LEFEVERE: «SE SALTA IL TOUR COLLASSA IL SISTEMA CICLISMO»

PROFESSIONISTI | 22/03/2020 | 17:10
di Pietro Illarietti

Sono essenzialmente due le preoccupazioni che il Coronavirus sta portando a Patrick Lefevere, general manager di Deceuninck-QuickStep. La prima è legata alla salute del suo staff e al fatto che qualcuno dei suoi possa risultare positivo al virus. La seconda è relativa agli effetti delle sponsorizzazioni in caso di annullamento del Tour de France. Questo il sunto di quanto espresso nella sua rubrica sul quotidiano belga Het Nieuwsblad.

Lefevere è un team manager da diversi decenni e ha vissuto praticamente tutti gli scenari che lo sport della due ruote ha attraversato. La pandemia globale ha creato scenari senza precedenti e ha reso il ciclismo professionistico debole poiché i governi, impegnati nella lotta al coronavirus, hanno bloccato interi Paesi.

«Ciò che leggo mi preoccupa. Ogni giorno temo che un ciclista o qualcuno dello staff mi chiami per dire che si è ammalato. Con Davide Bramati e Davide Ballerini, per esempio, abbiamo due persone che vivono vicino all'area di Bergamo», ha scritto Lefevere nel suo pezzo.

Il manager è preoccupato anche degli effetti economici che il virus avrà sullo sport.

«Le gare sono state annullate per i mesi di marzo, aprile e maggio, con piccole speranze che le competizioni possano riprendere a giugno. Tuttavia, i campionati europei UEFA - che erano in programma per giugno - sono stati posticipati e c'è una crescente preoccupazione che l'evento principale del ciclismo - il Tour de France - possa essere cancellato o spostato in una data alternativa più avanti nel corso dell'anno. Il fatto è che, mentre non mancano le illazioni, nessuno ha davvero risposte. Non è inconcepibile immaginare uno scenario che non preveda gare per il resto dell'anno, purtroppo...».

«Mi rendo conto che in questa storia, il ciclismo sia solo una nota a piè di pagina, ma sono un team manager di una squadra professionistica, quindi sono anche preoccupato. Tutte le aziende che esportano vedono calare il proprio fatturato. La prima voce di risparmio è sul marketing. Sarebbe ingenuo pensare che l'impatto economico della crisi del coronaviru non si riversi sull ciclismo».

Tuttavia è la potenziale incertezza del Tour che preoccupa maggiormente Lefevere. L'evento clou di luglio può valorizzare o rovinare la stagione di una squadra. I team investono milioni nella consapevolezza di essere ricompensati con un'esposizione mediatica durante l'estate. Diverse squadre sono già sotto pressione per trovare fondi di sponsorizzazione per il 2021. L'attività diventa ora più difficile.

«Quindi stiamo parlando di un disastro totale» aggiunge Lefevere.

«La mia massima è di partire sempre dal caso migliore e poi dal caso peggiore. Nel primo caso corriamo di nuovo a giugno, nel peggiore dei casi, la stagione è finita. Potrei essere un pessimista, ma chi avrebbe osato predire tre settimane fa che metà dell'Europa si sarebbe improvvisamente trovata agli arresti domiciliari?».

Infine, la conclusione: «L'ASO può incassare il colpo, le squadre no. Senza Tour de France, l'intero modello ciclismo può crollare».

Copyright © TBW
COMMENTI
Condivide il pensiero di Fanini
23 marzo 2020 10:52 roger
Ho letto l’intervista ad Ivano Fanini e adesso questa di Lefevre, e noto molte similitudini nella visione di pensiero di entrambi. Conosco personalmente e stimo molto sia Fanini che Lefevre. Lavoro ormai da una vita in squadre ciclistiche, quindi leggendo questi articoli (che dimostrano che in buona sostanza la pensano uguale) rifletto e condivido con entrambi sul fatto che questa stagione sia purtroppo inevitabilmente compromessa. Mi spiace perché ne va dimezzo anche il mio lavoro ma credo proprio che non sarà affatto facile recuperare. Soprattutto per i danni che subiranno le squadre, se non interverranno le istituzioni e l’UCI, facendo ripartire tutti con un concreto aiuto, viste le loro ricche casse.

Non solo...
23 marzo 2020 19:25 FrancoPersico
Pensate anche ai ragazzi. A chi ad esempio è U23 all'ultimo anno e sperava di disputare una bella stagione. FCI e UCI dovrebbero annullare l'anno e concedere un anno extra ai ragazzi. Insomma aiutiamo tutti non solo i Team Manager e le squadre. Vero senza squadre non ci sarà trippa per gatti, ma in un mondo che deve ripartire ricordatevi uno spiraglio anche ai meno fortunati.
Saluti
Franco Persico

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Sono tante le iniziative partite in queste settimane di emergenza sanitaria, a testimonianza dell'ingegno, della capacità e della alacrità della gente d'Italia. Iniziative che hanno sempre un'unica idea di fondo, quella di aiutare. Ci piace segnalarvene una tra queste perché...


La gara vera è stata rinviata ma abbiamo limitato i danni visto che ieri la battaglia sui muri del Fiandre c’è stata ma è stata solo online. Oggi Bkool non è solo una semplice alternativa all’allenamento su strada, ma è...


  Andai a trovare Quirico Bernacchi a casa sua, a Pescia. Mi aprì la porta, il tinello e poi il cuore. Che era grande. “Mia mamma si chiamava Graziosa, lo era di nome e di fatto, un santa. Noi eravamo...


Un solo obbiettivo: la velocità. Velocity HD Race è il prodotto più innovativo ed aerodinamico della gamma Alé, interamente creato usando tessuti testati nella galleria del vento capaci di assicurare il minor attrito possibile con l'aria. per leggere l'intero articolo...


Chi non ricorda l’immagine dello scambio di borraccia al Tour de France del 4 luglio 1952 fra i due campionissimi italiani Fausto Coppi e Gino Bartali? Scambio che finì sulle più famose copertine dei giornali illustrati e rimase impresso una...


Ancora una volta Regala un Sogno è vicino chi soffre e scende in campo al fianco della Protezione Civile per l’emergenza Covid-19. A partire da oggi, infatti, saranno messe all’asta maglie prestigiose come quelle dei due Campioni del Mondo di...


Vicentino di Molina di Malo, a 30 km dal capoluogo, Davide Cattelan è un gigante di 190 centimetri per 80 chili di peso. Un cronoman fatto a misura per tirare il collo agli scalatori, ma anche ai passisti. Un passistone...


  Fino al 31 maggio l’attività ciclistica è sospesa, ma purtroppo come temevamo arrivano le prime soppressioni di gare previste nel mese di giugno. La prima ad essere rinviata al 2021 è la 2^ edizione della Valdibrana-Monsummano Terme per juniores,...


Alla maniera dei grandi: attacco secco sul Paterberg e via, con gli avversari che ti rivedono solo dopo il traguardo. Così Greg Van Avermaet ha vinto la prima edizione della Ronde Lockdown, il Giro delle Fiandre virtuale organizzato da Flanders...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155