TOUR. DELUSIONE VIVIANI: «OGGI SPERAVO DI DARE UNA SVOLTA...»

PROFESSIONISTI | 20/09/2020 | 19:20
di Francesca Monzone

Questo non è stato, purtroppo, il Tour di Elia Viviani. Il velocista della Cofidis ha avuto un problema a un piede e nelle poche tappe riservate ai velocisti non è riuscito ad andare oltre un quarto posto. “Siamo finalmente arrivati all’ultima tappa del Tour. Ho avuto molte difficoltà sia dal punto di vista fisico che per il tipo di percorso. Ho avuto due o tre giornate in cui ho veramente faticato ad arrivare al traguardo. Oggi avrei voluto dare una svolta a questo Tour ma non ci sono riuscito”.


Il traguardo di Parigi è un simbolo per ogni velocista e vincere questa tappa, che ogni anno conclude la corsa gialla, è un sogno che solo in pochi riescono a realizzare. Viviani è arrivato quinto oggi e ancora una volta il finale è stato spietato.


“Mi dispiace per oggi, mi sarebbe piaciuto vincere qui. Il traguardo di Parigi lo sogno da quando ero bambino. E’ il traguardo che ogni velocista desidera di vincere”.

Il Tour de France 2020 verrà ricordato come uno dei più duri, con salite arrivate già il secondo giorno di corsa e cadute che hanno fatto ritirare tanti corridori.

“Ci sono stati degli sprint, ma bisognava avere forza nel finale e prima di arrivare alla volata, la corsa era stata dura. Sicuramente non sono contento del mio risultato”.

Nel 2019 Viviani aveva vinto una tappa alla corsa gialla. Era la frazione da Reims a Nancy, davanti a Kristoff ed Ewan.

“Lo scorso anno ero riuscito a conquistare una tappa e quest’anno no. Purtroppo il Tour è il Tour, è la corsa più dura e difficile al mondo e per vincere ogni cosa deve andare nel migliore dei modi. Le gambe dei velocisti erano tutte stanche oggi e mi sarebbe piaciuto dare una svolta a questa corsa, ma così non è stato. Un vero peccato”.

Per il veneto questo è stato senza dubbio il Tour più duro ed è lui stesso ad ammetterlo.

“Di tutti i Tour de France che ho fatto, questo senza dubbio è stato il più duro. Ho sofferto fin dall’inizio e il percorso ha messo veramente a dura prova tutti noi velocisti. Posso dire di essere contento di essere riuscito a finirlo, perché anche se sono un velocista, mi piace portare a termine i grandi giri”.

Viviani è contento che il Tour sia finito, non ha ottenuto il risultato che desiderava, ma è già pronto a guardare avanti, ai prossimi impegni.
“Il Tour 2020 si è concluso e adesso bisogna guardare avanti e cercare di migliorarsi”.

Copyright © TBW
COMMENTI
Mah
20 settembre 2020 21:15 Ruggero
Parliamo per una volta chiaramente, il problema di Elia è solo uno, ha previlegiato il denaro alla squadra, e lui ahimè ha tanto tanto bisogno della squadra.....

torna
20 settembre 2020 21:52 Line
alla quick step , uno come morkov non e facile da trovare ..

Squadra o non squadra
20 settembre 2020 22:13 lupin3
non é che abbia una grandíssima caratura. Certamente andare alla Cofidis non é stata una gran mossa

caro viviani
20 settembre 2020 22:25 alerossi
pensa a chi ha vinto la maglia verde. bennett grazie all'aiuto di un super morkov, che ai traguardi intermedi toglieva punti a sagan. pensare che morkov l'anno scorso lo avevi tu, ma quest'anno hai scelto i soldi

Il Vil denaro........
21 settembre 2020 11:47 9colli
Ha fatto la scelta sbagliata.......quella dei soldi

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Festa in casa Movistar nella seconda tappa della Vuelta di Spagna grazie all'acuto di Marc Soler che ha coronato il grande lavoro svolto dai compagni di squadra nella Pamplona-Lekunberri di 151 km. Dopo una prima ora caratterizzata da scatti e...


Nella giornata in cui il Giro d'Italia è tornao a Madonna di Campiglio, Mario Cipollini è intervenuto a “Sulle strade del Giro”, la trasmissione di Radio 1 Rai dedicata alla trasmissione in diretta delle fasi finali della tappa della corsa...


Primo atto della "due giorni della verità" di questo Giro d'Italia 103. I 203 km dolomitici da Bassano del Grappa a Madonna di Campiglio premiano l'australiano Ben O'Connor della NTT, che con un attacco decisivo a 8 km dall'arrivo cancella la...


Il direttore del Giro d'Italia Mauro Vegni ha confermato in diretta tv il cambiamento della tappa di sabato: «Sullo Stelvio ci andiamo sicuramente - ha esordito Vegni - ma siamo costretti ad annunciare il cambiamento della penultima tappa del Giro....


Yves Lampaert scrive il suo nome nell'albo d'oro della Tre Giorni di La Panne vincendo per distacco l'ultima classica belga della stagione. Classica peraltro condizionata dal forte vento, al punto che gli organizzatori sono stati costretti a cancellare un giro...


F come fantasmi. Nel senso di team che sono in gara, ma nessuno se ne accorge. Corrono all’insaputa di tutti, a volte anche di loro stessi. E’ una vecchia abitudine della corsa rosa, col tempo diventata obbligo: per regolamento deve...


Il timbro verrà messo tra poche ore, ma ormai è certo che non si disputerà nella sua forma originale la tappa numero 20 del Giro d'Italia, quella dell'Agnello e dell'Izoard. Come avevamo riportato questa mattina, le previsioni meteo annunciano neve...


Tutti si aspettano la tappa di domani, con arrivo a Cancano, per le dure salite che i concorrenti troveranno lungo il percorso. In realtà, dettaglio da non sottovalutare, sarà la discesa della Stelvio. 21 km dentro un freezer. Sulla cima...


Tornava ieri a correre inun grande giro dopo due anni, ha subito accumulato un distacco importante - più di 11 minuti - ma non si è aasolutamente preoccupato. Stamame, infatti, Chris Froome twitta così dalla Spagna:«Battesimo del fuoco per il...


La decisione definitiva verrà presa domani, alla luce delle più aggiornate previsioni meteo, ma di ora in ora calano le possibiltà di salire al Colle dell'Agnello e quindi all'Izoard. Le previsioni meteo, infatti, in questo momento non danno grande speranza...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155