LA SCELTA DI SILVIA MAGRI E QUELLA VOGLIA DI GIRO D'ITALIA...

INTERVISTA | 27/12/2021 | 08:10
di Alessandro Brambilla

Il 2021 ha confermato che Silvia Magri è sulla rampa di lancio per diventare una delle principali ciclogirl italiane. Silvia, 21 anni, capelli e occhi castani, nell’anno che sta per finire ha vinto una tappa al Giro delle Marche in cui tra l’altro è giunta seconda in classifica generale, inoltre ha collezionato una bella serie di piazzamenti in gare del calendario internazionale, compresa la quinta posizione nella Tre Valli Varesine, nuova classica del ciclismo rosa. Giù dalla bici Silvia è una ragazza dolcissima, che tutti vorrebbero come amica della porta accanto. In bicicletta giustamente si trasforma e predilige gare con altimetrie di media difficoltà. Regge bene il ritmo delle migliori sulle salite lunghe al massimo due chilometri ed eccelle nelle volate non troppo affollate : Silvia può diventare l’archetipo del finisseur da classica.


“Silvia Magri – afferma Paolo Sangalli, neo commissario tecnico della Nazionale italiana stradiste – l’ho seguita con attenzione anche quando correva tra le juniores. Sta completando un bel percorso di crescita e sicuramente continuerò ad osservarla nei prossimi cimenti”.  


La signorina Magri è diplomata al liceo sportivo e vive a Legnano nel rione Flora (doveroso specificarlo a beneficio di chi segue il Palio nella Città del Carroccio e della Coppa Bernocchi) con la sorella Alessia e mamma Tatiana. Con loro c’è anche Germano, compagno della mamma. Silvia iniziò a gareggiare in bici tra i Giovanissimi G 1 grazie all’appassionatissimo nonno Pietro. “E’ lui che mi ha regalato la prima bicicletta”.

Nelle categorie giovanili la ragazza della Flora ha ottenuto numerosi successi soprattutto in volata. Da quando è una elite le Marche rappresentano un portafortuna: oltre al successo di Offida nel 2021 vanta quello di Corridonia 2019. “Nel 2020 non ho vinto corse, però abbiamo gareggiato poche settimane, la pandemia ha rovinato tutti i programmi”.

Fortunatamente il 2021 è cominciato bene per miss Magri, quinta nel Gran Premio di Ceriale in cui ha trionfato la scalatrice Erica Magnaldi. “Un risultato bello ottenuto in una corsa col finale impegnativo, sulle colline dell’entroterra di Ceriale. Però la mancanza di attività agonistica “vera” del 2020 in seguito è stata dura da smaltire anche per dei problemini fisici che ho avuto. Infatti nel 2021 ho cominciato ad esprimere il rendimento migliore da giugno in poi. Vittoria nella tappa del Giro della Marche a parte, sono contenta per la quinta posizione e la condotta nella Tre Valli Varesine che si svolge sulle mie strade d’allenamento”.

Ora Silvia lascia la Valcar per approdare alla Born To Win. “L’ esperienza alla Valcar è stata importante e ho avuto il piacere di condividere strategie di squadra con Elisa Balsamo che ammiro tantissimo come atleta e anche donna. Ora però avverto l’esigenza di ritagliarmi degli spazi tattici diversi nel contesto di squadra, per questo motivo ho scelto la Born To Win”.

A metà gennaio Silvia e le altre girls griffate Born To Win sosterranno un collegiale sul Lago d’Iseo e la legnanese non ci arriverà coi muscoli arrugginiti. “Terminata la stagione su strada 2021 ho cominciato a frequentare la palestra con tre sedute alla settimana. E non ho mai abbandonato la bicicletta: nei giorni che hanno preceduto Natale ho pedalato anche su lunghe distanze sulle strade del Varesotto”.

Al termine degli allenamenti più impegnativi la legnanese sottopone i suoi muscoli alle cure della massaggiatrice Martina Biolo. “Curo molto l’alimentazione”, garantisce miss Magri, che dalla Cannondale in dotazione alla Valcar passa alla bici Guerciotti, sponsor tecnico della Born To Win. “Sono meticolosa anche per la bici: Guerciotti è un’azienda importante e sicuramente il suo staff saprà soddisfare le mie esigenze”. 

Col Capodanno che si avvicina è lecito sognare. “A lungo termine mi piacerebbe imitare Elizabeth Deignan e Katarzyna Niewiadoma, formidabili fondiste dotate di spunto veloce. Nel ciclismo maschile invece il mio beniamino è Cadel Evans, benchè passista scalatore per cui attitudinalmente differente da me. A breve o medio termine vorrei disputare il mio primo Giro d’Italia con delle belle prestazioni in tappe adatte alle mie caratteristiche. Non sono scalatrice da corse a tappe impegnative. E’ un obiettivo anche ben figurare in altre classiche World Tour, compreso il Trofeo Alfredo Binda d’inizio primavera a Cittiglio. Spero di arrivare all’edizione 2022 con una grande condizione. E naturalmente a livello internazionale ci tengo a confermarmi tra le migliori alla Tre Valli Varesine”.

E in merito ai pensieri sotto l’albero di Natale ? “Spero che nel 2022 sparisca il Covid e tutti possano avere un futuro sereno”.

foto Flaviano Ossola

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Partirà da Carpi il “Giro dell’Emilia” 2022, edizione numero 105 di una fra le corse ciclistiche più antiche d’Europa: sabato 1 ottobre, infatti, la città ospiterà il “via!” alla gara, mentre l’arrivo, come tradizione, avverrà a Bologna, sulla salita di...


Egan Bernal affida ai social il suo primo messaggio dopo il terribile incidente in cui è rimasto coinvolto lunedì scorso. «Ho avuto il 95% di possibilità di diventare paraplegico e ho rischiato di perdere la vita facendo ciò che...


Il terzo “round” della Challenge Mallorca 2022 (da Lloseta a  Lloseta)  è di Tim Wellens (Lotto Soudal) che si imposto dopo 158, 9 di corsa avendo la meglio Valverde (Movistar) e  Clarke (Israel-Premier Tech) ripettivamente secondo e terzo al traguardo. LA CORSA...


L'australiano Cyrus Monk è il primo leader del Tour of Sharjah (2.2) in svolgimento negli Emirati Arabi. Il corridore di Melbourne, classe 1996 del team MEIYO CCN Pro Cycling, ha vinto la prima tappa a cronometro individuale che si è...


Con le prove della staffetta (stasera ora italiana 19.30) non valida per l'assegnazione del titolo iridato, iniziano oggi i Campionati del Mondo di Ciclocross 2022 che si concluderanno domenica. La rassegna iridata è in programma nella città di Fayetteville, nello...


Ci saranno anche i migliori dilettanti delle categorie under 23 ed élite italiani domenica 27 febbraio a sfidarsi e a regalare emozioni nella spettacolare e suggestiva cornice dell’Autodromo di Misano Adriatico dedicato a Marco Simoncelli nella nuovissima Misano 100. Un...


Il Presidente della Commissione Strada Luciano Fusar Poli ha firmato il primo comunicato relativo alal partecipazione dlele squadra al Giro d'Italia Under 23. Le squadre che parteciperanno al Giro Ciclistico d’Italia Giovani U23 cl. 2.2 MU, in calendario dal 8...


Questa mattina alle 10:15 dall'aeroporto dei Malpensa, gli Juniores azzurri Valentina Corvi e Luca Paletti sono partiti alla volta degli USA, destinazione Fayetteville, dove nel week end si tiene il Campionato Mondiale di Ciclocross. Finita la quarantena di 5 giorni,...


Jabal Al Akhdhar (Green Mountain) torna a profilarsi all'orizzont. Nel 2022, il Tour of Oman e le sue strade iconiche tornano nel calendario internazionale con l'11aedizione della gara, proposta in sei tappe dal 10 al 15 febbraio. Il Sultanato e...


Eva Lechner domani a Fayetteville negli Stati Uniti sarà al via del suo dodicesimo Campionato del Mondo di ciclocross nelle Donne Elite. La bolzanina, classe 1985, con la casacca azzurra della Nazionale cercherà nella località in Arkansas di entrare nelle...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI