LANGKAWI 2022. MOLENAAR: «UNA VITTORIA PER CONTINUARE IL MIO SOGNO»

PROFESSIONISTI | 18/10/2022 | 16:46
di Giorgia Monguzzi

L’ottava tappa del Tour de Langkawi è stato un tripudio di emozioni, corsa a tutta fin dai primi chilometri ha regalato un vero e proprio spettacolo in cui Alex Molenaar è stato il vero protagonista. In volata ha battuto Jason Osborne dopo una fuga che ha caratterizzato la giornata, regalando alla sua Burgos BH una vittoria rincorsa e voluta ad ogni corso. E’ un modo perfetto per lui per chiudere una stagione che di certo non è stata dalla sua parte ed una prossima che si prospetta essere ancora più difficile.


 


«Sono davvero felicissimo e anche un po’ emozionato - dice Molenaar a tuttobiciweb -: non è solo una vittoria personale, ma soprattutto di squadra, è grazie a loro se sono sul gradino più alto del podio. Tutto il mio team ha corso a tutta il Tour de Langkawi, ogni giorno attaccavamo ed eravamo sempre più vicini al podio. Ieri un mio compagno è arrivato terzo, abbiamo veramente sfiorato la vittoria ed ora finalmente eccomi a festeggiare. Solitamente non mi piace la pioggia, preferisco di gran lunga il sole anche se sotto l’acqua mi trovo davvero bene, forse perchè mi ricorda un po’ casa dove praticamente piove sempre.»

 

Alex Molenaar è stato protagonista della numerosa fuga di giornata, poi a 30 km dal traguardo è stato proprio lui a rompere gli indugi e provare a portare via un gruppo più ristretto .«Nella fuga di giornata c’erano molti atleti forti, era fondamentale provare a decimare il gruppo, altrimenti sarebbe stato impossibile riuscire a fare la differenza. Sull’ultima salita ero stanchissimo, non mi sentivo veramente più le gambe, ma fortunatamente io e Osborne siamo riusciti a collaborare bene e abbiamo mantenuto il nostro vantaggio. Poi sul finale ci siamo guardati leggermente ed è partito lo sprint, a quel punto non ho pensato più a nulla, ma ho dato tutto quello che mi era rimasto» ci dice l’olandese rivelandoci che gli sembra stranissimo essere riuscito a battere un ragazzo dell’Alpecin Deceuninck che in questi giorni in Malesia sembra davvero invincibile».

 

Sono state tre stagioni speciali per lui nella Burgos BH, ha imparato tanto e ha avuto la possibilità di partecipare a corse di alto livello come la Vuelta di Spagna. Quest’anno per lui è stato però tutt’altro che facile, un’autentica sfortuna l’ha colpito in pieno impedendogli di fatto di correre come voleva. «E’ stata una stagione travagliata, come se fossi stato colpito da una maledizione. Subito ad inizio anno mi sono ammalato, ho avuto la mononucleosi che mi ha devastato. È stato lungo e difficile riprendersi e il fisico con fatica è riuscito a tornare quello di prima. Sono stato fermo a lungo perché non riuscivo più a trovare un buon colpo di pedale, in pratica non è mai stata una vera stagione. Arrivare qui alla fine e riuscire a vincere è qualcosa di assolutamente unico, lo ammetto sono emozionato perché non me lo sarei mai aspettato».

La voce di Alex Molenaard è carica di emozione perché la vittoria di oggi accende quella luce ad una stagione totalmente da dimenticare. Per lui che pedala da quando aveva dieci anni, il sogno è sempre stato quello di correre in una grande squadra, fare le grandi competizioni europee, ma ora è costretto a fare i conti con la tremenda realtà, Molenaar è infatti uno dei tanti atleti a non avere un contratto, un destino in bilico e una speranza appesa a queste ultime corse. Una vittoria per provare a farsi vedere e a urlare al mondo che proprio non vuole smettere di sognare.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La stagione ciclistica italiana dei professionisti ha appena preso il via in Liguria (QUI la nostra diretta) e qui di seguito vi proponiamo 8 dichiarazioni pre-Laigueglia: MARCO TIZZA (Bingoal) «È stata una mia scelta fare così tante corse finora perché...


Parla ancora una volta italiano l' Umag Trophy Ladies. Dopo la vittoria ottenuta lo scorso anno da Alessia Vigilia, oggi è stata la giovane Sara Fiorin a conquistare il primo gradino del podio nella competizione croata. La brianzola della  UAE...


C'è sempre una prima volta... Vicente Rojas è il primo cileno della storia a correre il Trofeo Laigueglia. Nato il 30 aprile del 2002, è ufficialmente approdato al professionismo quest’anno con la VF Group Bardiani CSF Faizané dopo essere stato...


La nuova e interessante iniziativa legata al nome "Laboratorio del Ciclismo" è finalizzata a coinvolgere scuole, oratori, eventi sportivi sul territorio e altri occasioni utili a coinvolgere le nuove generazioni. Un impegno a 360 gradi che punta a sviluppare l’uso...


Al Trofeo Laigueglia – classica di categoria Pro Series del Calendario Internazionale UCI – esordisce in Italia la Petrolike Forte Sidermec. Il Team Manager Gianni Savio ha dichiarato: “Abbiamo iniziato bene la stagione in Sudamerica, più precisamente in Venezuela e...


Saranno 172 i ciclisti partenti nel 61° Trofeo Laigueglia, gara internazionale per ciclisti professionisti che apre il calendario professionistico in Italia. Si corre oggi sulle strade della Riviera di Ponente con la partecipazione di ben 25 team tra cui 9...


Tutto è nato da un post su Linkedin ed è naturale che il social network dedicato soprattutto ai rapporti professionali e al mercato del lavoro ospiti oggi anche il Team Polti Kometa. Ricordate? Ve lo abbiamo raccontato per primi, l'incontro...


Annunciati gli iscritti (la lista dei partenti sarà ufficializzata ovviamente venerdì) alla 10^ edizione della Strade Bianche Women Elite Crédit Agricole e alla 18^ edizione della Strade Bianche Crédite Agricole che sabato 2 marzo renderanno Siena il centro focale del ciclismo mondiale....


Il salone municipale trasformato in una sala stampa. Ottanta studenti convertiti in giornalisti. Domande e risposte come scatti e controscatti, come attacchi e contrattacchi. E’ successo l’altra mattina, a Ripa Teatina, il paese di Rocky Marciano (e l’incontro è avvenuto...


Nome Enrique, cognone Maranchon. Per molti è ancora uno conosciuto, per le grandi squadre del World Tour è già un sorvegliato speciale. A detta di Eusebio Unzue, general manager della Movistar, il giovane Maranchon (classe 2007) è un talento su...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi