NORMA GIMONDI PRESENTA IL "GIMONDI CAMP 2022" PER BAMBINI DAI 5 AI 12 ANNI

INIZIATIVE | 26/05/2022 | 12:15
di Nicolò Vallone

Non mollare mai fino alla fine!
Nella vita puoi essere utile anche arrivando secondo o quinto. Purché tu ce la metta tutta.


Questi due mantra di Felice Gimondi campeggiano su sito e locandina del Gimondi Camp 2022, un insieme di quattro settimane estive nelle quali, in altrettante località, uno staff di tecnici federali e laureandi in Scienze Motorie trasmetteranno a bimbi e bimbe dai 5 ai 12 anni il piacere della bicicletta e le basi della tecnica ciclistica. Naturalmente in luoghi sicuri e attrezzati come ciclodromi e centri sportivi.


Il progetto è stato presentato ufficialmente stamattina a Milano, nel grattacielo conosciuto come Pirellone, da parte di Norma Gimondi, vicepresidente della Federciclismo (rappresentata nell'occasione da Stefano Pedrinazzi, che guida il comitato regionale lombardo) nonché figlia dell'indimenticato campione sedrinese scomparso due anni fa. Proprio nelle terre lombarde avrà luogo questo camp ludico-ciclistico: dal 13 al 18 giugno ad Almenno San Salvatore (BG), dal 27/6 al 2/7 a Corte Franca (BS), dal 4 al 9 luglio a Cene (BG) e dall'11 al 16 luglio a Cassano d'Adda (MI).
Il ruolo della Regione è rappresentato dal consigliere Giovanni Malanchini: «Una bella pagina di quelle che i lombardi sanno creare, per far conoscere il nostro bellissimo sport grazie anche alla figua di Felice Gimondi, un campione che sintetizzava le virtù di sacrificio e voglia di non mollare tipiche del popolo bergamasco».

Queste invece le parole di Norma Gimondi, che promuove e cura l'iniziativa insieme al cugino Massimo (nipote di Felice ed ex corridore a propria volta) e a Mauro Zinetti presidente della società ciclistica Gazzanighese: «Questo progetto nasce alla prima edizione della Berghem #MolaMia organizzata da Zinetti. In salita, ci siamo chiesti cosa potessimo fare per perpetuare l'eredità di mio padre. Abbiamo deciso di andare in continuità coi suoi progetti per i ragazzi e allestire questa iniziativa, che non ha certo lo scopo di scoprire nuovi Gimondi o creare futuri professionisti, bensì formare cittadini del futuro. Un cittadino che ama sport e natura, e usa la bici per spostarsi nel rispetto del codice della strada, è senz'altro un cittadino migliore. Su questo mi trovo in perfetta simpatia con la regione Lombardia, che ultimamente ha lanciato diverse iniziative soprattutto nella bergamasca: importante investire nelle piste ciclabili, e contestualmente formare i giovani al buon utilizzo del mezzo. Sulla nostra strada abbiamo incontrato diversi amici che ci hanno teso la mano. Non solo il consigliere Malanchini, che mi ha risposto in nemmeno mezz'ora quando gli sottoposi l'idea via e-mail, ma anche il Coni della cui giunta faccio parte. Abbiamo il supporto della Facoltà di Scienze Motorie dell'Università di Bergamo, rappresentata qui oggi dal prof. Antonio Borgogni, una collaborazione che mi rende orgogliosa: dieci studenti di tale corso di laurea faranno parte dello staff del Gimondi Camp. Un'occasione anche per loro di formarsi. Ci è vicina inoltre la Polizia Stradale: ringrazio la vice-questore Mirella Pontiggia, che terrà delle lezioni sul codice della strada al nostro camp. Sono onorata inoltre di avere al mio fianco i genitori di Yara Gambirasio, con la loro fondazione. E ringrazio Claudia Ratti, a capo dell'Associazione Rilancio della Bici. Il percorso è stato inoltre agevolato da quelli che si definiscono sponsor, ma che io definisco amici, e i fornitori (le divise del camp, ad esempio, sono Santini; ndr) ai quali va il mio ringraziamento*. Grazie infine a tutti coloro i quali operativamente porteranno avanti il Gimondi Camp, da mio cugino Massimo ai ragazzi che gestiranno il camp e a chi si occupa della comunicazione. che Questo è un progetto pluriennale, il 2022 è l'anno zero ma già l'anno prossimo abbiamo in mente 8 camp anziché 4: 5 in Lombardia, uno in Liguria, uno in Veneto e uno in Emilia-Romagna. Uno dei quali sarà dedicato ai bambini con disabilità. Pedalare tutti insieme aiuta a superare le difficoltà, un messaggio pure per i genitori.»

Val la pena farsi un giro sul sito ufficiale del camp. Alternati a tutte alle informazioni utili su prezzi e programmi delle giornate, oltre che coperture assicurative e il kit completo che sarà dato in dotazione ai ragazzini partecipanti, troviamo disegni e riassunti che raccontano la straordinaria carriera di Felice Gimondi, dal settore giovanile fino a tutte le conquiste internazionali. Ricordiamo che è recordman di podi finali al Giro d'Italia, vincitore di 3 classiche monumento su 5 (tra cui il Lombardia due volte) ed è uno dei sette corridori di sempre ad aver inanellato la tripla corona.
Uno dei modelli più virtuosi possibili per i piccoli aspiranti ciclisti.

* Gli sponsor sono GLS, Sitip, Nuova Demi, Credem, Metano Nord, CRS Impianti, RG Computer, Limar, UniAcque; i fornitori, oltre al già citato Santini, sono Vittoria, Garmin, Trek, Rossi Sport e Acerbis

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Nella giornata più difficile per la Jumbo-Visma, Primož Roglič ancora una volta è stato il corridore che ha dovuto pagare il conto più alto. Lo sloveno è finito a terra insieme a Caleb Ewan, a causa di una balla di...


Simon Clarke ha realizzato il suo sogno. L’australiano della Israel-Premier Tech, che lo scorso inverno era ancora senza contratto ed è tormatoin sella grazie alla fiducia che gli è stata data dal suo nuovo team, ha realizzato il suo sogno...


Tadej Pogačar è stato ancoa una volta il migliore fra gli uomini di classifica e archivia con un sorriso la temutissima tappa del pavé: «Temevo tutti i pericoli che oggi potevano accadere, ho sentito parlare della caduta nel gruppo ma...


Simon CLARKE. 10 e lode. Il 35enne australiano fa vedere a tutti come fa un ciclista finito per la fatica a vincere con quel poco e con quel tutto che gli rimane. Colpo di reni, colpo di mano, colpo d’occhio,...


«Bisogna conoscere il pavé» vale per tutti: corridori, pubblico e addetti ai lavori. Detto che oggi al Tour ne abbiamo viste di tutti i colori - quello che forse le telecamere non mostrano alla Roubaix perché concentrate solo sui battistrada...


Incredibile Primož Roglič! Lo sloveno della Jumbo Visma si è lussato una spalla nella caduta di cui è stato vittima e se l'è rimessa a posto da solo, prima di ripartire. «Una moto staffetta ha colpito una una balla di...


Spettacolo e risultati clamorosi ci si attendeva dalla tappa del pavé: non siamo stati delusi. C'è un vincitore di tappa che è Simon Clarke che batte al fotofinish Taco van der Hoorn, c'è un vincitore di giornata per quanto riguarda...


Ancora Vos, è la trentaduesima volta per l’olandese nella corsa rosa: 32 successi al Giro in una carriera costellata di successi. Appena qualche giorno fa la “cannibale” aveva sbaragliato la concorrenza con una volata incredibile ad Olbia, con tanta emozione...


Silvia Persico l’aveva sognata, sperata e anche studiata per bene. Oggi si arrivava a “Berghem” la sua città, una piccola capitale e centro di una tradizione che solo la gente che è cresciuta qui può veramente capire. La portacolori del...


Si è spento nella giornata di ieri Gedeone Rebellin, papà di davide, il corridore più esperto del gruppo professionistico. Era statp lui, grande appassionato di ciclismo, a mettere in sella il figlio: Davide racconta infatti che «Da bambino papà Gedeone...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach