ELLEN VAN DIJK SEGNA IL NUOVO RECORD DELL'ORA FEMMINILE: 49,254 KM

DONNE | 23/05/2022 | 18:08
di Giulia De Maio

Missione compiuta! Ellen van Dijk ha infranto il record dell'ora della britannica Joss Lowden, riuscendo a completare 49,254 km in 60'. Al Tissot Velodrome di Grenchen, in una serata dalle condizioni ideali per tentare l'impresa (28° percepiti all'interno e bassa pressione in vista di un temporale), la 35enne olandese ha percorso 197 giri di pista sulla sua splendida Trek Speed Concept blu e bianca ideata appositamente per la sua ora.


A darle indicazioni a bordo pista l'allenatore basco Josu Larazabal, a scandire il tempo il fidanzato Benjamin de Bruijn che ogni 10' suonava il fischietto, mentre Ellen nell'areodinamico body Santini continuava a girare le gambe il più veloce possibile con la testa bassa e fissa sulla linea nera. Al suo fianco una squadra numerosa, con tanta Italia, e davanti a sè la missione di sostenere l'associazione benefica Greenhope, che organizza eventi per offrire ai bambini malati di cancro e alle loro famiglie momenti felici e spensierati.


Gli spettatori presenti al velodromo e coloro che hanno seguito Ellen da casa attraverso il canale youtube di Trek hanno potuto fare la propria offerta a Greenhope e Trek ha annunciato che raddoppierà il totale delle donazioni raccolte durante l'ora di Ellen. Una doppia vittoria per la campionessa del mondo a cronometro, che oggi ha scritto un altro pezzo di storia del ciclismo femminile.

«Sono davvero felice che sia finita e di essere riuscita a infrangere il record. Ho fatto tutto quello che avevamo pianificato. Mi fossi sentita meglio avrei voluto accelerare nella seconda parte, invece ho rallentato. Non ne avevo di più oggi e sul finale ho iniziato a non essere più perfetta in bici, ma ho dato il massimo e non ho rimpianti. Ho sempre fissato la linea nera. Ringrazio tutti coloro che mi hanno permesso di esaudire questo sogno e come recita il claim di Trek "Andate in bici. Divertitevi. State bene» ha commentato appena ripreso fiato la nuova detentrice del record dell'ora femminile, applaudita dai genitori e dai tanti tifosi accorsi in Svizzera per questa storica serata.

Più a freddo le abbiamo chiesto se pensa di riprovarci in futuro per migliorarsi ulteriormente. Questa la sua risposta: «Mi è piaciuto il processo che mi ha portato fino a questo appuntamento, quindi non lo escludo, ma penso che per aumentare ulteriormente il chilometraggio l'unica opzione sia andare in altura. Prima del via ero davvero nervosa perchè avevo paura di deludere tutte le persone che mi hanno supportato, ora mi sembra strano sia tutto finito. Come festeggerò? Ora mi aspetta una buona cena in un bel ristorante con tutta la squadra che ha reso possibile il raggiungimento di questo traguardo. Grazie a tutti, è un successo di squadra».

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Nella giornata più difficile per la Jumbo-Visma, Primož Roglič ancora una volta è stato il corridore che ha dovuto pagare il conto più alto. Lo sloveno è finito a terra insieme a Caleb Ewan, a causa di una balla di...


Simon Clarke ha realizzato il suo sogno. L’australiano della Israel-Premier Tech, che lo scorso inverno era ancora senza contratto ed è tormatoin sella grazie alla fiducia che gli è stata data dal suo nuovo team, ha realizzato il suo sogno...


Tadej Pogačar è stato ancoa una volta il migliore fra gli uomini di classifica e archivia con un sorriso la temutissima tappa del pavé: «Temevo tutti i pericoli che oggi potevano accadere, ho sentito parlare della caduta nel gruppo ma...


Simon CLARKE. 10 e lode. Il 35enne australiano fa vedere a tutti come fa un ciclista finito per la fatica a vincere con quel poco e con quel tutto che gli rimane. Colpo di reni, colpo di mano, colpo d’occhio,...


«Bisogna conoscere il pavé» vale per tutti: corridori, pubblico e addetti ai lavori. Detto che oggi al Tour ne abbiamo viste di tutti i colori - quello che forse le telecamere non mostrano alla Roubaix perché concentrate solo sui battistrada...


Incredibile Primož Roglič! Lo sloveno della Jumbo Visma si è lussato una spalla nella caduta di cui è stato vittima e se l'è rimessa a posto da solo, prima di ripartire. «Una moto staffetta ha colpito una una balla di...


Spettacolo e risultati clamorosi ci si attendeva dalla tappa del pavé: non siamo stati delusi. C'è un vincitore di tappa che è Simon Clarke che batte al fotofinish Taco van der Hoorn, c'è un vincitore di giornata per quanto riguarda...


Ancora Vos, è la trentaduesima volta per l’olandese nella corsa rosa: 32 successi al Giro in una carriera costellata di successi. Appena qualche giorno fa la “cannibale” aveva sbaragliato la concorrenza con una volata incredibile ad Olbia, con tanta emozione...


Silvia Persico l’aveva sognata, sperata e anche studiata per bene. Oggi si arrivava a “Berghem” la sua città, una piccola capitale e centro di una tradizione che solo la gente che è cresciuta qui può veramente capire. La portacolori del...


Si è spento nella giornata di ieri Gedeone Rebellin, papà di davide, il corridore più esperto del gruppo professionistico. Era statp lui, grande appassionato di ciclismo, a mettere in sella il figlio: Davide racconta infatti che «Da bambino papà Gedeone...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach