LE STORIE DEL FIGIO. MARVALDI RACCONTA LA STORIA DI "INEJA"

LIBRI | 06/02/2021 | 07:30
di Giuseppe Figini

Abbiamo conosciuto l’imperiese doc Mirco Marvaldi, freschissimo settantacinquenne, poco meno di una cinquantina d’anni fa. Era un appassionato cicloamatore della neonata Associazione Sportiva Pedale Imperiese di cui è stato socio fondatore, dirigente e sempre appassionato cicloamatore. Era impegnato nello staff organizzativo dei vari eventi ciclistici locali che avevano – e hanno – nella caratteristica spianata di Borgo Peri, sul panoramico lungomare di Oneglia, Ineja nella parlata locale, ossia il nucleo costitutivo storico del comune di Imperia, il palco naturale, la copertina panoramica fra mare e una quinta di maestose palme. Il comune ha assunto l’attuale denominazione - per decreto imposto - nel 1923, unendo a Oneglia l’abitato di Porto Maurizio, nuclei divisi, pure ora, – proprio divisi poiché l’unione per decreto non è mai stata accettata dai nativi originari di Oneglia – dal torrente Impero dal quale è ripreso il nome conferito alla nuova città che ha inglobato anche località minori del circondario prossimo.


Mirco Marvaldi - e citando Mirco è giusto ricordare anche il gemello Marco, due gocce d’acqua come si suole dire con percorsi sovente comuni anche nell’attività legata alla pratica sportiva – è, un po’ a sorpresa per il suo operare fattivo ma schivo per ogni ribalta, l’autore che firma una bellissima pubblicazione. E’ un libro di grande formato, spettacolari immagini, copertina cartonata, 280 pagine che raccolgono, con accattivante, piacevole grafica, i quarant’anni di storia, dal 1981 al 2020, del Comitato San Giovanni e Tradizioni Onegliesi e dell’Accademia dello Stoccafisso di Imperia, pure editore della pubblicazione. E’ una piacevole proposta della storia e delle tradizioni di Oneglia che abbracciano vari settori della specificità della vita cittadina, ripartita in molteplici settori d’interesse con riuscita, incisiva sintesi.


Non è comunque nuovo a cimentarsi in laboriose e dettagliate ricostruzioni come quella, in sei fascicoli, della vita del Pedale Imperiese dalla fondazione al 2014 e, sempre per il versante ciclistico, “Cenni sull’organizzazione di una manifestazione sportiva” e “Il raduno nazionale del cicloturismo del 1997 di Imperia”. Ha spaziato pure in vari versanti, dalla cucina, alle tradizioni locali dell’Imperiese, al volontariato e all’assistenza e sostegno di soggetti terzi.

Mirco Marvaldi, bancario per professione, responsabile di filiali del “suo” territorio dapprima alla Cassa di Risparmio di Genova e Imperia, diventata poi Banca Carige, dalla metà degli anni 1970, ha dedicato le ferie e molta parte del suo tempo libero al ciclismo operando nell’organizzazione di manifestazioni ciclistiche quali raduni nazionali, medio fondo, tricolori juniores, allievi, declinati anche al femminile, tappe del Giro d’Italia – professionisti e dilettanti -, Trofeo delle Regioni e molto altro ancora. Manifestazioni delle quali conserva un corposo repertorio con note didascaliche e utili, precise descrizioni e riferimenti per molteplici aspetti. Per una ventina d’anni è stato presidente provinciale F.C.I., componente la Commissione Nazionale Cicloturismo e per otto anni consigliere Comitato Provinciale CONI, storicamente presieduto da un nome di rilievo quale il commendatore Ivo Luigi Bensa, apprezzato commissario internazionale FCI e UCI, distinto da lunga e brillante carriera alle massime competizioni internazionali.

Per una trentina d’anni Mirco Marvaldi, è premuroso e apprezzato collaboratore del Giro d’Italia e di varie altre corsa rosa, dapprima nella squadra dei “piloti” di giuria in corsa e, nel dopocorsa, il “dopolavoro” nella segreteria tecnica, senza l’ausilio del computer, poi nella squadra degli arrivi, con compiti sempre assolti con precisione, educazione e aperto spirito collaborativo verso tutti. Ha poi operato anche con l’UCI per i campionati del mondo di Varese, Mendrisio e Firenze e, giusto per non farsi mancare niente, al viaggio della Fiamma Olimpica di  Torino 2006.

Un’attività continua e varia che gli ha consentito, probabilmente, di mantenere, con una costante educazione anche alimentare, un’invidiabile silhouette, in pratica la stessa di cinquant’anni fa.

Parte del ricavato della vendita è destinata a sostenere la LILT (Lega Italiana Lotta contro i Tumori) per la delegazione di Sanremo/Imperia e dell’Ospedale Pediatrico Giannina Gaslini di Genova.

Merita certamente un plauso l’operato di Mirco Marvaldi e dei suoi collaboratori del Comitato san Giovanni e Tradizioni Onegliesi, fra i quali la dinamica signora Anna Boriasco, per una pubblicazione sostenuta e supportata dagli apporti di varie realtà, pubbliche e private, del territorio che hanno colto e creduto nelle valenze molteplici e proprie di “una memoria come elemento fondamentale dell’identità dell’associazione e, un poco, anche della vita della collettività di Oneglia e della città”, musica e parole di Mirco Marvaldi, onegliese doc, che continua a pedalare nello sport, così come nella vita, che dedica quest’opera alla sua famiglia citando i nomi propri di Daniela, Alessandro con Margherita, Roberta con  Davide e i nipoti Eleonora, Sofia, Federico e Diego, senza altre specifiche.

Per informazioni: www.ineja.it

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Arriva nella tappa finale del Sibiu Cycling Tour il primo successo da professionista per Stefano Gandin che porta a 9 il computo totale del Team corratec in questa stagione d'esordio nel ciclismo mondiale. Il corridore veneto ha gestito alla perfezione...


Wout VAN AERT. 10 e lode. Un due tre, alza… le braccia al cielo. Sorride Wout, sorride e allarga le braccia come un albatros o un gabbiano, forse un’aquila reale, che spicca il volo e se ne va, con apparente...


La vittoria nella prima tappa francese del Tour de France è andata a Wout van Aert che, in maglia gialla a 11 km dal traguardo ha preso l’iniziativa e, come se fosse una cronometro, è andato a tutta velocità verso...


Gli attriti che ci sono stati in Danimarca tra Fabio Jakobsen e Dylan Groenewegen sembrano ormai appianati e oggi a Calais Jakobsen - ai microfoni di Nos tv - si è scusato con  Groenewegen. Il motivo delle scuse va ricercato...


Per tre giorni ha trovato una ruota più veloce della sua e allora oggi, nella quarta tappa (Dunkerque - Calais di 171, 5 km) Wout van Aert ha fatto alla maniera dei campioni: se n'è andato tutto solo, ha staccato tutti sulle...


Si chiude con un brindisi il week end di gare del VO2 Team Pink e del Ciclismo giovanile VO2 Team Pink, inaugurato ieri dal diciassettesimo posto di Valentina Zanzi al campionato italiano Donne Juniores su strada a Cherasco (Cuneo).Le "panterine"...


  Qualche giorno fa Elisa Balsamo aveva messo la sua prima firma al Giro d’Italia donne sfrecciando a Tortolì rispettando tutti i favori dei pronostici. Oggi a Reggio Emilia la chiamata si è fatta ancora forte, una tappa praticamente piatta,...


L’Associazione Corridori Ciclisti Professionisti Italiani esprime la propria disapprovazione sulla perquisizione che è stata messa in atto dalla polizia nei confronti di una squadra impegnata al Tour de France alla viglia della Grande Boucle. A un anno di distanza da una...


Elisa Balsamo ha vinto allo sprint la quinta tappa del Giro d'Italia Donne, la Carpi-Reggio Emilia di 126 km, la frazione più lunga, piatta e calda della corsa rosa. La campionessa mondiale, oggi in maglia ciclamino, è uscita in testa...


Giovanni Aleotti sfrutta il suo grande momento di forma e bissa il successo ottenuto ieri sulle strade del Sibiu Tour. Il modenese della Bora Hansgrohe ha vinto infatti anche la cronoscalata di questa mattina, da Curmatura Stezii all'Arena Platos Paltinis...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach