SPEKENBRINK: «L'ANNO STRAORDINARIO DELLA SUNWEB? PREVISTO E NON E' FINITA QUI...»

PROFESSIONISTI | 17/11/2020 | 18:06
di Francesca Monzone

L’incredibile anno della Sunweb è racchiuso tutto nelle parole di Iwan Spekenbrink, il Ceo del team tedesco: «Non volevamo un sosia di Tom Dumoulin e abbiamo vissuto uno straordinario 2020».


Poche persone avrebbero scommesso sul team tedesco dopo il passaggio di Dumoulin alla Jumbo-Visma, ma i successi sono arrivati e la squadra ha dimostrato che puntando sui giovani si può vincere. «Sapevamo che avremmo vissuto un buon anno - ha detto Spekenbrink a NOS –: dirlo dopo i risultati ottenuti sembra facile, ma noi eravamo certi di portare a casa qualcosa di importante».


Le parole di Spekenbrink però erano già note nel 2019, quando ai media tedeschi disse: «Come andare avanti senza Dumoulin? Stanno arrivando nuovi talenti, dei veri pezzi unici, ma non voglio fare nomi, saranno i risultati a parlare».

I giovani talenti sono arrivati, così come i risultati, come quelli di Marc Hirschi, il ventiduenne svizzero che quest'anno ha stupito con i suoi assoli al Tour de France, la vittoria alla Freccia Vallone e il terzo posto al Mondiale di Imola. Oppure quelli di Jai Hindley, che da quasi sconosciuto è arrivato secondo al Giro d’Italia.

Invece di puntare su un corridore dalla caratteristiche simili a Dumoulin, nello scorso inverno la Sunweb aveva deciso di cambiare completamente rinnovandosi. «Tom è ovviamente un ottimo ciclista. Ma quello che non volevamo assolutamente era cadere nella trappola di cercare un sosia di Tom, perché non ci sono molti corridori che oggi possono essere meglio di lui».

Spekenbrink credeva nei suoi giovani, come Hyndley che è arrivato giovanissimo e ha avuto la possibilità di maturare, dimostrando le proprie capacità al momento giusto. «Abbiamo puntato su corridori che in futuro potranno certamente diventare bravi quanto lo è ora Dumoulin. Abbiamo preferito lavorare sul loro miglioramento, perché questo alla fine ci permetterà di raggiungere i nostri obiettivi più grandi».

Il numero uno della Sunweb ammette che far crescere giovani talenti non è facile, perché bisogna trovare il giusto approccio e andare alla ricerca di continui stimoli, per portarli a migliorare giorno dopo giorno.

«Il nostro è un lavoro impegnativo, dobbiamo essere curiosi e pensare a come influenzerai positivamente i corridori. Dobbiamo analizzare i dati, fare le prove nella galleria del vento, effettuare le ricognizioni dei percorsi, analisi tattiche, insomma tutto ciò che ci può essere utile a rendere i nostri corridori migliori. E non è un compito semplice».

Sunweb ha dimostrato di saper usare una grande tattica sia al Tour che alla Vuelta e spesso l’abbiamo vista nel gruppo di testa con due o tre corridori.
«Sapevamo che le nostre possibilità erano concentrate sulle vittorie di tappa. Conoscevamo i nostri avversari e i nostri uomini. Abbiamo corso cercando di anticipare le azioni degli altri».

Poi si arriva alla questione del Giro d’Italia con i corridori Sunweb su due gradini del podio, ma non su quello più alto. Prima c’è stato Wilco Kelderman, il ventinovenne olandese che ha vestito la maglia rosa con un vantaggio di 2 minuti e 42 secondi sul vincitore finale Tao Geoghegan Hart e in molti si sono chiesti perché non sia stato subito scelto Hindley. «C'erano ancora diverse tappe di montagna da fare e in quel momento, sapevamo che Tao Geoghegan Hart era leggermente più forte di Wilco. Tornando indietro non cambierei nulla, sono convinto che abbiamo corso nel modo migliore. Al Giro hanno gareggiato 176 corridori e noi siamo riusciti a metterne due sul podio, non è una cosa da tutti».

Per quanto riguarda il futuro, la Sunweb punterà ancora sui suoi giovani, ma questa volta non si accontenterà delle vittorie di tappa: l'intento dicharato è quello di conquistare il gradino più alto di un grande giro.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Come spesso accade in Formula 1, la prima curva si è rivelata fatale a molte atlete impegnate nella prova femminile della prima tappa di Coppa del Mondo a Tabor. Una frenata, una sbandata e molte ragazze si sono trovate a...


Nuove udienze, al tribunale di Monaco di Baviera, per il caso Aderlass - Seefeld e torna il nome dello sloveno Milan Eržen, che nega nuovamente ogni suo coinvolgimento nel caso di doping scoppiato ai campionati mondiali di sci nordico del...


Scatenata Lucinda Brand! Quarto successo in due settimane per l'esperta olandese, del team Telenet Baloise Lions, che fa sua anche la prima prova della Coppa del Mondo donne elite dettando la sua legge sul circuito di Tabor, nella Repubblica Ceca....


Arriva, prima o poi arriva per tutti il momento di voltare pagina, di scendere di sella e di incominciare una nuova vita. Arriva per ognuno di noi e anche ai corridori ciclisti che hanno fatto della passione la loro professione....


  Eletto presidente l’anno scorso a fine dicembre dopo l’assemblea straordinaria delle società pisane a seguito delle dimissioni del presidente Roberto Spadoni, Nicola Procino è stato riconfermato alla guida del Comitato Provinciale di Pisa che ora lo vedrà presidente per...


Giancarlo Ferretti, intervenuto al podcast di Tuttobiciweb, Bla bla bike, ci regala una serie di racconti inediti come questo relativo al cannibale, un compagnone fuori dalle corse. «Mi ricordo una notte in cui facemmo tardi dopo il Giro di Sardegna,...


Gli hacker si sono impadroniti del database della Federazione Ciclistica Olandese (KNWU) e adesso chiedono un riscatto per non diffondere i dati. Questo è quanto è stato comunicato dal portavoce della Koninklijke Nederlandsche Wielren Unie, che ha fatto sapere che...


Grande prova degli junior azzurri in apertura della prima prova di Coppa del Mondo di ciclocross in svolgmento a Tabor, nella Repubblica Ceca. Lorenzo Masciarelli ha colto uno splendido secondo posto giungendo staccato di soli sette secondi dallatleta di casa...


E' bella Italia anche nella prova di Coppa del Mondo delle donne juniores. Lucia Bramati conquista un bellissimo terzo posto a Tabor, nella Repubblica Ceca, dove è protagonista di una prestazione superlativa che le permette di salire per la prima...


Come in una favola. João Al­­meida è stato la rivelazione del Giro d’Italia 103. A 22 anni, alla prima stagione tra i professionisti, al de­butto in una corsa di tre settimane, veste per 15 giorni la ma­glia rosa e chiude...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155