L'ABC DI COSTA. NIBALI, E C'E' CHI STORCE IL NASO...

GIRO D'ITALIA | 16/10/2020 | 15:56
di Angelo Costa

E come EF, nel senso di Education First, squadra americana. La sigla dello sponsor sta per precedenza nell’educazione (delle lingue): a volte si può semplificare come ‘prima l’educazione’. E’ il team che senza avvisar nessuno ha preso carta e penna per chiedere all’Uci di fermare il Giro in anticipo, cioè domenica: a sentire i suoi manager, l’azione più EFficace. Anche se poco rispettosa verso chi la corsa la sta portando avanti: nei confronti dei sogni altrui, un’EFfrazione. Ha incassato immediatamente il no dell’Uci: il suo tentativo non ha avuto EFfetto, rivelandosi EFfimero. Minaccia comunque di andarsene se ci saranno altri casi al prossimo Giro di controlli che verrà EFfettuato: è insomma predisposta all’EFfusione. Eppure è una squadra che, come le altre, ha accettato i protocolli del Giro in materia di Covid: ora sostiene che le misure di prevenzione non sono state abbastanza EFficienti. Sapendo bene che il virus non è come un’EFelide e non si cura con un EFferalgan: nel manifestarsi è molto più EFferato. E invece, ai primi casi registrati in corsa, si è fatta prendere da irrequietezza e nervosismo, come quegli studenti che esagerano con l’EFedrina. Muovendosi così, ha sfregiato l’EFfigie del Giro, come se fosse una corsa allestita non da gente intransigente, ma EFemminata. Anche se gli organizzatori sono abituati a imbattersi in chi, quando c’è da lamentarsi, è in servizio permanente EFfettivo: sanno che è un modo per rivelarsi EFfervescente.


N come Nibali. Nel senso di Vincenzo, grande speranza italiana in questo Giro. E non solo: l’Italia spera in lui quando corre i grandi giri, quando corre le grandi classiche e quando corre in bici al supermercato. E’ un campione unico, specialmente ora: nel ciclismo italiano non se ne vedono altri. E’ amato perché ci prova sempre: se si presenta al via di una corsa prova a vincerla, se si presenta nel ristorante di Cracco prova a cucinare. Di lui ti puoi fidare sempre, sia che monti in sella, sia che monti una libreria dell’Ikea. Da lui ti aspetti sempre che inventi qualcosa, come ha fatto alla Sanremo, come faceva già da piccolo: il giorno che i genitori gli regalarono il meccano, si costruì una bici. Eppure, di fronte ad un campione con una delle bacheche più ricche del ciclismo, c’è chi regolarmente storce il naso: se Nibali fa una cosa, è meglio farne un’altra. Se scatta sugli strappi è troppo in forma, se soffre sugli strappi non è in forma. Se nel tappone parte da lontano doveva aspettare l’ultima salita, se aspetta l’ultima salita doveva partire da lontano. Se usa gli occhiali a specchio doveva scegliere altre lenti, se mette occhiali classici non è alla moda. Se posta una foto sui social si distrae, se non interviene sui social è antiquato. Se vince il Giro non ha avuto grandi rivali, se lo perde ha sprecato un’occasione. Nibali sa bene che questo destino non l'abbandonerà nemmeno nella crono: la correrà da solo, ma ci sarà chi gli contesterà di non averla fatta in compagnia. 


Copyright © TBW
COMMENTI
Complimenti
17 ottobre 2020 13:23 Emilio
Complimenti all'autore dell'articolo questi sono gli articoli oltre che interessanti anche spiritosi. Bravo. Il fatto di poter commentare on line poi. Non me ne vogliano quelli di Bici sport ma il loro futuro lo vedo grigio.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Sfreccia la maglia azzurra di Luca Coati sul traguardo di Bubano di Mordano, nel Bolognese. Il corridore veronese di San Floriano, della squadra continental Qhubeka Assos che quest'oggi ha corso con la maglia della Nazionale Italiana, allo sprint si è...


Come da pronostico, Stefan Kung ha vinto la quarta tappa della Vuelta Valenciana, una crono di 14, 3 km disputata tra Xilxes e Playa Almenara. Lo svizzero, campione europeo della specialità, ha fatto segnare il tempo di 16’12”920 pedalando alla...


Chi sarà l’erede di Mathieu Van der Poel all’Amstel Gold Race 2021? Sono in tanti a porsi questa domanda e i nomi più gettonati sono quelli di Wout Van Aert, Primoz Roglic e Jualian Alaphilippe. Era il 1966 quando la...


Il quarto posto centrato da Michael Zecchin alla Vicenza-Bionde ha certificato la crescita graduale di tutta la Work Service Marchiol Vega targata 2021. Un percorso, quello guidato dai tecnici Mirco Lorenzetto, Biagio Conte ed Emilio Mistichelli, che nei prossimi otto...


Jasper Philipsen ci ha preso gusto e ha centrato il successo nella settima tappa, la Marmaris-Turgutreis di 180 km. Nello sprint conclusivo il belga della Alpecin Fenix ha preceduto Greipel e Cavendish, uscito un po’ in ritardo. Quinto posto per...


Oscar Sevilla continua a stupire: lo spagnolo del Team Medellín, 44 anni, ha vinto il prologo della Vuelta a Colombia, disputatosi a Yopal sulla distanza di 7, 6 km.  Dietro di lui, i suo compagno di squadra Fabio Duarte, staccato...


Il team Alé BTC Ljubljana torna in gara domani, domenica 18 aprile, per un'altra grande classica del calendario internazionale UCI Women’s WorldTour, l’Amstel Gold Race, in Olanda. La corsa misura in totale 116 chilometri e si svolgerà su un circuito...


Il fitto calendario di corse proporrà all’UAE Team Emirates, come prossimo appuntamento, l’impegnativa breve corsa a tappe del Tour of the Alps (2.Pro): in programma dal 19 al 23 aprile, la gara si svolgerà in territorio austriaco e italiano, con...


Prima vittoria della stagione per il Team F.lli Giorgi. A regalarla è stato il siciliano Andrea Alfio Bruno che ha vinto sulle strade di casa una cronometro. La manifestazione, abbinata al Giro delle Madonie, si è svolta a Cefalù, in...


La sesta prova stagionale del calendario UCI Women's World Tour è la Amstel Gold Race, in programma domenica 18 aprile nei Paesi Bassi, e come già accaduto anche nei cinque eventi precedenti la A.R. Monex Liv Women's Pro Cycling Team...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155