L'ORA DEL PASTO. LA PASSIONE DI RENATO (E LA MIA). GALLERY

LIBRI | 31/07/2021 | 08:00
di Marco Pastonesi

Questa non è la recensione di un libro, come vorrebbe essere, ma la storia di un amore. L’amore fra un uomo e una bici. Anzi, no. L’amore fra un uomo e la bici. Anzi, no. L’amore fra un uomo e le bici.


L’uomo è Renato Bulfon. Friulano di Mortegliano, fisico da schiacciatore, età da bocciatore, velleità da scalatore (l’altro giorno gli ho telefonato mentre si spolmonava – a orecchio: la pedalata era più quadrata che rotonda - sul Matajur). Nel paese del campanile più alto d’Italia Bulfon è un personaggio, un’istituzione, un’autorità: il punto di riferimento, pratico e meccanico, ma anche spirituale e culturale, tecnico e teorico, ma anche sentimentale e storico, per tutti quelli che hanno una bicicletta da acquistare o restaurare, da aggiustare o elaborare, da lubrificare o assemblare, anche da valutare o diagnosticare.


Renato è la persona adatta, giusta, ideale. Lui, le bici, le squadra e inquadra, le conosce e riconosce, le guarisce e rinvigorisce, sono quasi certo che – finalmente soli – lui, a loro, rivolga parole e regali carezze. Insomma, un sacerdote medico psicologo e molto altro.

Fra bici nuove (poche, in questo periodo in cui i cinesi si sono accaparrati le materie prime e ora dettano le regole del mercato centellinando i pezzi e triplicando i prezzi) e bici vecchie, Renato trascorre giornate rotonde, radiose, raggianti. Le bici – anche di questo sono quasi certo – si confessano, si confidano, si raccontano, e Renato le prepara a una nuova vita. Per le più giovani c’è ancora tanta strada da fare, per le meno giovani, volendo, c’è la possibilità di rimanere lì da lui a soggiornare, abitare, ricordare, tramandare, vivere. Tutte insieme. Bici d’acciaio e di carbonio, bici da strada e da pista, bici di campioni e di gregari. Bici. E poi anche maglie e marchi, borracce e manifesti, giornali e coppe. Un mondo, il mondo delle bici e il mondo del ciclismo, che poi è lo stesso mondo, un mondo a pedali. Il fantastico mondo di Renato Bulfon.

Mesi fa, quando ha telefonato per chiedermi un’introduzione al suo libro, mi è sembrato il minimo proporgli un’introduzione per ogni capitolo del libro. A Renato non sembrava vero poter ricevere un po’ di voci del verbo pedalare, tanto che le voci sono diventate un coro, ma anche a me non sembrava vero potergli offrire qualche riga fra tanti cerchi. E così righe e cerchi si sono abbinati, combinati, sposati e spostati per raccontare la storia d’amore fra un uomo e le bici. Come tutte le storie d’amore, anche questa fra Bulfon e le bici ha la sua complessità. La psicanalisi potrebbe spiegare la voglia di possesso, la necessità di proprietà, il desiderio di collezionare, la cura del particolare. Io ci vedo la ricerca di uno storico, la curiosità di un archeologo, lo spirito di un geografo, la cognizione di un bibliotecario. Che poi l’oggetto siano le bici, è questo a rendere Bulfon così leggero e profondo, così terrestre e aeronautico, così ciclicamente innamorato.

Ecco: si intitola “Ciclismo, passione mia” (Alba edizioni, 192 pagine, prezzo non indicato): le biciclette sono di Renato Bulfon, le parole mie. E’ un libro da guardare e leggere, è un libro da pedalare in surplace.


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Dries DE BONDT. 10 e lode. Il 30enne passistone belga fa filotto e si porta a casa di tutto e di più: traguardi volanti e quello finale. Prende di tutto, perché lui dopo la beffa di Reggio Emilia (è stato...


Ancora un secondo posto al Giro per Edoardo Affini, il corridore della Jumbo-Visma che dallo scorso ann, sta inseguendo una vittoria di tappa alla corsa rosa. Affini oggi aveva deciso di provare a vincere, con la consapevolezza che le uniche...


Come già accaduto nella prima tappa, Remco Evenepoel impone la sua legge nella terza frazione del Tour of Norway, la Gol - Stavsro di 175 km. Il belga della Quick Step Alpha Vynil a staccato tutti per andare a cogliere...


Non sono su Twitter (per incassare insulti mi basta Facebook, almeno non sono anonimi), non sono su Twitter eppure alla partenza mi mostrano un tweet di Jacopo Guarnieri: “C'è qualcosa di peggio dei giornalisti che si lamentano di una corsa...


Ha vinto un miracolato. Lo sa, lo dice, lo racconta: «Sul traguardo ho lanciato un urlo di incredulità! Ho sempre cercato di inseguire i miei sogni, sono diventato sempre più forte e oggi ho realizzato quel sogno. Siccome più è...


Dopo tante corse al servizio di Girmay e Kristoff, Andrea Pasqualon si ritaglia un giorno da protagonista e vince il Circuit de Wallonie. Nel classico appuntamento belga, il veneto della Intermarché ha preceduto l francese Zingle della Cofidis con Phikippe...


Quarto posto di Davide Gabburo nella diciottesima tappa del Giro d’Italia, con arrivo a Treviso. Tappa che avrebbe dovuto essere l’ultimo arrivo per velocisti della Corsa Rosa, ma i 4 attaccanti impongono un ritmo forsennato e sorprendono tutti. Tra loro...


Velocisti beffati, De Bondt in festa, Affini con il sogno infranto. E la maglia bianca di Lopez finita lontano lontano. Sono questi i verdetti della diciottesima tappa del Giro d'Italia, la Borgo Valsugana-Treviso che tutto è stato tranne che una...


Il francese Jason Tesson ha vinto allo sprint la prima tappa della Boucles de la Mayenne. Il portacolori della St Michel Auber ha preceduto sul traguardo di Andouillé l'olandese Bram Weletn e il francese Thomas Boudat. Per Tesson si tratta...


Grande serenità da parte dei primi tre in classifica dopo il ritiro di Joao Almeida, contagiato dal covid: «Nessun pericolo, sulle salite si è sempre mantenuto a distanza da noi». Imbarazzo di Carapaz e Hindley per le critiche che...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach