FROOME. «NELLA ISRAEL HO TROVATO IL RINNOVAMENTO CHE CERCAVO»

PROFESSIONISTI | 11/01/2021 | 08:20
di Francesca Monzone

Per Chris Froome il passaggio alla Israel Start-Up Nation sarà un po' come ringiovanire. Dopo tanti anni trascorsi nello stesso team, gli stimoli talvolta vengono a mancare e il britannico, nella sua breve dichiarazione rilasciata attraverso la squadra, ha spiegato anche l’importanza di mettersi a disposizione di un gruppo che vuole aiutare a crescere, in particolar modo con i giovani.


Chris Froome è in California, una scelta la sua fatta per tornare allo stesso livello del 2019 quando era pronto per conquistare il Tour de France. Negli Stati Uniti si allena grazie anche ad un clima mite, che gli permette di uscire ogni giorno in bici e di fare una riabilitazione speciale, perché studiata appositamente per il recupero dopo l’incidente occorsogli al Delfinato.


Froome nel suo breve intervento racconta anche di come sia stato contattato dalla Israel Start Up Nation e di come il progetto proposto gli abbia fatto capire che era arrivato il momento del rinnovamento.

«Quando sono stato contattato dalla squadra, già dal primo incontro mi avevano presentato dei progetti convincenti. Passare ad un nuovo team mi ha aiutato molto mentalmente e mi dà nuova motivazione».

Froome è consapevole della scelta fatta e guarda dritto ad un futuro nel quale, con determinazione, vuole tornare ad altissimi livelli, sapendo che nella squadra per lui ci sarà un posto anche quando scenderà dalla bici. Il britannico in questo team vuole finire la sua carriera da corridore ma allo stesso tempo vuole poter insegnare ai corridori che verranno, trasmettendo loro quell’esperienza che li aiuterà a crescere,

«Ora ho 35 anni e torno da un grave infortunio. Ogni anno per me era diventato uguale, ripetevo esattamente quello che avevo fatto l’anno precedente, era un copia-incolla. Ho capito quindi che era arrivato il momento del rinnovamento e la Israel Start Up Nation mi ha dato la possibilità di compiere un cambiamento importante per poter ricominciare».

Il quattro volte vincitore del Tour, nel 2020 è tornato a correre ma il suo corpo e in particolare le sue gambe erano ancora squilibrate e in California sta lavorando con l'aiuto di un team che crede molto in lui. «Voglio tornare ai massimi livelli, questo è quello che desidero, per poter tornare a vincere nuovamente un grande Giro».

Copyright © TBW
COMMENTI
.
11 gennaio 2021 17:49 Rallenta
Che atleta fenomenale Froome.
A me è rimasto impresso che dopo diversi Tour vinti, andava comunque a farsi la Vuelta e sempre per far bene. O meglio in un'occasione anche vincendola. Non mi riferisco ovviamente alla Vuelta vinta a tavolino.
Lì ho capito che ci troviamo di fronte ad un fuoriclasse, ad un campione, ad un mito.
Tutti i suoi colleghi dopo aver vinto il tour si sono (giustamente) rilassati o hanno festeggiato.
Invece no Froome, si andava a fare il mazzo alla Vuelta.
La caparbietà con cui sta lottando per tornare ad alti livelli dopo il grave infortunio, la di ce lunga sulla caratura di questo fenomeno.
Quindi caro Chris., tutta la mia stima e un mega in bocca al lupo per tornare ad alti livelli.
Te lo meriti.
Sei l'orgoglio di questo sport.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Roniel über alles! Senza rivali Roniel Campos che davvero sta dominando la Vuelta al Tachira. Il venezuelano della Team Atletico Venezuela ha dominato la quinta tappa e cogliendo il suo terzo successo in questa gara. Ovviamente Campos è tornato in...


Mario Cipollini si scopre... divulgatore scientifico! Re Leone, che ha dovuto superare un problema cardiaco molto serio, non poteva restare indifferente davanti ai casi di Ulissi e Viviani entrambi ricoverati e curati all'ospedale di Ancona dall'equipe del professor Dello Russo...


I suoi compagni di squadra della Jumbo Visma stanno pedalando insieme ad Alicante, ma Primoz Roglic è rimasto nella sua Slovenia. Un portavoce della formazione olandese ha confermato che lo sloveno è rimasto a casa per “misure legate all’infezione da...


Non è una contabilità piacevole e nemmeno rassicurante, quella che propone l’Uci aggiornando il calendario delle gare riservate ai professionisti per questa prima parte della stagione. L’elenco delle corse già cancellate a causa della pandemia è veramente molto lungo.18-24 gennaio...


Un altro campione del mondo nella squadra con cui Silvio Martinello mira a rinnovare il Consiglio Federale della Fci: oltre al padovano, candidato presidente, campione olimpico e mondiale su pista, infatti, tra i candidati consiglieri in rappresentanza degli atleti è...


Un grave lutto ha colpito Maurizio Molinari: si è spenta infatti a Desio mamma Maria. A Maurizio, ex professionista e oggi prezioso collaboratore di RCS Sport e nel ruolo di ispettore di percorso e quindi "occhi della corsa", e alla...


La stagione 2021 registra già il primo impegno ufficiale. Lo spagnolo Juan Ayuso sarà infatti impegnato, con la selezione spagnola Under 23, alla Clasica CV 1969 Gran Premio Valencia, prova del calendario UCI 1.2 che si tiene il prossimo 24...


Jacopo Guarnieri e la sicurezza dei ciclisti in Italia dopo l’incidente capitato sulle strade del Lago di Garda alla Bora Hansgrohe di Wilco Kelderman. Diego Ulissi e le sue recenti disavventure cardiache. Il ciclocross e il duello, ripetuto all’infinito e...


Un'altra corsa rinviata, un altro appuntamento che slitta, tanti programmi da riscrivere per squadre e ciclisti. La Federazione portoghese ha ufficializzato la decisione di rinviare l'edizione 2021 della Volta ao Algarve. La corsa era in programma dal 17 al21 febbraio...


Sono tante le strade sulle quali ha corso Kjell Carlström e una di queste l’ha portato a diventare il general manager della Israel Start Up Nation. Carlström è stato l’uomo chiave di tanti progetti e tanti cambiamenti in squadra, è...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155