ZANARDI. OGGI SI CONCLUDE LA STAFFETTA, INTANTO L'INCHIESTA VA AVANTI

NEWS | 28/06/2020 | 10:30
di Bibi Ajraghi

Prosegue l'inchiesta sul caso di Alex Zanardi: si lavora sulla handbike, con l'obiettivo di verificare se era omologata per circolare su strada, e si valutano le condizioni del manto stradale. I carabinieri sono stati visti di nuovo sul posto mentre scattavano foto all’asfalto perché si vuole capire se, magari, la handbike può aver preso un avvallamento o una fessura tanto da scartare mutando la traiettoria. La competenza della strada, da circa un anno, è passata all’Anas.


Nell’inchiesta c' anche il nodo permessi. Una volta chiarito il tipo di evento in cui va inquadrata la staffetta tricolore e se necessitava il preavviso al questore, verranno tratte le conclusioni. Il ‘faro’ potrebbe essere l’articolo 18 del Tulps (Testo unico leggi di pubblica sicurezza) che recita: «I promotori di una riunione in luogo pubblico o aperto al pubblico, devono darne avviso, almeno tre giorni prima, al questore. È considerata pubblica anche una riunione, che, sebbene indetta in forma privata, tuttavia per il luogo in cui sarà tenuta, o per il numero delle persone che dovranno intervenirvi, o per lo scopo o l’oggetto di essa, ha carattere di riunione non privata».


Nella settimana entrante è atteso l'affidamento delle perizie informatiche e sulla handbike.

Venerdì intanto all'ospedale Le Scotte di Siena è andato in visita il vescovo di Siena Lojudice: «Mi sono fermato per qualche momento in preghiera davanti a Zanardi e lo stesso ho fatto per tutti gli altri ricoverati nel reparto, È stata una piccola visita in forma del tutto privata, del resto anche il Papa in questi giorni ha parlato di Zanardi». E ancora: «Il primario mi ha detto sulle condizioni ciò che i medici hanno riferito ai giornalisti. La situazione è seria ma ho letto una certa speranza. Il colpo è stato forte ma anche Zanardi fisicamente lo è».

Intanto oggi la Staffetta Tricolore, guidata dal presidente della Federciclo Renato Di Rocco e dal c.t. della nazionale paraciclismo Mario Valentini, vive oggi la sua ultima tappa: da Porto Cesareo si arriverà a Santa Maria di Leuca verso le 16 con l’alzabandiera del testimone passato tra i 52 paralimpici, testimone che ha attraversato l'Italia partendo il 12 giugno da Luino.

«No, non c’è tristezza. Qui c'è il meglio dello spirito di squadra e di partecipazione, per seguire la motivazione e la spinta di Alex - spiega il presidente Di Rocco -. Certo, tutti gli azzurri avevano gli occhietti lucidi, per tanti di loro è un fratello maggiore. E pensare che quando il 2 giugno mi aveva chiamato per queste tappe, avevamo tanto riso insieme: “Renato, stavolta ti convoco io”. Io ho risposto presente, adesso aspettiamo tutti il ritorno di Alex».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il Team DSM ha accettato di rescindere il contratto con Tiesj Benoot. Durante la loro stagione 2021 - scrive il Team DSM in un comunicato ufficiale - è parso evidente che Benoot non era in grado di mantenere i suoi...


Si è chiuso lo stage di 3 giorni di casa Colpack Ballan. La formazione orobica, del Presidente Beppe Colleoni, per il 2022 presenta l'inserimento di 2 nuovi atleti stranieri. Si tratta dell'irlandese Ronan O'Connor e dello spagnolo Ruben Sanchez. Tocca...


Le previsioni meteorologiche annunciamo per mercoledì 8 dicembre una giornata caratterizzata dall’arrivo delle neve a Brinzio, classica località che accoglie ogni anno l’8 dicembre la Pedala con i Campioni – Memorial Michele Scarponi. E’ per questo motivo che gli organizzatori...


Mark Cavendish vestirà la maglia della Deceuninck Quick Step per un'altra stagione. Dopo essere arrivato all'inizio del 2021 per quella che si è rivelata una stagione storica, Mark rimane a far parte del Wolfpack, squadra con cui è tornato a...


Ventidue biciclette rubate, due dovranno presentarsi venerdì prossimo al Tribunale penale di Lilla. «Marcq-en-Baroeul disterà una decina di chilometri scarsi – racconta oggi Ciro Scognamiglio sulla Gazzetta dello Sport - : è lì che nella notte tra il 22 e...


Sarà stato fortunato, ma sicuramente bravo. Lorenzo Fortunato riparte da dove in pratica è partito e si è palesato al mondo: dallo Zoncolan, dove sabato scorso si è ripresentato per l’inaugurazione della nuova seggiovia dedicata al Giro d’Italia. Oggi La...


Una vita interamente dedicata alla bicicletta, un dinamismo, una lucidità e un entusiasmo mostrati ad ogni uscita pubblica, fino a un paio di mesi fa. Giovanni Meazzo, morto domenica a 93 anni, era la memoria storica del ciclismo alessandrino. Era...


Faè di Oderzo sta per diventare, per la 19^ volta, la capitale del ciclocross italiano. I rinomati vitigni di Prosecco di Borgo Barattin, nel cuore della pianura trevigiana, faranno come sempre da cornice al Ciclocross Internazionale del Ponte, 4^...


La Federazione Ciclistica Italiana ha tagliato ieir il traguardo dei 136 anni di storia. Nel bel libro di Roberto Livraghi “Pista! Alessandria capitale ciclistica della Belle Epoque” si ricorda nel dettaglio la prima corsa di velocipedi...


Immaginate la scena: è la sera del 22 ottobre, Ashton Lambie ha appena realizzato il suo sogno di vincere il titolo mondiale dell'inseguimento su pista e rientra nel suo albergo a Roubaix. Ha ancora addosso la maglia iridata, deve ancora...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI