LONGO BORGHINI. «SONO IN BUONA CONDIZIONE FISICA E MENTALE E FINALMENTE SI CORRE...»

DONNE | 31/07/2020 | 07:55
di Francesca Monzone

È breve, la storia della Strade Bianche femminile, appena 5 edizioni dal 2015 ad oggi, ma da subito l’Italia si è imposta, grazie ad Elisa Longo Borghini, che poi a Siena, ha vinto nel 2017. La piemontese nella prima edizione della corsa arrivò terza, dietro la statunitense  Guarnier e la britannica Armitstead. Nel 2018 ancora terza e questa volta,  la vittoria andò all’olandese Van der Breggen davanti alla polacca Niewiadoma. Per la ventinovenne di Ornavasso, le atlete da battere saranno ancora una volta le olandesi, ma lei questa corsa la conosce bene e la forza atletica, aggiunta all’esperienza della campionessa, la renderanno una delle avversarie e attaccanti più temibili di questa prova.

Lei è la miglior italiana da sempre in questa corsa, con una vittoria e due podi, come affronterà questa edizione così particolare?

“La voglia di vincere c’è ed è tanta, alle corse si viene per questo. Le avversarie sono veramente forti, sono realista e voglio rimanere con i piedi per terra, ma allo stesso tempo mi rendo conto di essere in una buona forma fisica e mentale e di poter far bene. Ogni gara ha la sua storia da scrivere diversa dalle altre e Strade Bianche 2020 ancora non è stata scritta”.

Strade Bianche viene definita una delle corse più difficili per le donne. E’ di questa idea anche lei?

“E’ una corsa che lascia aperte molte porte e che si adatta a diversi tipi di atlete. In questa corsa vanno bene sia le specialiste delle Classiche che le migliori delle corse a tappe, quindi a contendersi la vittoria siamo in molte. C’è un dislivello importante e anche se non è eccessivamente lunga, toglie molte energie e sarà importante respirare e gestire bene la corsa”.

In quale tratto del percorso ci sarà la selezione?

“Sicuramente nel tratto di sterrato più lungo. Saranno circa 9 chilometri dove la selezione sarà durissima. Poi il penultimo strappo in sterrato dove la corsa si accende ogni volta”. 

Alcuni dicono che questa è una corsa che vinci da solo, altri sostengono l’importanza della squadra. Lei cosa pensa?

“Io sono fermamente convinta che la squadra in una corsa come questa sia fondamentale. Nel 2017 ho vinto perché una mia compagna di squadra mi ha dato la sua bici e penso che la squadra possa fare la vera differenza. Noi con la Trek-Segafredo abbiamo un team molto forte e questo è un valore in più rispetto ad altri”.

Le olandesi saranno sempre le uniche favorite?

“Loro vanno fortissimo, i risultati parlano da soli. La van Vleuten che ha vinto lo scorso anno sta andando molto bene e lo ha dimostrato già in queste prime gare in Spagna, dove ha vinto tutte e tre le gare. Anche la compagna  Van der Breggen  sta andando benissimo e aggiungerei anche la Vos. Loro sono le più forti, ma le corse sono fatte di tanti chilometri e può succedere di tutto”. 

La stagione è ripartita a gare invertite, prima i grandi giri e poi le classiche. Quanto cambierà questo infatti di risultati?

“Il meteo avrà sicuramente molta importanza. Io ad esempio soffro molto il caldo e Strade Bianche in agosto per me sarà più difficile. Anche le Classiche potrebbero essere stravolte a causa del freddo e della pioggia. Dobbiamo adeguarci a questa nuova stagione, lamentarsi è inutile e dobbiamo pensare che siamo riusciti a ripartire. Nessuno sa cosa uscirà da una stagione così anomala”.

Quali saranno i suoi prossimi impegni?

“Farò il Giro dell’Emilia i Campionati Italiani e poi l’Europeo e il Tour de France”.

I controlli anti-covid sono molti e non potrete incontrare il pubblico. Come vi state adattando?

“Tutto sommato bene, è un po’ macchinoso ma si può fare. Noi saremo dentro delle sorte di bolle protette e quando saremo in gara non potremo avere contatti con nessuno, neanche con i parenti che verranno a vederci. In Spagna il pubblico si è comportato molto bene, ho visto che avevano piena coscienza del problema. Sono convinta che anche in Italia i tifosi saranno  attenti. Voglio solo lanciare un messaggio alle persone che verranno a vederci: non chiedeteci selfie e non cercate di toccarci. Chiediamo  questo per limitare i contagi e io lo chiedo in particolare perché in alcun modo vorrei essere un veicolo di contagio per le mie compagne di squadra e le persone che lavorano con noi”.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Tris stagionale per Enrico Zanoncello: il veronese di Vallese di Oppeano si è imposto nettamente nello sprint a ranghi compatti che ha deciso il Trofeo Papà Pederzolli andato in scena sulle strade di Casale Monferrato (Al). Una prova scivolata via...


Una suggestione destinata a restare tale. L'annullamento dei mondiali svizzeri e la ricerca di una nuova sede annunciata dall'Uci hanno scatenato idee e ipotesi che hanno coinvolto anche l'Italia. Stamane sulla Gazzetta dello Sport si parlava della possibilità che il...


Anche l'Uci conferma l'annullamento del mondiale di Aigle Martigny e nel suo comunicato ufficiale spiega: «Considerando l'importanza sportiva dei Campionati del Mondo, l'Uci precisa che sta lavorando ad un progetto alternativo per assicurare la disputa del mondiale 2020, preferibilmente in...


È l'uomo del momento e non si ferma più. Wout Van Aert continua  la sua straordinaria striscia vincente e conquista il successo nella tappa inaugurale del Delfinato, mettendo in fila Impey, Bernal e Valverde. Ancora una volta la Jumbo Visma...


I mondiali di Aigle Martigny sono ufficialmente annullati. La decisione del governo federale svizzero di vietare fino alla fine di settembre i grandi eventi e di non consentire assembramenti oltre le 1.000 persone, ha spinto gli organizzatori a cancellare definitivamente...


Il Covid continua a spaventare la Francia e il presidente del Nizza Calcio ha annunciato ufficialmente oggi che la prima partita del nuovo campionato di serie A - Nizza-Lens - in programma domenica 23 agosto si giocherà a porte chiuse....


Sabato è stato il migliore degli italiani a Sanremo: Giacomo Nizzolo è un corridore che viene poco considerato nei pronostici ma che raramente manca all'appuntamento. Il velocista brianzolo è il primo protagonista della nuova puntata di BlaBlaBike e ci racconta...


Prima lo sguardo a Berna, poi il faccia a faccia ad Aigle: sono questi i due passaggi attraverso i quali si scriverà il futuro dei campionati del mondo di Aigle Martigny. Ore di attesa e di tensione perché quello che...


Un Giro di Lombardia senza pubblico. In tutti i punti del percorso. È questa la prospettiva per la gara ciclistica in programma sabato prossimo, giorno di Ferragosto, con partenza da Bergamo e arrivo in piazza Cavour a Como dopo il...


Il Consiglio federale dell’11 agosto ha affrontato i punti dell’ordine del giorno lasciati in sospeso, per questioni di tempo, in occasione dell'incontro del 5 agosto, in particolare l’assegnazione di alcuni campionati italiani e l’istituzione del “prestito multidisciplinare”. “Dobbiamo registrare con...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155