LE PAGELLE DI STAGI. TADDEO CI PORTA AL LUNA PARK, L'ITALIA DELLA BICICLETTA È UNA GIOSTRA

I VOTI DEL DIRETTORE | 20/09/2020 | 18:21
di Pier Augusto Stagi

Tadej POGACAR. 10 e lode. Due Grandi Giri, due podi, un terzo alla Vuelta e una maglia gialla sul podio di Parigi. Tre tappe alla Vuelta e una maglia; tre tappe e tre maglie al Tour. Se non è un piccolo cannibale, il giovane Tamau (domani 22 anni, auguri!) ha fame e appetito da vendere. Si diverte a vincere, senza tanti tatticismi e numerini da leggere sul computerino. Va a sensazione, e la sensazione che ho è che non sia finita qui. Non è una minaccia, ma per chi ama il ciclismo è una promessa di spettacolo e delizia. In questo Tour siamo stati tutti al luna park con lui.


TOUR de France. 9. Covid o no, anche quest’anno è stata una corsa di sublime bellezza. Se la corsa la fanno i corridori, qui c’era il meglio del meglio e i protagonisti non si sono risparmiati. Altro che distanziamento sociale, questo Tour ha riavvicinato tanti al ciclismo.


Primoz ROGLIC. 8. Corre da padrone, ma fa i conti senza l’oste, che per altro è un bimbetto sloveno che di nome fa Pogacar. Roglic domina il Tour grazie ad una squadra dominante, che controlla tutto e tutti, solo che c’è una cronometro, una sola, che si corre da soli: uno contro gli altri, spesso contro se stessi. Ed è la sfida con se stesso che perde. Forse la perde prima di partire, fin quando sulla pedana del via era ceruleo in volto, con gli occhi persi nel vuoto di uno che si appresta a perdere.  

Wout VAN AERT. 9. È l’uomo Jumbo e quindi Justo per provare a fare il grande salto, nei prossimi anni, anche nei Grandi Giri. Va spedito su ogni terreno; è un fuoriclasse assoluto. È un vincente su tutta la linea, ma anche come scorta armata dell’armata olandese è più che convincente.

Richie PORTE. 8. Lui ha sempre avuto un solo problema: restare in equilibrio. Se non finisce per le terre, sono dolori per gli altri. Questo Tour conferma il suo potenziale e finalmente se non proprio Gastone, non fa più la figura del Paperino.. 

SUNWEB. 8. Non hanno l’uomo classifica, sono una squadra sulla carta tutta da interpretare e inventare, alla fine sono quelli che più di tutti inventano e si divertono. Per questo vincono con tanti giovani di talento: una con Hirschi e due con Andersen, sempre con azioni da lontano, sempre con un disegno tattico perfetto. Gente che sa scegliere il tempo e la Sunweb che ha saputo scegliere: i talenti. 

Damiano CARUSO. 8. Fa tutto e lo fa benissimo. Ormai è un uomo squadra, che a tratti fa reparto da solo, nel senso che tiene in piedi tutto lui. A me è piaciuto un sacco, l’ho detto sin dall’inizio e lui non mi ha smentito fino alla fine. Bravo lui, non certo io.

Richard CARAPAZ. 6. Salva la baracca Ineos Granadieres, che era venuta per vincere il Tour e torna a casa con le pive nel sacco, non dimentichiamocelo. Dai “marginal gains”, alle grandi batoste. Un budget da oltre 40 milioni di euro che non sono garanzia di successo, e questa per noi appassionati è comunque una gran bella notizia. Con i danè si possono fare tantissime cose, tipo puntare alla maglia gialla, ma in questa occasione non sono riusciti nemmeno a vincere quella a “pois”.

Julian ALAPHILIPPE. 6,5. Ripetere il Tour dell’anno scorso sarebbe stato quasi impossibile, ma Loulou è sempre un piacere vederlo. La sua tappa la vince, poi in più di un’occasione da’ l’idea di potercela ancora fare, e anche questo è garanzia di spettacolo. 

Miguel Angel LOPEZ. 6. Corre bene, senza sprecare energie. Attacca quando deve attaccare, ma nella crono finale non spinge come se non ci fosse domani. Lui forse era rimasto al giorno prima? Ah saperlo…

Sam BENNETT. 8. Si prende la maglia verde battendo Peter Sagan (6 perché ha lottato sempre, fino alla fine) e Matteo Trentin (voto 6,5). L’irlandese sprinta, rintuzza e insegue: non molla l’osso. Duellare con Sagan non è per nulla semplice, ma anche per lo slovacco avere tra i pedali l’irlandese non è stato piacevolissimo.  

Mikel LANDA.  6,5. È il leader della sua Bahrain Merida (voto 8), ma lui è un bomber un po’ distratto e timoroso. Si trova in un paio di occasioni a tu per tu con il portiere e calcia alto. Alte erano le ambizioni del suo team, alto è stato il rendimento di corridori come Caruso e Bilbao oltre al tuttofare Colbrelli. Arriva ai piedi del podio, tutt’altro che male: se solo avesse avuto maggiori gambe e maggior coraggio sul Col de la Loze…

Egan BERNAL. 4. Esce di scena da gran signore, con il sorriso sulle labbra, nonostante quel dannatissimo mal di schiena. Va piano, ma non è il vero Bernal: è qualcosa che gli assomiglia, ma neanche tanto. È giovane, ha tutto per riprendersi, anche quello che ha lasciato per strada quest’anno.

ITALIA. 0. Zero sono il numero di vittorie, ma alla fine la nostra modesta figura l’abbiamo fatta. Un Tour da sufficienza piena, nonostante l’uscita di scena di Nizzolo (guai al ginocchio), Formolo (clavicola fratturata) e Pozzovivo (caduta alla prima tappa provocata da uno spettatore). Abbiamo pero quasi subito anche Fabio Aru, ma questa è un’altra storia, molto più complicata e complessa. Anche Fabio è da zero, non come voto, ma come punto di ripartenza. Riparta da zero: si volta pagina e si pensa positivo. Fabio era la continuità del dopo Nibali: io ci credo ancora. Che sia da zero anch’io?

Thibaut PINOT. 4. Mi spiace dovergli dare un voto così brutto, perché mi è simpatico parecchio, ma ancora una volta, anche lui, è stato tradito prima ancora che da una tenuta fisica da quella mentale. Si consuma, va in ambasce, non è facile farsi scorrere addosso tutto, lui è poco resiliente, ma per nulla impermeabile. Lo fermano i dolori alla schiena, che lo tolgono dalla classifica già alla prima settimana. Gli fa onore concludere la corsa a dispetto dei malanni. I francesi è probabile che non si incazzino, però aspettano: è dal 1985 che aspettano. Voto 3 a Romain Bardet e Warren Barguil: perché li aspettano ancora. Voto 1 a chi li aspetta.

Nairo QUINTANA. 4. Sembrava rigenerato, più attento e reattivo, più sicuro e spavaldo. Sembrava (voto 4 anche per il sottoscritto).

Guillaume MARTIN. 6. Manca la top ten per 3'05", questo il distacco da Caruso. Fa un discreto Tour de France, ma commette qualche errore di troppo a livello tattico e di gestione della corsa. Si dice anche si sia un tantinello imbranato con il cambio, dimostrando molta più dimestichezza sui libri che in sella alla sua magnifica De Rosa. Il ragazzo della Cofidis è comunque il bello del ciclismo, non tanto per il suo aspetto fisico, ma per la sua testa. Tanta, molta, che fa bene a tutto il nostro movimento, al nostro mondo. È un ragazzo pedalante e pensante: non è il solo, è in un bel gruppo.

Made in ITALY. 10. Tanta Italia nei team di mezzo mondo. Tanti corridori italiani a ricoprire i compiti più delicati nelle formazioni più attrezzate, tante le biciclette del gruppo che vengono dal nostro Paese, e vincono da anni. Pinarello ha fatto filotti infiniti. il Tour è in pratica casa sua. Quest'anno sul gradino più alto una Colnago (Uae Emirates), seguita da una Bianchi (Jumbo Visma) e poi una Wilier Triestina (Astana) che fino alla crono decisiva era sul podio anch'essa e la De Rosa (Cofidis) che per poco non entrava nella Top 10. Insomma, sarà anche un modo diverso di valutare le corse, ma se nella F.1 esiste la classifica costruttori, perché nei Grandi Giri dove l'aspetto tecnico non è assolutamente marginale non dovremmo tenerne conto? Italia popolo di santi, poeti e navigatori, ma anhce di ottimi corridori e costruttori: bravi. Molto bravi.

TOUR de France (pubblico). da 0 a 100. Sarebbero da 100 per come hanno organizzato il Tour, soprattutto le bolle, con tamponi per tutti a spese della Grande Boucle. Però c’è anche quell’aspetto dato dalle porte aperte, dei tifosi ammassati, ululanti, tantissimi con la mascherina e troppi senza. Per questo il voto sarebbe zero. Ma forse il percepito di noi italiani è un po’ diverso. Il Covid da noi è un fatto politico, dove ci si scontra tra destra e sinistra, osservanti e negazionisti. In Francia è una situazione complessa e complicata, però non impossibile. Da noi il Giro è un affare privato, da loro il Tour è un affare di Stato. Da noi c’è lo Stato mamma che ci dice quello che è bene fare, da loro c’è uno Stato che dà indicazioni, poi ognuno faccia un po’ come crede. Punti di vista, ma ai punti chi vince? Voto 0: come i casi Covid in gruppo. Lo so vi dà fastidio, ma la Francia ha vinto ancora.

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Aru
20 settembre 2020 21:14 alessandro
E ora che fine farà Aru? Ovviamente lo elimineranno. Ma chi lo prende che non va nemmeno in discesa?

gli italiani 0 ?
20 settembre 2020 21:51 Line
vincono tutto dai mondiali agli europei nelle categorie minori poi ........ ciao

Line
20 settembre 2020 22:06 Finisseur
Chiediti il perché?!! Se ci arrivi sei intelligente

JUMBO VISMA
20 settembre 2020 23:27 AleDavoli
Manca il voto ai tecnici della JUMBO VISMA.
VOTO: 2
Premesso che sono tifosissimo di Tadej(chi più di lui si è meritato il successo?), penso che i ds della JUMBO siano stati tatticamente un disastro, tanto da compromettere il risultato finale.
Un errore fatale quello di sacrificare Doumulin fin da subito!!! Un uomo di esperienza come lui era chiaro avrebbe fatto un tour in crescendo, come poi è stato.
Mantenerlo in classifica anche a 4 o 5 minuti avrebbe permesso al team di poterlo inserire in qualche azione da lontano in modo da isolare ancora di più Pogacar, praticamente senza squadra l'ultima settimana.
Alla fine i suoi più forti gregari sono stati i compagni di Roglic!!
Una tattica ridicola per un grande Team.



Manca il voto ai tecnici della JUMBO VISMA.
VOTO: 2
Premesso che sono tifosissimo di Tadej(chi più di lui si è meritato il successo?), penso che i ds della JUMBO siano stati tatticamente un disastro, tanto da compromettere il risultato finale.
Un errore fatale quello di sacrificare Doumulin fin da subito!!! Un uomo di esperienza come lui era chiaro avrebbe fatto un tour in crescendo, come poi è stato.
Mantenerlo in classifica anche a 4 o 5 minuti avrebbe permesso al team di poterlo inserire in qualche azione da lontano in modo da isolare ancora di più Pogacar, praticamente senza squadra l'ultima settimana.
Alla fine i suoi più forti gregari sono stati i compagni di Roglic!!
Una tattica ridicola per un grande Team.


Manca il voto ai tecnici della JUMBO VISMA.
VOTO: 2
Premesso che sono tifosissimo di Tadej(chi più di lui si è meritato il successo?), penso che i ds della JUMBO siano stati tatticamente un disastro, tanto da compromettere il risultato finale.
Un errore fatale quello di sacrificare Doumulin fin da subito!!! Un uomo di esperienza come lui era chiaro avrebbe fatto un tour in crescendo, come poi è stato.
Mantenerlo in classifica anche a 4 o 5 minuti avrebbe permesso al team di poterlo inserire in qualche azione da lontano in modo da isolare ancora di più Pogacar, praticamente senza squadra l'ultima settimana.
Alla fine i suoi più forti gregari sono stati i compagni di Roglic!!
Una tattica ridicola per un grande Team.




Manca il voto ai tecnici della JUMBO VISMA.
VOTO: 2
Premesso che sono tifosissimo di Tadej(chi più di lui si è meritato il successo?), penso che i ds della JUMBO siano stati tatticamente un disastro, tanto da compromettere il risultato finale.
Un errore fatale quello di sacrificare Doumulin fin da subito!!! Un uomo di esperienza come lui era chiaro avrebbe fatto un tour in crescendo, come poi è stato.
Mantenerlo in classifica anche a 4 o 5 minuti avrebbe permesso al team di poterlo inserire in qualche azione da lontano in modo da isolare ancora di più Pogacar, praticamente senza squadra l'ultima settimana.
Alla fine i suoi più forti gregari sono stati i compagni di Roglic!!
Una tattica ridicola per un grande Team.







JUMBO VISMA
20 settembre 2020 23:39 AleDavoli
Manca il voto ai tecnici della JUMBO VISMA.
VOTO: 2
Premesso che sono tifosissimo di Tadej(chi più di lui si è meritato il successo?), penso che i ds della JUMBO siano stati tatticamente un disastro, tanto da compromettere il risultato finale.
Un errore fatale quello di sacrificare Doumulin fin da subito!!! Un uomo di esperienza come lui era chiaro avrebbe fatto un tour in crescendo, come poi è stato.
Mantenerlo in classifica anche a 4 o 5 minuti avrebbe permesso al team di poterlo inserire in qualche azione da lontano in modo da isolare ancora di più Pogacar, praticamente senza squadra l'ultima settimana.
Alla fine i suoi più forti gregari sono stati i compagni di Roglic!!
Una tattica ridicola per un grande Team.








Tre a Bardet?
20 settembre 2020 23:43 pickett
Evidentemente essere ricoverato in ospedale con un'emorragia cerebrale(EMORRAGIA CEREBRALE) per Stagi é una colpa.Bravo direttore,complimenti! Quanto ad Aru,negli ultimi anni quante volte é ripartito da zero?La sua professione non é + correre in bici,é ripartire da zero!é il Maradona delle ripartenze da zero.

ineos/jumbo
21 settembre 2020 08:04 kristi
caro direttore non capisco molto la sua totale idiosincrasia per il team ineos ela devozione verso i jumbo .. a me paiono piu o meno la stessa cosa come budget , gestione di corsa ecc ecc

Voti
21 settembre 2020 09:34 fransoli
In merito al voto a Bardet per una volta mi vedo costretto a concordare con quanto postato dall'utente pickett . Su Van Aart, corridore sublime, ci andrei cauto sulla reale capacità di fare il capitano su un grande giro. A cominciato ora a vincere le monumento, ha le potenzialità per vincerle tutte e fare una carriera alla De Vlaemink, prima di snaturarmi già ci penserei.

PS tecnici Visma
21 settembre 2020 09:39 fransoli
E poi portare Van Aert al Tour e fargli fare da gregario.... questo con una squadra a disposizione sempre ti vince 25 corse all'anno.... lo porti al tour e lo lasci libero di fare la sua corsa, altrimenti troppa abbondanza di talenti è sprecata

Van Aert
21 settembre 2020 13:12 Manu77
Sonno d'accordissimo sul commento dell'utente fransoli su Van Aert! Questo qui ha le potenzialità di vincere tutte le monumento e gli basta una squadra appena decente per farcela. Fossi in chi studia la sua programmazione no avrei dubbi, poi tra qualche anno si potrebbe pensare ad un grande giro con un anno di lavoro specifico

“Made in Italy “
21 settembre 2020 17:32 Principino
Buonasera Direttore
Desideravo segnalare
Vero Made in Italy
Il vincitore indossava
scarpe Dmt prodotte dal gruppo Zecchetto , innovativa scarpa Knit
Intimo tecnico realizzata da XTechsport azienda bresciana
Cordiali saluti


Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Festa in casa Movistar nella seconda tappa della Vuelta di Spagna grazie all'acuto di Marc Soler che ha coronato il grande lavoro svolto dai compagni di squadra nella Pamplona-Lekunberri di 151 km. Dopo una prima ora caratterizzata da scatti e...


Nella giornata in cui il Giro d'Italia è tornao a Madonna di Campiglio, Mario Cipollini è intervenuto a “Sulle strade del Giro”, la trasmissione di Radio 1 Rai dedicata alla trasmissione in diretta delle fasi finali della tappa della corsa...


Primo atto della "due giorni della verità" di questo Giro d'Italia 103. I 203 km dolomitici da Bassano del Grappa a Madonna di Campiglio premiano l'australiano Ben O'Connor della NTT, che con un attacco decisivo a 8 km dall'arrivo cancella la...


Il direttore del Giro d'Italia Mauro Vegni ha confermato in diretta tv il cambiamento della tappa di sabato: «Sullo Stelvio ci andiamo sicuramente - ha esordito Vegni - ma siamo costretti ad annunciare il cambiamento della penultima tappa del Giro....


Yves Lampaert scrive il suo nome nell'albo d'oro della Tre Giorni di La Panne vincendo per distacco l'ultima classica belga della stagione. Classica peraltro condizionata dal forte vento, al punto che gli organizzatori sono stati costretti a cancellare un giro...


F come fantasmi. Nel senso di team che sono in gara, ma nessuno se ne accorge. Corrono all’insaputa di tutti, a volte anche di loro stessi. E’ una vecchia abitudine della corsa rosa, col tempo diventata obbligo: per regolamento deve...


Il timbro verrà messo tra poche ore, ma ormai è certo che non si disputerà nella sua forma originale la tappa numero 20 del Giro d'Italia, quella dell'Agnello e dell'Izoard. Come avevamo riportato questa mattina, le previsioni meteo annunciano neve...


Tutti si aspettano la tappa di domani, con arrivo a Cancano, per le dure salite che i concorrenti troveranno lungo il percorso. In realtà, dettaglio da non sottovalutare, sarà la discesa della Stelvio. 21 km dentro un freezer. Sulla cima...


Tornava ieri a correre inun grande giro dopo due anni, ha subito accumulato un distacco importante - più di 11 minuti - ma non si è aasolutamente preoccupato. Stamame, infatti, Chris Froome twitta così dalla Spagna:«Battesimo del fuoco per il...


La decisione definitiva verrà presa domani, alla luce delle più aggiornate previsioni meteo, ma di ora in ora calano le possibiltà di salire al Colle dell'Agnello e quindi all'Izoard. Le previsioni meteo, infatti, in questo momento non danno grande speranza...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155