ALESSANDRO CATTANI. «DAL TRICOLORE VOGLIO VOLARE IN ALTO E CON MARCO DELLA VEDOVA...»

INTERVISTA | 13/11/2022 | 09:06
di Danilo Viganò

E' uscito allo scoperto quest'anno vincendo il Campionato Italiano a cronometro e sempre contro il tempo il titolo Europeo nella Staffetta Mista-Relay su strada ad Anadia, in Portogallo, che per la prima volta era riservato agli juniores, con Nicolas Milesi, Valentina Zanzi e Alice Toniolli.


Alessandro Cattani ha sorpreso un pò tutti, forse anche se stesso, riuscendo a conquistare una vittoria incredibile come il tricolore a cronometro degli juniores a San Giovanni al Natisone, in Friuli. Una grande vetrina per il giovane varesino della Bustese Olonia che pochi giorni aveva sfiorato il successo nel Campionato Lombardo su strada arrivando secondo alle spalle del campione italiano Dario Igor Belletta.


"Non me lo aspettavo, però lo speravo. La crono è la mia specialità e questo è stato un vantaggio. Prima dell'evento avevo seguito una buona preparazione. Con il direttore sportivo Marco Della Vedova abbiamo lavorato molte giornate e questo è stato ideale per arrivare all'appuntamento nelle migliori condizioni. E' stata la giornata perfetta, una vittoria incredibile".

La stagione 2022 ha riservato a Cattani, oltre ai due titoli, altre soddisfazioni come il secondo posto nel tricolore a cronometro a squadre di Fiume Veneto, il sesto posto nel Giro della Valdera a tappe e altri piazzamenti di rilievo nazionale, ma è il successo in una corsa in linea che gli è mancato.

"Poteva essere il coronamento di una grande stagione, che comunque è stata carica di tante emozioni e di cui sono molto contento. Ci sono andato vicino parecchie volte, per esempio per la conquista del titolo regionale dove mi ha battuto Belletta, a Pieve del Grappa, a Le Casette in Toscana, a Sarezzo, sul Montemagno e in cima al Ghisallo. Ho tanto tempo davanti a me, non devo preoccuparmi più di tanto di queste situazioni, anche perchè penso di essere sulla buona strada per continuare a crescere e fare meglio già dalla prossima stagione".

Primo anno da juniores e hai già fatto vedere grandi cose. Come ti trovi nella Bustese Olonia?
"Molto bene, è una squadra di alto livello e professionalmente ben strutturata. C'è uno staff super con Marco Della Vedova che ci permette di crescere senza strafare. Siamo un bel gruppo di giovani e con un vivaio importante alle spalle. Io sono tre anni in questo team e sto davvero bene".

Cosa hai in mente per il 2023?
"Vorrei vincere una gara internazionale su strada, ripetermi al campionato italiano a cronometro e inoltre mi piacerebbe disputare una corsa a tappe con la maglia azzurra della Nazionale Italia. Gli obiettivi non sono mai facili da raggiungere ma spero di essere pronto per dare il massimo. I risultati di quest'anno mi hanno dato più consapevolezza nelle mie capacità, oltre alle prove contro il tempo mi difendo bene in salita e nelle volate ristrette, sono più tranquillo e ancora più concentrato. Ci sono i presupposti per fare bene. Il mio sogno più grande è diventare professionista".

LA SCHEDA
Chiaro e determinato Alessandro Cattani è nato a Saronno l'8 marzo 2005 e abita a Cislago in provincia di Varese. Ha iniziato da G1 con il Pedale Saronnese società che ha lanciato nel professionismo Claudio Chiappucci, Dario Montani e Alberto Volpi. Studia Termotecnica all'Istituto "Giulio Riva" di Saronno e si è appassionato alla bicicletta seguendo le orme del padre Andrea, ex juniores, che ora progetta impianti per frigoriferi, mentre la madre Lucia fa la contabile in una azienda di contabilità. Gareggia anche la sorella minore Giada, classe 2008, che il prossimo anno passerà allieva con la Ju Green-Bike Cadorago.

Il 2022 di Cattani è stato coronato dal trionfo tricolore a cronometro e dal campionato europeo Relay (staffetta mista) di Anadia in Portogallo. Spiccano inoltre il secondo a Pieve del Grappa e nel Campionato Lombardo, il terzo nella Massa-Le Casette, il quinto nella cronoscalata San Secondo-Prarostino, nella Olgiate-Ghisallo e nella Fagnano Olona- Brinzio. E ancora il sesto nella Brescia-Monte Magno, nella cronoscalata Ornavasso-Santuario del Boden, nella Senago-Carimate e nella classifica generale del Giro della Valdera. A cronometro ha ottenuto inoltre la medaglia d'argento al tricolore cronosquadre (con Gabriele e Tommaso Bessega, e Turconi), e la quinta posizione nel campionato regionale di Romanengo. Per il 2023 è stato confermato dalla Bustese Olonia, società di Busto Arsizio presieduta da Alessandro Cardi e diretta dall'ex professionista Marco Della Vedova. Alto 187 centimetri pesa 69 chilogrammi. Si ispira a Van Aert-"è completo, corre il Ciclocross, è esplosivo su tutti i terreni, un fenomeno"-.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
DAVIDE REBELLIN ENNESIMA VITTIMA DI OMICIDIO STRADALE Art. 589 Bis Cod. Pen.   Il tragico evento che ha visto vittima il nostro amico Davide ha scosso tutto il mondo del ciclismo, ma non solo, poiché il fatto è stato talmente...


Il programma antidoping dell'UCI, uno dei più completi al mondo, è una priorità per l'UCI e per tutti gli stakeholder del ciclismo. Per aumentare l'indipendenza e la professionalizzazione del suo programma, l'UCI ha delegato tutti gli aspetti operativi antidoping all'ITA...


La carriera dei neoprofessionisti italiani parte dai banchi di scuola, nel ricordo di Davide Rebellin e di Ercole Baldini, presidente ACCPI per due stagioni. Un folto numero di ragazze e ragazzi hanno partecipato all'incontro formativo rivolto ai ciclisti neoprofessionisti e...


È stato individuato il camionista responsabile dell'investimento mortale dell'ex campione di ciclismo Davide Rebellin. Si tratterebbe di un cittadino tedesco di 62 anni, identificato grazie alla collaborazione tra carabinieri e polizia tedesca. Dopo l'incidente, avvenuto l'altro ieri, l'uomo aveva...


Gianni Savio, manager di lungo corso del ciclismo italiano, dedica parole colme di emozione al ricordo di Davide Rebellin: «Provo una tristezza infinita pensando a quanto è successo a Davide Rebellin. Di Davide ricordo il sorriso buono e i modi...


Da oggi è ufficialmente in vigore il nuovo statuto del CPA – Cyclistes Professionnels Associés e per tutti i ciclisti e le cicliste della massima categoria si prospettano novità importanti. Lo scorso 21 novembre l'associazione mondiale dei corridori ha...


Caro Direttore, per chi ama il Ciclismo non possono certo questi definirsi giorni felici. Prima l'omicidio stradale in danno di Davide Rebellin e, dopo poche ore, il Padreterno che si porta via Ercole Baldini. Ce n'è ben a sufficienza per...


48 ore dopo la tragica morte di Davide Rebellin, è ancora complicato farsene una ragione. E lo è ancora di più per chi, come Davide Formolo, ne era amico, collega e compagno di allenamenti. I due vivevano nei pressi di...


Lo staff tecnico azzurro del ciclismo ha reso omaggio alla memoria di Franco Ballerini al cimitero di Casalguidi in provincia di Pistoia, e quindi a casa di Alfredo Martini a Sesto Fiorentino presenti le figlie di Alfredo, Silvia e Milvia....


«Ridurre il numero di vittime della strada si può». Davide Cassani, già ciclista e ct della Nazionale, ha corso con Rebellin. Anche lui fa parte della categoria "mai senza bici": da ex, pedala regolarmente. Curiosamente, deve il suo ritiro dalle...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach