L'ABC DI COSTA. PROTESTA? NON BASTA ESSERE PRO, CI VUOLE ANCHE TESTA

GIRO D'ITALIA | 24/10/2020 | 14:28
di Angelo Costa

I come interviste. Nel senso di dichiarazioni dopo la gara. Quelle rilasciate prima della gara si chiamano previsioni, ipotesi, in qualche caso minacce. A parte rarissime eccezioni, le interviste seguono lo stesso copione: vengono tutte recitate a memoria come una poesia di Carducci. Per scoprirlo, c’è un semplice test: alcuni corridori, quando si chiede loro se temano il maltempo, rispondono ‘Merito dei miei compagni’. Ci mancheranno le interviste del Giro, specialmente quelle con la doppia traduzione di intervistatore e interprete e successiva spiegazione del conduttore: tuttobiciweb è in grado di offrire ai suoi lettori uno spartito, da utilizzare per addormentare i figli o alla recita di Natale in parrocchia. ‘Questa vittoria è un sogno che si avvera, ancora non ci credo, sono davvero molto contento. Ringrazio i miei compagni, i tecnici, lo sponsor, l’ammiraglia, i meccanici, il magazziniere e il cuoco dell’albergo dove ho fatto colazione stamattina. La corsa? La squadra mi ha dato fiducia e io cercato di ripagarla, anche se spero che il premio mi basti. Adesso vado avanti alla giornata, anche perché è difficile farlo di settimana in settimana, figuriamoci di mese in mese, augurandomi di non cadere perché non è mai bello, sperando di ripetermi perché come si dice nel nostro ambiente, ma credo anche in altri, l’appetito vien mangiando. Faremo la nostra corsa, anche se a volte è meglio fare quella degli altri, specialmente quelli che vincono. Non temo il freddo: credo ci sia per tutti. Né l’altitudine: credo ci sia per tutti. Né il rifornimento: credo ci sia per tutti. Ci restano molte tappe, ma sono convinto che col passare dei giorni caleranno’.


P come protesta. Nel senso di lamentela. Da non confondere con protesto: con quello non si va mai all’incasso. Ha varie forme, ma conta soprattutto la sostanza. C’è la manifestazione di protesta, che non significa soltanto mostrarsi arrabbiati, ma pure scendere in piazza: se manca la piazza, si scende alla fermata successiva. La attua chi rischia di finire in mezzo a una strada, ma anche chi lavora sulla strada: quando non porta risultati, va a donne di facili costumi. Dei ciclisti non sempre si riconosce la protesta: anche quando non hanno lamentele, bloccano la strada. In genere, cercano di esibire le loro rivendicazioni tutti assieme: in gergo si dice gruppo compatto. Capita anche che ognuno vada per conto proprio: la classica fuga in avanti. Al Giro la protesta nasce all’ultimo momento, anche su cose risapute: due anni fa i corridori scoprirono che a Roma ci sono le buche, come sanno pure i sassi dell’era moderna. Adesso hanno scoperto la tappa lunga di Morbegno: non hanno guardato il libro della corsa, perchè impegnati nelle relazioni social. Ne hanno discusso su Telegram, senza trovare un postino che lo consegnasse a tutti. Così è venuta fuori una figuraccia epocale, perché accorciare una tappa per pioggia con 13 gradi di temperatura non è mai successo nella storia: il classico buco nell’acqua. Oltre che i tempi, si è sbagliato il tempo, nonostante potesse esser d’aiuto la composizione stessa della parola protesta: non basta essere pro, ci vuole anche testa.


 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Sfreccia la maglia azzurra di Luca Coati sul traguardo di Bubano di Mordano, nel Bolognese. Il corridore veronese di San Floriano, della squadra continental Qhubeka Assos che quest'oggi ha corso con la maglia della Nazionale Italiana, allo sprint si è...


Come da pronostico, Stefan Kung ha vinto la quarta tappa della Vuelta Valenciana, una crono di 14, 3 km disputata tra Xilxes e Playa Almenara. Lo svizzero, campione europeo della specialità, ha fatto segnare il tempo di 16’12”920 pedalando alla...


Chi sarà l’erede di Mathieu Van der Poel all’Amstel Gold Race 2021? Sono in tanti a porsi questa domanda e i nomi più gettonati sono quelli di Wout Van Aert, Primoz Roglic e Jualian Alaphilippe. Era il 1966 quando la...


Il quarto posto centrato da Michael Zecchin alla Vicenza-Bionde ha certificato la crescita graduale di tutta la Work Service Marchiol Vega targata 2021. Un percorso, quello guidato dai tecnici Mirco Lorenzetto, Biagio Conte ed Emilio Mistichelli, che nei prossimi otto...


Jasper Philipsen ci ha preso gusto e ha centrato il successo nella settima tappa, la Marmaris-Turgutreis di 180 km. Nello sprint conclusivo il belga della Alpecin Fenix ha preceduto Greipel e Cavendish, uscito un po’ in ritardo. Quinto posto per...


Oscar Sevilla continua a stupire: lo spagnolo del Team Medellín, 44 anni, ha vinto il prologo della Vuelta a Colombia, disputatosi a Yopal sulla distanza di 7, 6 km.  Dietro di lui, i suo compagno di squadra Fabio Duarte, staccato...


Il team Alé BTC Ljubljana torna in gara domani, domenica 18 aprile, per un'altra grande classica del calendario internazionale UCI Women’s WorldTour, l’Amstel Gold Race, in Olanda. La corsa misura in totale 116 chilometri e si svolgerà su un circuito...


Il fitto calendario di corse proporrà all’UAE Team Emirates, come prossimo appuntamento, l’impegnativa breve corsa a tappe del Tour of the Alps (2.Pro): in programma dal 19 al 23 aprile, la gara si svolgerà in territorio austriaco e italiano, con...


Prima vittoria della stagione per il Team F.lli Giorgi. A regalarla è stato il siciliano Andrea Alfio Bruno che ha vinto sulle strade di casa una cronometro. La manifestazione, abbinata al Giro delle Madonie, si è svolta a Cefalù, in...


La sesta prova stagionale del calendario UCI Women's World Tour è la Amstel Gold Race, in programma domenica 18 aprile nei Paesi Bassi, e come già accaduto anche nei cinque eventi precedenti la A.R. Monex Liv Women's Pro Cycling Team...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155