DAVIDE CASSANI, UN CT AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

INTERVISTA | 31/03/2020 | 08:10
di Stefano Fiori

«Il momento più bello della mia giornata? Purtroppo è diventato quando esco fuori a portare via la spazzatura!». Parola di Davide Cassani. Cercare di vedere comunque il lato positivo delle cose e magari, da buon romagnolo, scherzarci pure sopra anche se il momento non è dei più propizi, è una caratteristica precipua del CT della nazionale italiana di ciclismo e, come ce lo confermano gli esperti, degli appartenenti al suo segno zodiacale, il Capricorno, essendo nato il primo di gennaio. 


CT della nazionale di ciclismo dal 4 gennaio 2014, con la nomina ufficiale arrivata mentre stava facendo visita all'indimenticabile Alfredo Martini nella sua casa di Sesto Fiorentino, da allora Cassani ha ottenuto, con i ciclisti Elite e Professionisti da lui convocati in maglia azzurra, due vittorie nel campionato europeo su strada, con Matteo Trentin nel 2018 e Elia Viviani nel 2019, un secondo posto con Viviani nel 2017 e, sempre agli europei ma nella prova a cronometro individuale, due medaglie di bronzo con Moreno Moser nel 2016 e con Edoardo Affini  nel 2019. Nei campionati del mondo il bilancio è di due medaglie d'argento con Trentin su strada nel 2019 e con Adriano Malori nella crono individuale nel 2015, mentre Filippo Ganna ha ottenuto il bronzo sempre nella crono, nel 2019.


Lo contattiamo nella sua casa di Faenza, dove sta osservando rigidamente le disposizioni previste dal recente decreto anti covid-19.
«Me ne sto in casa a preparare programmi, a scambiare post e opinioni con la Federciclismo e i corridori. L'ultima uscita in bicicletta l'ho effettuata oltre due settimane addietro, poi è iniziato il periodo di divieto e perciò mi sono adeguato. Con atleti e amici ci colleghiamo giornalmente per fare delle gare sui rulli e devo dire che, nonostante tutto, è un passatempo abbastanza divertente che ci consente, nei limiti del possibile, di rimanere in forma».

Sostanzialmente tranquilla la situazione sanitaria a Faenza e dintorni.
«Tutto sembra essere sotto controllo, ci sono poche persone contagiate e anche nel ravennate non si segnalano grossi focolai. Io non ho paura del coronavirus, caso mai temo per la salute dei miei familiari. In particolare per mia madre che è del 1936 ed è molto spaventata, mi dice che questo divieto di uscire di casa le ricorda il tempo di guerra, con i tanti bombardamenti».

Ma Cassani sta ricoprendo un altro gratificante incarico, ormai dall'estate del 2018.
«Sì, sono stato nominato presidente dell'Azienda di Promozione Turistica Servizi della regione Emilia Romagna, un compito che sto svogendo con grande dedizione ed è un modo per ringraziare tutti coloro che hanno dimostrato di avere fiducia in me».

Il nefasto problema del coronavirus sta però sconvolgendo i due mondi più cari a Cassani, il Turismo e il Ciclismo.
«Un flagello totalmente inaspettato. E' probabile che tutti abbiano sottovalutato la potenza di questo virus così insidioso, si riteneva che non sarebbe uscito dalle frontiere della Cina e invece si è propagato anche in Europa, con una velocità e una pericolosità incredibili. Ora c'è soltanto da attenersi alle ordinanze statali e sperare di potersi risollevare prima possibile per evitare il tracollo dell'economia».

E, da inguaribile ottimista dal bicchiere mezzo pieno, il CT faentino lancia una previsione che è anche un auspicio, per il nostro ciclismo e per le spiagge romagnole.
«Se il problema si risolve anche parzialmente entro due mesi si può ancora salvare la stagione turistica romagnola. Magari non verranno gli stranieri, però potrebbero tornare in abbondanza gli italiani. Nel ciclismo, allo stesso tempo, si potrebbero fare alcuni spostamenti di corse importanti che sono già allo studio; questi cambiamenti di data forse risulterebbero poco graditi ad alcuni organizzatori, ma sarebbe sempre pur meglio che non effettuare le gare».

Intanto è nata una polemica riguardante lo svolgimento della recente Parigi-Nizza.
«I corridori non hanno gradito, si era capito che il problema coronavirus stava esplodendo ma gli organizzatori hanno preferito andare avanti, esponendosi ed esponendo gli atleti a rischi non indifferenti. Tra breve capiremo chi aveva ragione o torto, sperando che non emergano dei contagiati».

Intanto le Olimpiadi di Tokyo sono state posticipate di un anno.
«Saggia decisione. Ci voleva. Basti pensare che un atleta del ciclismo, anche se le gare saranno spostate di qualche mese, può allenarsi e focalizzarsi su di una competizione in un lasso di tempo relativamente breve. Invece, la maggior parte degli atleti di altri sport che si allenano per le Olimpiadi non riescono assolutamente a farlo e in certi casi devono addirittura passare attraverso le prove di selezione per essere poi convocati. Così occorre troppo tempo, ribadisco che confermare la data del 2020 era proprio impossibile».

14 anni di professionismo, 33 gare vinte, mentre i 9 campionati mondiali ai quali ha preso parte in maglia azzurra  hanno creato per lui la fama di uomo squadra e di... portafortuna.
«La prima etichetta la devo ad Alfredo Martini e grazie a lui ho maturato la mia esperienza nel ruolo che sto svolgendo. Per la fortuna forse ci si riferisce ai due migliori piazzamenti che ho ottenuto nella gara iridata. Quando mi piazzai 7° nel 1988 vincemmo infatti con Fondriest, a Renaix e quando giunsi 9° a Stoccarda, nel 1991, si impose Gianni Bugno. Sì, due giornate per me davvero indimenticabili».

Una morale per questo brutto momento?
«Il mondo non finisce qui, serve resilienza e saper fare le cose giuste al momento giusto, così dovremo prepararci già da ora per poter ripartire. L'Italia è stata la prima in Europa a fare la conoscenza con questo maledetto virus e penso che sarà anche la prima ad uscire dalla pandemia. Credo, voglio sperare che anche noi ne usciremo migliori e tutti dovrebbero ispirarsi al ciclismo, uno sport duro, in cui possono capitare gravi incidenti, malattie, ma il ciclista mette tutto in conto e riesce a risollevarsi sempre e comunque». 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Davide Toneatti chiude al settimo posto la prova finale della Coppa del Mondo di Ciclocross Under 23. Un risultato importante per il friulano a una settimana dalla sfida iridata in Olanda. L'azzurro dell'Astana Qazaqstan rimane incollato sulle ruote dei migliori...


Bella prestazione di Federica Venturelli in Coppa del Mondo. L'azzurra, della Selle Italia Guerciotti, è quinta sul traguardo di Besancon, Francia, dove stamattina hanno gareggiato le atlete della categoria donne juniores. Una gara condotta fin dalla partenza sulle ruote delle...


Viene da Tirano (Sondrio) la nuova campionessa d'Italia di Ciclocross donne esordienti primo anno. Beatrice Maifrè (foto), tredici anni compiuti pochi giorni fa, valtellinese della Melavì Tirano Bike, ha conquistato il suo primo titolo dopo una brillante stagione caratterizzata anche...


Sfida in famiglia tra i Cingolani ai Campionati Italiani di Ciclocross esordienti secondo anno.Alla fine l'ha spuntata Filippo, 14enne di Senigallia già tricolore esordienti primo anno a Variano di Basiliano nel 2022, che anticipa di 5" il fratello gemello Tommaso...


Riccardo Tofful, tredicenne friulano di Capriva del Friuli, portacolori del Pedale Manzanese, si è laureato campione italiano di Ciclocross della categoria esordienti maschi primo anno. Il giovane nativo di Gorizia, ha preceduto il lombardo Riccardo Longo (Team Serio) di 11"...


Dietro alle transenne della Vuelta a San Juan abbiamo scorto un volto noto, l'ex pistard italo argentino Octavio Dazzan. Stabilitosi a Torino ormai da tempo, è tornato nel suo paese d'origine per seguire i campioni in corsa in questi giorni...


Tra sabbia, tombe preservate, affioramenti di arenaria, dimore storiche e monumenti naturali e artificiali, il Saudi Tour è pronto a vivere la sua terza edizione da domani 30 gennaio a venerdì 3 febbraio. Organizzata da ASO, la corsa si svolgerà...


Il belga Seppe Van Den Boer ha vinto l'ultima prova della Coppa del Mondo di Ciclocross Juniores che si è svolta a Besancon, in Francia. Il vincitore, classe 2005 originario di Elewijt nel Brabante Fiammingo, ha preceduto di 8" il...


È bello sì, parlare ancora del mio sodalizio con Ed­dy Merckx, un rapporto unico, e non solo perché durato un solo anno di corse assieme, quel ma­gnifico, per tutti e due, 1968. È bello sì, pensare che quando ci incontriamo...


La Broglina. E’ una salita. La partenza da Bollengo, una sessantina di chilometri a nord di Torino, una ventina a sud di Biella. Sei chilometri e 350 metri (e sei tornanti) per passare da 220 a 544 metri, il dislivello...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach