DUMOULIN. «SONO SODDISFATTO, MA DEVO ANCORA LAVORARE»

PROFESSIONISTI | 06/06/2021 | 20:14
di Francesca Monzone

Prova superata per Tom Dumoulin che oggi, al Giro di Svizzera, è tornato a correre dopo un periodo di pausa, deciso perché non riusciva più a trovare sensazioni positive in corsa.


Dopo una pausa di quasi 4 mesi, l’olandese nella cronometro di apertura della corsa elvetica è arrivato 16°, un buon risultato considerando il periodo di inattività.


«Le sensazioni sono state buone, ma alla fine sono arrivato un po’ troppo corto a livello di energie». Dumoulin ha chiuso la sua gara con un ritardo di  32” dal vincitore di tappa Stefan Küng al termine di 10,9 chilometri.

 «E' andato tutto bene, ma devo ancora migliorare un po' - ha detto l'olandese -. Ho notato che nella seconda parte della cronometro non avevo più la giusta potenza. Il feeling era buono, ma alla fine sono arrivato un po' troppo corto e per questo sono un po' affondato. Ma penso che sia normale».

L’olandese della Jumbo-Visma lo scorso dicembre aveva ammesso di essere in difficoltà e di non sentire più entusiasmo in corsa. Poi pian piano si è riavvicinato alla bicicletta ed è rientrato alle gare dopo aver trascorso un periodo di preparazione in altura insieme alla sua famiglia.

«Ho avuto bisogno di un po' di tempo per riabituarmi alla bici e poi alle gare, ma ho cercato di arrivare fino in fondo. Non sono ancora al massimo, ma neanche potevo aspettarmi qualcosa di diverso. Sono solo felice di quello che sto facendo e mi sto godendo il mio ritorno alle corse».

Per Dumoulin quello di oggi è stato un giorno importante. All’inizio la tensione c’era, ma man mano che la corsa andava avanti le sensazioni miglioravano.

«Ero un po' nervoso stamattina. È stato bello essere di nuovo in corsa, ma è stata anche una giornata emozionante, un po' come il primo giorno di scuola. Non sono partito con grandi aspettative, ma il risultato ottenuto mi rende sereno e so come devo lavorare».

L’olandese aveva detto di essere interessato a far bene soprattutto nelle prove a cronometro, poiché il suo obiettivo saranno le Olimpiadi, dove vorrebbe conquistare una medaglia proprio nella prova contro il tempo.

«Voglio essere nella mia forma migliore per le Olimpiadi, voglio esserlo prima della prova a cronometro. La preparazione per il Giro di Svizzera è stata breve, ma lo sapevo. Voglio usare questa settimana per lavorare ancora su me stesso, fare un passo avanti e lavorare sui punti dove devo ancora migliorare».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Elia Viviani c'è! Il veronese si aggiudica la prima tappa dell'Adriatica Ionica Race 2021 con una volata dominata dal primo all'ultimo metro, rifilando quasi tre biciclette di distacco a tutti gli avversari. Dopo un Giro d'Italia avaro di soddisfazioni, il...


Nonostante sia un classe 2001 e di apparizioni coi professionisti non ne abbia poi molte, Davide Persico ha chiuso con uno splendido secondo posto la prima tappa dell'Adriatica Ionica Race 2021. Solo Elia Viviani gli è arrivato davanti. «Arrivare dietro...


Pian piano Luca Pacioni comincia a trovare la quadra in questa stagione 2021. La prima tappa dell'Adriatica Ionica Race 2021 ha rappresentato per lui solamente l'ottavo giorno di corsa, motivo per cui il terzo posto in volata alle spalle di...


Tra Dorian Godon e la Paris-Camembert c'è un rapporto speciale: già a segno lo scorso anno, infatti, il portacolori dell'AG2R Citroën Team ha concesso il bis vincendo anche oggi, nella sesta prova della Coppa di Francia. Sul traguardo di Livarot,...


Non c'è niente da fare, quando indossa la maglia azzurra Elia Viviani si traforma. Il veronese, che gareggia appunto per la Nazionale, ha vinto allo sprint la prima tappa della Adriatica Ionica Race 2021, da Trieste ad Aviano. Una corsa...


É in assoluto tra le più giovani del gruppo. Classe 2001, nata a Bisceglie il 30 luglio, Federica Damiana Piergiovanni è attualmente anche l’unica alfiere Pugliese nell’èlite del ciclismo femminile su strada e difenderà i colori della regione del sole...


Lo avevamo anticipiato nei giorni scorsi e oggi la Israel Start-Up Nation ha sciolto i dubbi: il quattro volte vincitore del Tour de France Chris Froome si schiererà al via del Tour  de France. «Chris sarà il nostro leader...


Il primo sprint lo vince la Bora Hansgrohe: quella tedesca è infatti la prima formazione ad ufficializzare il proprio schieramento per il Tour de France. I capitani saranno Wilco Kelderman per la classifica generale e Peter Sagan per la caccia...


  Da alcuni giorni Bacchereto è pavesato a festa con drappi e bandiere tricolori che sventolano a finestre e balconi e terrazze. Una doppia coincidenza sia per l’impegno della Nazionale Italiana di calcio ai Campionati Europei che per il Campionato...


Gli High Road SL sono stati presentati nel 2020 in una veste migliorata e rivisitata, questo è quello che ha comunicato MAXXIS, ma quello che vi posso dire io è che questi copertoncini sono letteralmente superlativi! Leggerissimi e scorrevoli, mi hanno conquistato in...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155