L'ORA DEL PASTO. IL PÉDAR E LA SANREMO

STORIA | 06/03/2020 | 07:28
di Marco Pastonesi

 

Chissà se ci sarà anche il Pédar alla Milano-Sanremo. Sulla strada, ma non in corsa, a novant’anni compiuti il 22 febbraio, ci mancherebbe: a Masone, lato destro, tra una fabbrica abbandonata e le auto parcheggiate, dove ci sono tavoli e panchine, piatti di risotto, panini con la bologna e bottiglie di Bonarda, vecchi “suiveur” in allegra attesa del passaggio dei corridori. Come già successo, anche recentemente, lui a onorare e valorizzare una platea popolare, genuina, ciclistica.

Pietro Nascimbene - il Pédar – di Milano-Sanremo ne ha corse cinque: 93° nel 1954, 74° nel 1955, 105° nel 1956, miglior piazzamento 10° nel 1958 (ma solo perché in quella posizione i giudici classificarono 60 corridori del primo gruppo a pari merito), ancora 35° nel 1959. La Classicissima di Primavera non era la sua corsa. Lui era un mulo, un cammello. Lui era un passistone, un gregario. Lui era nato per tirare e spingere. Lui era adatto per scortare e seguire. A Nencini e Albani, Minardi e Defilippis, i suoi capitani, dava del tu, invece a Coppi, il suo capitanissimo (nel 1956 alla Carpano, e anche nel 1959 in una specie di squadra nazionale alla Vuelta) dava del lei. “Coppi era Coppi”.

Il Pédar ne vinse una decina: da una tappa della Vuelta a Asturias (nel 1955) a una della Parigi-Nizza (nel 1958, ma dove fu costretto a lasciare la vittoria finale a un compagno di squadra, Fred De Bruyne), la più avventurosa al Giro del Marocco (nel 1955), la più prestigiosa al Giro d’Italia (nel 1956). Fra le amarezze anche un secondo posto di tappa al Giro d’Italia del 1955: quante volte ci ha chiesto di poter vedere il photofinish dell’arrivo della 17° tappa, la Lido di Jesolo-Trieste, primo Fantini, “eppure sono convinto di avere vinto io”.

Ma se fino a qualche tempo era ancora capace di infiammarsi per quel successo contestato, adesso il Pédar lascia correre. Sembra stanco. Gli anni non sono chilometrici, e novanta sono tanti. O forse è finalmente in pace. Chissà se ci sarà anche lui, con un piatto di risotto preparato da Gigi Belcredi e un bicchiere di Bonarda offerto dalla cantina Bignolino, alla Milano-Sanremo. E chissà se ci sarà anche la Milano-Sanremo.

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Alexis Vuillermoz correrà anche nel 2021 con la maglia della AG2r e anunciando l'accordo con il team manager Vincent Lavenu non nasconde la sua emozione: «Sono commosso da questo segno di fiducia che Vincent Lavenu e lo staff del team...


Di esperienza in cose ciclistiche Ivano Fanini ne ha sicuramente molta. Dal suo osservatorio privilegiato di Lunata, cosa pensa il patron della Amore&Vita Prodir del Giro d’Italia in autunno?«Se l’UCI ha deciso di provare a far ripartire questa stagione, a...


Manca ancora... una vita, ma è meglio portarsi avanti. Il 29 agosto, giorno del Grand Depart del Tour de France è davvero ancora lontano ma in casa B&B Hotels Vital Concept hanno già cominciato a lavorare all'obiettivo e oggi il...


La Deceuninck Quick Step ha gettato le basi per tornare a lavorare in gruppo con i suoi corridori e programmato un raduno di tre giorni che scatterà il 15 giugno. Nel Belgio del Nord, i corridori del Wolfpack occuperanno un...


Dopo il secondo giorno di riposo, la tredicesima tappa della HTV CUp ha proposto una cronometro a squadre sul percorso di Nha Trang. Ad imporsi è stato il team Thanh Pho Ho Chi Minh con il tempo di 38'12". Il...


Miguel Angel Lopez si sta allenando sulle strade di casa, in Colombia, e proprio da lì ha accettato di raccontarsi per parlare di sé e della partecipazione alla sfida #Astana40000KM lanciata ai tifosi dal team kazako. «Sono felice di prendere...


Dal 9 al 31 maggio si sarebbe dovuto disputare il Giro d’Italia 2020. Tuttobiciweb lo corre comunque, giorno per giorno, con la forza della memoria. Oggi la dedica finale a Michele Scarponi: Vincenzo Nibali ci racconta la tappa dell’Aprica al...


Il caso di George Floyd muove anche il mondo del ciclismo. USA Cycling, la Federciclismo degli Stati Uniti ha rilasciato una dichiarazione ufficiale sul caso che sta letteralmente scuotendo gli States. «In quanto leader della comunità ciclistica americana, ammettiamo di...


Ci sono immagini che portano indietro nel tempo e a ricordi dolci e nemmeno troppo lontani... Il pappagallo Frankie era l'amico di Michele Scarponi, e ieri si è appoggiato invece sulla schiena di un altro ciclista, Antonio Nibali. Questa è...


Milo Marcolli è tra i corridori varesini con maggior talento. Ancora non si rende conto appieno delle sue possibilità perchè ha soltanto 15 anni (compiuti a gennaio, ndr) e ha bisogno di crescere sia dal punto di vista fisico che...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155