BENNETT E IL CLAMOROSO SGAMBETTO ALLA BORA HANSGROHE

PROFESSIONISTI | 20/09/2020 | 19:10
di Guido La Marca

Non è una vendetta, sia chiaro, ma una semplice storia di sport. Il protagonista della storia è Sam Bennett, 30 anni tra un mese, irlandese di Wervik, che ha fortemente voluto andar via dalla Bora Hansgrohe nello scorso inverno perché era chiuso da Peter Sagan e Pascal Ackermann. In particolare, il team tedesco non lo convocava per il Tour de France: lo aveva fatto solo nelle prime due stagioni di militanza, nel 2015 e nel 2016, un ritiro e un 174esimo posto per il buon Bennett che nel frattempo è cresciuto fino a diventare uno dei velocisti principi del panorama mondiale.


Ma il team tedesco per la Grande Boucle ha Peter Sagan, sette maglie verdi in nove edizioni della corsa, contando anche quella che si è conclusa da pochi minuti. Bennett briga per andare via, sceglie la Deceuninck Quick Step e la Deceuninck di Lefevere sceglie lui e lo schiera al via della Grande Boucle. Alla vigilia nessuno, siamo sinceri, lo indica come possobile pretendente alla maglia verde, ma Bennett comincia ad accumulare punti e strada facendo ci crede sempre di più. Vince una tappa all'Ile de Re, si palleggia un po' la maglia verde con Sagan e poi la strappa definitivamente all'ex compagno di squadra.


La Bora cerca in ogni modo di mettere in difficoltà Bennett, a volte anche con tattiche rese discutibili dal fatto che Sagan non riesce a concretizzare il lavoro dei compagni. E così Sam Bennett l'impronosticato arriva a Parigi in maglia verde, si concede anche il lusso di vincere su uno dei traguardi più ambiti del mondo, raccoglie l'eredità di Sagan nell'albo d'oro delle maglie verdi e guarda i suoi ex compagni e dirigenti dall'alto del podio di Parigi. Non è una vendetta, ma una grande soddisfazione quello sì...

Copyright © TBW
COMMENTI
purtroppo
20 settembre 2020 23:03 Finisseur
Sagan è o è diventat più lento di Bennet. Faccio i complimenti al velocista e spero in un finale di stagione/carriera per Sagan visto che è un mio idolo

Senza la Squalifica..........
21 settembre 2020 11:51 9colli
Credo che la squalifica a Sagan, sia stata alquanto........DUBBIA.......senza quella sono convinto che sarebbe andata diversamente..............

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Festa in casa Movistar nella seconda tappa della Vuelta di Spagna grazie all'acuto di Marc Soler che ha coronato il grande lavoro svolto dai compagni di squadra nella Pamplona-Lekunberri di 151 km. Dopo una prima ora caratterizzata da scatti e...


Nella giornata in cui il Giro d'Italia è tornao a Madonna di Campiglio, Mario Cipollini è intervenuto a “Sulle strade del Giro”, la trasmissione di Radio 1 Rai dedicata alla trasmissione in diretta delle fasi finali della tappa della corsa...


Primo atto della "due giorni della verità" di questo Giro d'Italia 103. I 203 km dolomitici da Bassano del Grappa a Madonna di Campiglio premiano l'australiano Ben O'Connor della NTT, che con un attacco decisivo a 8 km dall'arrivo cancella la...


Il direttore del Giro d'Italia Mauro Vegni ha confermato in diretta tv il cambiamento della tappa di sabato: «Sullo Stelvio ci andiamo sicuramente - ha esordito Vegni - ma siamo costretti ad annunciare il cambiamento della penultima tappa del Giro....


Yves Lampaert scrive il suo nome nell'albo d'oro della Tre Giorni di La Panne vincendo per distacco l'ultima classica belga della stagione. Classica peraltro condizionata dal forte vento, al punto che gli organizzatori sono stati costretti a cancellare un giro...


F come fantasmi. Nel senso di team che sono in gara, ma nessuno se ne accorge. Corrono all’insaputa di tutti, a volte anche di loro stessi. E’ una vecchia abitudine della corsa rosa, col tempo diventata obbligo: per regolamento deve...


Il timbro verrà messo tra poche ore, ma ormai è certo che non si disputerà nella sua forma originale la tappa numero 20 del Giro d'Italia, quella dell'Agnello e dell'Izoard. Come avevamo riportato questa mattina, le previsioni meteo annunciano neve...


Tutti si aspettano la tappa di domani, con arrivo a Cancano, per le dure salite che i concorrenti troveranno lungo il percorso. In realtà, dettaglio da non sottovalutare, sarà la discesa della Stelvio. 21 km dentro un freezer. Sulla cima...


Tornava ieri a correre inun grande giro dopo due anni, ha subito accumulato un distacco importante - più di 11 minuti - ma non si è aasolutamente preoccupato. Stamame, infatti, Chris Froome twitta così dalla Spagna:«Battesimo del fuoco per il...


La decisione definitiva verrà presa domani, alla luce delle più aggiornate previsioni meteo, ma di ora in ora calano le possibiltà di salire al Colle dell'Agnello e quindi all'Izoard. Le previsioni meteo, infatti, in questo momento non danno grande speranza...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155