QUELLA VOLTA DI KOBE AL VELODROMO...

STORIA | 27/01/2020 | 16:33
di Angelo Costa

Nel nuovo velodromo di Londra, inaugurato proprio in quell’Olimpiade del 2012, c’era sempre il pienone. ‘Fortunato lei che può entrare: qui non si trova un biglietto neanche a pagarlo il doppio’, dicevano i passeggeri dei mezzi pubblici ai giornalisti accreditati che viaggiavano col pass olimpico al collo. C’era il pienone anche di vip in quel meraviglioso impianto: i rampolli reali Harry e William con relative compagne, il primo ministro dell’epoca Tony Blair e quello attuale Boris Johnson, quell’anno sindaco della città, oltre a nobili di vario rango. Compreso sir Paul McCartney: posizionato in curva, venne pure invitato a cantare insieme al pubblico ’Hey Jude’, la canzone dei suoi Beatles che introduceva le premiazioni.

Una sera, sulle tribune, sbucò anche Kobe Bryant, trascinato dallo spirito olimpico che ti fa apprezzare qualsiasi sport, indipendentemente dalla passione. Si presentò da solo e seguì quasi l’intero programma della giornata, dalle qualificazioni alle finali. I tabloid inglesi avrebbero poi scritto che in realtà era in compagnia di  una nuotatrice australiana, Stephanie Rice, vincitrice di tre ori a Pechino nel 2008: pochi giorni prima, quando il campione dei Lakers si era recato con la famiglia a seguire le gare di nuoto, si era fatta una foto con lui e l’aveva postata su Twitter. Vero o no che fosse, Kobe al velodromo passò l’intera giornata, magari ricordando di quando aveva imparato a pedalare. Anche questo accadde nei suoi anni italiani e proprio ad una bici è legato uno degli aneddoti di quel periodo: a Pistoia, una delle città in cui giocò suo papà Joe, il piccolo Bryant scommise col presidente che si sarebbe fatto riprendere in diretta Rai mentre asciugava il campo durante l’All Star game. Vinse la scommessa e come premio ricevette una mountain bike rossa: si sarebbe poi divertito ad usarla sulle nostre strade, fra un allenamento e l’altro di basket.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Baby Evenepoel continua a sorprendere. Il giovane talento belga della Deceuninck Quick Step mette il sigillo sulla Volta ao Algarve vincendo anche la crono finale di Lagoa. Sui 20, 7 km del percorso, Evenepoel si è preso il lusso di...


Sprint a due nella 61sima Coppa San Bernardino di Lugo (Ra) e successo di Davide Bauce. Il portacolori della Delio Gallina Colosio Eurofeed, protagonista di un bel finale di corsa, allo sprint ha regolato Stefano Alberti del team Aries Cycling,...


Jakob Fuglsang ha vinto la 66sima Vuelta a Andalucia-Ruta del Sol che oggi si è conclusa con la cronometro individuale di 13 km a Mijas dove invece si è imposto il belga Dylan Teuns, della Bahrain McLaren, che ha preceduto...


Continua il buon momento di Nairo Quintana che mette a segno la quarta vittoria di questa stagione conquistando anche la classifica finale del Tour des Alpes Maritimes et du Var che stamane si è conclusa con il successo del francese...


Che splendido fine settimana e che esaltante doppietta nel giro di 24 ore per Leonardo Marchiori, velocista principe del ciclismo dilettanti nazionale. Marchiori ha portato la sua maglia blu, quella del Team NTT Continental Cycling Team davanti a tutti anche...


Si chiude con un quinto e un secondo posto di tappa il Tour of Antalya di Filippo Fortin. Certo, un velocista corre sempre per vincere, ma viste le circostanze di corsa si può dire siano stati quattro giorni positivi per...


L'ex ciclista svizzero Pirmin Lang ha confessato di aver fatto parte della rete di doping venuta a galla in occasione dei Mondiali di sci nordico dello scorso anno grazie all'Operazione Aderlass. Messo alle strette dalle rivelazioni della Neue Zürcher Zeitung,...


Pascal Ackermann conferma tutto il bene che si dice di lui e vince una volta di gran classe, imponendosi nella prima tappa dell'UAE Tour. Nel cuore di Dubai, il portacolori della Bora Hansgrohe ha messo in fila Ewan, Barbier, Groenewegen...


Era il grande favorito per le volate di questo Tour of Antalya, ma Tim Merlier è riuscito a lasciare il suo sigillo solo all'ultima tappa. Il campione belga della Alpecin-Fenix è riuscito ad anticipare Filippo Fortin (Felbermayr-Simplon Wels), che aveva...


Il kazako Yevgeniy Fedorov (Vino-Astana Motors) ha vito per dustacco la prima tappa del Tour du Rwanda. Alle sue spalle, nell'ordine, gli eritrei Mulueberhan e Girmay Hailu. Fedorov indossa ovviamente la prima maglia di leader della classifica generale. ORDINE D'ARRIVO...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155