QUESTIONE DI HOTELLERIE, QUESTIONE DI REGOLE

LETTERA APERTA | 23/01/2022 | 12:08
di Fiorenzo Alessi

Caro Direttore, starò accorto, semmai mi ritrovassi con qualcuno che, un pochino permaloso, si adonta per un nonnulla come apparire un aspirante dopatone solo perché va a farsi un giretto turistico in Spagna, soggiornando così per caso in una struttura alberghiera preparata e predisposta ".. per gli amanti dello sport, a qualsiasi livello, che vogliono migliorare il loro rendimento... in strutture dotate di tecnologia innovativa..." e, ciligina sulla torta, di "...camere dotate di sistemi di ipossia". Non mi sono inventato nulla: si tratta, sintetizzandone gli ...stimolanti pregi pubblicizzati, di un Hotel Boutique Hipoxico.


D'altronde, non sia mai che un nativo di Rimini, qual è il sottoscritto, dunque di una città che ha nel turismo la propria essenza,  storca il naso se qualcuno, di professione ciclista oppure semplice cicloamatore, anzichè andarsene in ritiro o in  vacanza attiva presso - che so - uno dei Bike Hotel dell'italianissima Riccione, decida di soggiornare in un altro Paese non solo a vocazione turistica ma anche ad alta innovazione performante, scegliendo così per caso l'Hotel Syncrosfera. E' solo un'insignificante appendice che, sempre com' è facile verificare, in questo... stupefacente Hotel siano state predisposte delle stanze con moderni sistemi ipossici che simulano le condizioni di una permanenza ad alta quota . Ecchesaràmai!
Poi, siccome la pubblicità è l'anima del commercio, è bellamente di pubblico dominio che il corridore e campione belga Victor Campenaerts, quest'anno accasato al Team Lotto Soudal, per l'Hotel Syncrosfera non sia proprio un turista per caso: se la memoria non m'inganna, si tratta dello stesso corridore che dichiarò senza remore ad una nota emittente belga "Dormo in una tenda ipossica dove simulo una quota di 4700 metri sul livello del mare, il massimo che si possa raggiungere senza rischiare di morire....A 4700 metri costringi il corpo a produrre il massimo di globuli rossi... mi sono sentito fortissimo perchè avevo talmente tanti globuli rossi da eguagliare uno che si è iniettato dell'Epo. ...sono ripartito con un ematocrito altissimo...". Dunque, per il Victor corridore ciclista, e a detta della Direzione dell'albergo Hipoxico anche per altri noti e prestigiosi Team, evviva la tenda o camera ipossica, o ipobarica che dir si voglia, ancora meglio se collocata in un Hotel stellato ove, oltre ad essere coccolati, si è anche adeguatamente rimpinzati  di gustosi  globuli rossi, con un menù che ho la sensazione varrà a costituire il piatto forte della casa.
Peccato, ma tutto sommato è una miserevole quisquilia, che nella nostra amena e apprezzatissima Italia camere di tal fatta vadano a cozzare con il codice penale, e ancora prima con la cosiddetta Normativa Antidoping. A


casa nostra, che si tratti di private dimore o di Hotel, sarebbero stanze in cui si fanno cose turche. Occhio, non mi si fraintenda: non censuro certo le faccende di letto a cui non è male o peccato nè reato, dedicarsi con metodo, ma ho riguardo a quella cosuccia che, in forza della  Legge 376/200 ed ora per l'Art. 586bis Cod.Pen., ha nome di "PRATICA DOPANTE". Questa è roba seria, vale a dire l'adozione di pratiche mediche non giustificate da condizioni patologiche, idonee a modificare le condizioni del fisico. Indovinate a che fine? Per essere più belli ed attraenti? No di certo: ma per alterare le prestazioni agonistiche degli atleti. Insomma, per barare, come prima e più di prima.


Ma scusate, forse ho perso dei passaggi: non si va ripetendo che il ciclismo è cambiato, che non è più come una volta, che i furbetti non avranno scampo, che i controlli contro il doping saranno sempre più mirati, facendo anche ricorso a sofisticate tecniche investigative, che - insomma - la legge sarà uguale per tutti?  Temo che, ancora una volta, il Principe De Curtis in arte Totò abbia la risposta giusta: MA MI FACCIA IL PIACERE!

Cordialmente.

Fiorenzo Alessi

Copyright © TBW
COMMENTI
Caro Alessi
23 gennaio 2022 20:06 blardone
Visto che sa tante cose le dica tutte allora ...... Non lanciamo soli i sassi ... Mi aspetto un articolo più dettagliato visto che le cose le sai ma non vuole dirle. PS in Spagna lo si sa in Italia si nascondono .. a presto .Blardone Andrea

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Un breve video inviatoci da uno dei lettori più fedeli di tuttobiciweb ci permette di rivedere il sorriso di Davide Rebellin, la cui vita è stata spezzata oggi da un camion. Lo scorso fine settimana Davide aveva partecipato insieme a...


Aveva smesso di gareggiare, ma non di pedalare. La sua ultima gara è stata la Veneto Classic, ma Davide Rebellin non aveva alcuna intenzione di appendere la bici al chiodo. Aveva tanti progetti in ballo, come ci aveva raccontato nel...


Una tragedia incredibile, un dolore incolmabile. Prima la notizia di un ciclista investito e ucciso da un camion lungo la Regionale 11, a Montebello Vicentino, in provincia di Vicenza. E poi la conferma che quel ciclista è Davide Rebellin. L'incidente...


Dopo l'infortunio patito al Tour de France, per l'ormai celebre "botta in testa" datale dall'australiana Nicole Frain il 25 luglio nella seconda tappa della Grande Boucle femminile, e la successiva rinuncia a partecipare ai Mondiali di Wollongong, Marta Cavalli è...


Remco Evenepoel correrà il Giro d'Italia nel 2023, tornando a disputare la corsa che ha rappresentato il suo debutto in un grande giro. Dopo un 2022 senza precedenti, che lo ha visto conquistare quindici vittorie, tra cui Liegi-Bastogne-Liegi, Clasica San...


Il Team corratec continua ad integrare il roster 2023 con l'arrivo di due nuovi corridori, Antonio Barac e Samuele Zambelli, che si aggiungono al rinnovo di contratto di Davide Baldaccini, settimo corridore confermato rispetto alla stagione appena passata. Per il...


Il ciclismo veronese vede ridusri la pattuglia di professionisti per la prossima stagione. Dopo Edoardo Zardini, infatti, anche Mauro Finetto ha deciso di chiudere la sua carriera. Finetto, 37 anni compiuti a maggio, lascia il professionismo dopo 14 anni come...


Gianmarco Garofoli passerà pofessionista con la Astana Qazaqstan Team dopo una stagione trascorsa nel team di sviluppo. Il 20enne corridore italiano, che ha disputato alcune gare con i colori del team WorldTour nel 2022, ha firmato un accordo biennale con...


Un autunno trascorso fra Slovenia e Colomia con qualche puntata in Italia ed è in occasione di una queste che abbiamo avuto modo di incontrare Tadej Pogacar, il numero uno del ciclismo mondiale, e di fare quattro chiacchiere con lui...


Oggi è il giorno della verità. Jerome Pineau e la sua B&B Hotels sono arrivati all’ultimo giorno del tempo supplementare, concesso loro dall’UCI per presentare la documentazione necessaria all’ottenimento della licenza ProTeam. Il manager francese ha più volte detto che...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach