio del prossimo ritiro di Sagan come hai reagito?
«Mi ha fatto tanto male, mi ha regalato troppe gioie Peter! L'anno prossimo il Tour de France, nella sua partenza italiana, passerà vicino alle mie zone e sarebbe stato bellissimo andarlo a vedere da vicino. Che dire, spero di cuore che riesca a centrare la qualificazione olimpica in mountain bike.»

A proposito delle tue zone: a capo dell'area tecnica del Comitato umbro della Federciclismo c'è uno dei più grandi corridori della tua regione...
«Ma certo, Eros Capecchi: lo conosco bene di persona!»

Un Capecchi che non può che essere orgoglioso di ragazzi come Samuele.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Prima corsa della stagione e subito esordio tra i grandi del pedale per Jarno Widar, 18enne talento belga il cui nome ha iniziato a circolare ormai da qualche tempo sulle bocche degli appassionati e degli addetti ai lavori. Classe 2005,...


La stagione ciclistica italiana dei professionisti ha appena preso il via in Liguria (QUI la nostra diretta) e qui di seguito vi proponiamo 8 dichiarazioni pre-Laigueglia: MARCO TIZZA (Bingoal) «È stata una mia scelta fare così tante corse finora perché...


Parla ancora una volta italiano l' Umag Trophy Ladies. Dopo la vittoria ottenuta lo scorso anno da Alessia Vigilia, oggi è stata la giovane Sara Fiorin a conquistare il primo gradino del podio nella competizione croata. La brianzola della  UAE...


C'è sempre una prima volta... Vicente Rojas è il primo cileno della storia a correre il Trofeo Laigueglia. Nato il 30 aprile del 2002, è ufficialmente approdato al professionismo quest’anno con la VF Group Bardiani CSF Faizané dopo essere stato...


La nuova e interessante iniziativa legata al nome "Laboratorio del Ciclismo" è finalizzata a coinvolgere scuole, oratori, eventi sportivi sul territorio e altri occasioni utili a coinvolgere le nuove generazioni. Un impegno a 360 gradi che punta a sviluppare l’uso...


Al Trofeo Laigueglia – classica di categoria Pro Series del Calendario Internazionale UCI – esordisce in Italia la Petrolike Forte Sidermec. Il Team Manager Gianni Savio ha dichiarato: “Abbiamo iniziato bene la stagione in Sudamerica, più precisamente in Venezuela e...


Lo sappiamo bene cosa accade, basta un inizio di primavera e la voglia di pedalare diventa straripante, non è così che succede? Tranquilli, se vi state immaginando su una nuova bici per l’inizio della primavera sappiate che la realtà potrebbe...


Saranno 172 i ciclisti partenti nel 61° Trofeo Laigueglia, gara internazionale per ciclisti professionisti che apre il calendario professionistico in Italia. Si corre oggi sulle strade della Riviera di Ponente con la partecipazione di ben 25 team tra cui 9...


Tutto è nato da un post su Linkedin ed è naturale che il social network dedicato soprattutto ai rapporti professionali e al mercato del lavoro ospiti oggi anche il Team Polti Kometa. Ricordate? Ve lo abbiamo raccontato per primi, l'incontro...


Annunciati gli iscritti (la lista dei partenti sarà ufficializzata ovviamente venerdì) alla 10^ edizione della Strade Bianche Women Elite Crédit Agricole e alla 18^ edizione della Strade Bianche Crédite Agricole che sabato 2 marzo renderanno Siena il centro focale del ciclismo mondiale....


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi